helecho 7

Cosa sono le piante vascolari?

Foglie di felce


Il regno vegetale è antico e molto, molto ampio. Ci sono miliardi di specie, e si crede ancora che l'essere umano non abbia finito di scoprire tutto, quindi è molto probabile che abbiamo ancora una buona percentuale di piante da scoprire.


All'interno di questo gruppo troviamo le piante vascolari, un tipo di essere vegetale che è attualmente il più abbondante sul pianeta Terra. Quali sono le loro caratteristiche principali? Quelli che vi racconteremo qui sotto 🙂 .

Cosa sono le piante vascolari?


Un giardino è pieno di piante vascolari


Sono tipi di piante che hanno radici, fusti e foglie, che si alimentano grazie a un sistema vascolare che è responsabile della distribuzione dell'acqua e delle sostanze nutritive affinché possano svilupparsi e crescere. Questo sistema è formato dallo xilema, che distribuisce la linfa grezza dalle radici alle foglie, e dal floema, che è incaricato di trasportare la linfa elaborata dalle foglie al resto della pianta.


All'interno di questo gruppo ci sono due divisioni, che sono:



  • Pteridofite: sono quelle piante che si riproducono tramite spore, come le felci o gli echiseti.

  • Spermatofite:Gimnosperme: non hanno frutti che proteggono il seme e i fiori sono unisessuali, come le conifere, le cicadi o il Ginkgo biloba.Angiosperme: i fiori possono essere ermafroditi, e proteggono sempre il seme. Si dividono in due: – Monocotiledoni: sono quelli che hanno una sola foglia embrionale, come le erbe o le palme.- Dicotiledoni: hanno due cotiledoni e crescita secondaria, come gli alberi o gli arbusti.

Quanto sono utili?


Le piante vascolari sono di enorme importanza per gli esseri umani. Molti di loro producono frutti commestibili; altri sono così belli che li usiamo per decorare giardini e cortili; da altri estraiamo la loro linfa per preparare succhi o medicine. Senza questi tipi di piante, la gente avrebbe seri problemi a tirare avanti.


Esempi di piante vascolari


Ci sono così tante piante vascolari, così tante che piuttosto che parlarvi di certe specie, possiamo parlarvi di tipi di piante. Per esempio:


Albero


Un albero è una pianta vascolare legnosa.


Un albero è una pianta con un fusto legnoso che si ramifica a una certa altezza (più o meno, da 5 metri). La sua chioma può essere piramidale, ovoidale, arrotondata o di qualsiasi altro tipo, ed è formata da rami da cui spuntano foglie sempreverdi, decidue o semidecidue. Producono anche fiori di diverse varietà e dimensioni, e ci sono anche molte specie i cui frutti sono commestibili, come il pesco, il mandorlo o l'arancio.


Arbusto


Un arbusto è una pianta vascolare di piccola altezza.


Un arbusto è una pianta legnosa che non supera i 5 metri di altezza. Si ramifica a breve distanza da terra e la sua corona è solitamente molto densa. Le sue foglie sono sempreverdi o decidue, con forme e colori che variano da una specie all'altra, e di solito producono fiori di grande valore ornamentale, motivo per cui viene spesso coltivata in giardini, terrazze e patii, come l'azalea o


Cactus


I cactus sono piante vascolari, generalmente con spine.


Un cactus è una pianta succulenta, generalmente spinosa, che si trova in America. I suoi steli sono globosi, colonnari, arborei o cespugliosi, e producono fiori non molto grandi di diversi colori. Può crescere tra i 3 centimetri e i 20 metri a seconda della varietà. Si coltiva in balconi, patii, terrazze e giardini, poiché ha un valore ornamentale molto alto. Ma bisogna anche dire che c'è qualche specie di cui si consumano i frutti, come l'Opuntia ficus-indica.


Conifera

Il cipresso è una conifera, cioè un tipo di pianta vascolare.


Una conifera è una pianta arborea che può raggiungere altezze di più di 30 metri, così come un'età di più di 5000 anni. Di solito si mette nel gruppo degli alberi, ma poiché la conifera è una gimnosperma che si è evoluta per più di 300 milioni di anni, e l'albero è un'angiosperma che ha cominciato ad evolversi circa 130 milioni di anni fa, crediamo sia importante separarli. Inoltre, le sue foglie sono quasi sempre persistenti, aciculari, e i suoi frutti sono coni o pigne. Alcune specie sono usate nei giardini o come bonsai, come il Cupressus sempervirens; e ce ne sono altre da cui si estraggono i semi per il consumo, come il Pinus pinea.


Crassia


Le Aloe sono piante vascolari succulente.


Una crassula è una pianta succulenta non-cactus originaria soprattutto dell'Africa, che può crescere tra i 2 centimetri e i 4-5 metri a seconda della specie. Le sue foglie, fiori e steli sono molto variabili. Alcune specie sono arboree, altre sono erbacee basse e altre ancora sono arbustive. Sono molto popolari nelle collezioni, come Lithops o Aloe.


Herb


L'erba è una pianta vascolare con steli verdi.


Un'erba è una pianta con steli verdi. Ce ne sono due tipi: quella a foglia stretta, che è la graminoide, e quella a foglia larga, che è la forb. Molte specie sono annuali, cioè germinano, crescono, fioriscono, danno frutti e muoiono in un anno; altre sono biennali (vivono per due anni) e altre ancora sono perenni (vivono per più di due anni). Alcune sono addirittura biennali ma vengono coltivate come annuali, come la Beta vulgaris var. cicla (meglio conosciuta come bietola); e altre sono perenni ma a causa del freddo inverno vengono coltivate come annuali, come la gerbera.


Palma


Le palme sono erbacce giganti


Una palma è un'erba gigante, conosciuta come megaforbice, che può raggiungere altezze di 30 metri o più. Di solito ha un solo stelo (falso tronco), anche se ci sono specie che possono averne diversi, come Chamaerops humilis o Phoenix dactylifera. Le sue foglie, grosso modo, sono pennate o a ventaglio, sempre persistenti. Sono molto popolari nei giardini, ma anche nei patii, nelle terrazze e persino negli interni; ora, i frutti di molte di esse sono un vero piacere per il palato, come quelli della stessa palma da datteri, o la palma da cocco(Cocos nucifera).


Cosa sono le piante non vascolari e quali sono?

Il muschio è una pianta non vascolare

Muschio sul tronco di un albero.


Le piante non vascolari sono quelle che non hanno un sistema vascolare, cioè non hanno xilema e floema. Per facilitare la comprensione, le loro foglie non sono vere foglie, ma sono in realtà foglie sciolte prodotte da cellule, senza stomi, cuticole e nemmeno spazi d'aria.


Queste piante sono anche conosciute come briofite e si dividono in due gruppi:



  • Senza vasi conduttori: sono le epatiche. Assorbono acqua e nutrienti attraverso la superficie della pianta.

  • Con vasi conduttori primitivi: hanno vasi, ma molto primitivi che mancano di xilema e floema. Sono attaccati al suolo grazie a un sistema primitivo di radici noto come rizoidi, e le loro foglie sono molto semplici e sono chiamate fillodi. Un esempio di questo tipo è il muschio.

L'hai trovato interessante? Se vuoi saperne di più, clicca qui:

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *