dracaena marginata hojas

Come curare la Dracaena marginata?

Vista di Dracaena marginata


Questa è una delle piante più comuni nei vivai, e non c'è da stupirsi: la sua bellezza e la facilità di coltivazione la rendono una specie molto interessante da coltivare sia all'interno che, se il clima è caldo, all'esterno. Stiamo parlando, naturalmente, del Dracaena marginataun arbusto con foglie bicolori che ci piace tanto.


Ha un tasso di crescita piuttosto lento, ma questo è più una gioia che uno svantaggio perché significa che puoi controllare meglio il suo sviluppo. Impara tutti i suoi segreti.

Origine e caratteristiche

Dracaena marginata è un grande arbusto.


Il nostro protagonista è un arbusto o alberello che di solito cresce fino a 5 metri, ma in habitat e in climi tropicali caldi può superarli e raggiungere i 10m. Il suo nome scientifico è Dracaena marginata o Dracaena reflexa var. angustifolia, ed è conosciuta con i nomi comuni dracaena, dracaena marginata o dracaena de hoja fina.


Può avere uno o più tronchi il cui spessore non supera i 40 cm di diametro. Le foglie sono da lineari a lanceolate, lunghe 30-90cm e larghe 2-7cm, con un margine rosso scuro. C'è una varietà, ‘Pink', che è più rosa-arancio.


Come si cura?


Se si desidera avere un campione, si raccomanda la seguente cura:


Posizione



  • All'aperto: è una pianta che ha bisogno di protezione dal sole, soprattutto durante la sua giovinezza. Idealmente, dovrebbe essere posizionato in una zona semi-ombreggiata e, man mano che cresce in altezza, dovrebbe abituarsi alla luce.

  • All'interno: è importante metterlo in una stanza con molta luce naturale, ma attenzione: non metterlo proprio di fronte alla finestra perché si brucia.

Suolo



  • Giardino: preferisce terreni sabbiosi e ben drenati.

  • Vaso: si consiglia di mettere un primo strato di compost (lo si può trovare qui), arlite (in vendita qui) o simili.

Irrigazione

Le foglie di Dracaena marginata possono essere verdastre o più arancioni.

Immagine – Flickr/Forest & Kim Starr


La Dracaena marginata è una pianta tollerante alla siccità, ma non troppo. Soffre anche di ristagni d'acqua. Pertanto, per evitare problemi, oltre a piantarlo in un terreno con un buon drenaggio, è altamente raccomandato che prima di annaffiarlo si controlli l'umidità del terreno.Come si fa? Molto facile:



  • Usando un misuratore di umidità digitale: quando lo introduci nel terreno ti dirà se è secco o no.

  • Introducendo un bastoncino di legno sottile: se esce con molta terra attaccata, non innaffiarlo.

  • Pesare il vaso una volta innaffiato e di nuovo dopo qualche giorno: il terreno bagnato pesa di più di quello asciutto. Notando questa differenza di peso saprete quando innaffiare e quando no.

Oltre a questo, bisogna tener conto del fatto che non si possono bagnare le foglie o il tronco quando si innaffia. Le piogge non lo influenzano, purché non siano troppo continue, poiché di solito cadono in giorni nuvolosi; ma se si bagnano le foglie possono scottarsi.


Fertilizzazione di


Da metà primavera all'inizio dell'autunno si può concimare con fertilizzanti organici come il guano, che è ricco di ferro. Si può trovare nei vivai, ma anche qui in forma liquida (ideale per i vasi) e qui in polvere (per il giardino).


Moltiplicazione


La Dracaena marginatasesi moltiplica per semi e talee in primavera. Vediamo come procedere in ogni caso:


Semi



  1. La prima cosa da fare è riempire un vaso di 10,5 cm di diametro con terriccio universale mescolato in parti uguali con perlite.

  2. Poi annaffiare abbondantemente e mettere un massimo di due semi nel vaso.

  3. Poi copriteli con uno strato sottile di compost e annaffiateli di nuovo, questa volta con una bottiglia spray.

  4. Infine, mettete il vaso all'esterno in penombra.

Germineranno in 2 o 3 settimane al massimo.


Talee


Per moltiplicarlo per talea, tagliate un pezzo di ramo maturo – legnoso – lungo circa 30-35 cm, impregnate la base con un radicante fatto in casa e piantatelo in un vaso con vermiculite, in un luogo protetto dal sole.


Potatura

I fiori di Dracaena marginata sono bianco-giallastri.

Immagine – Wikimedia/Forest & Kim Starr


Non è necessaria alcuna potatura. Basta rimuovere tutti i rami che sono secchi, malati, deboli o rotti nel tardo inverno, così come – se si arriva a loro 🙂 – qualsiasi fiore appassito.


Tempo di piantagione o trapianto


In primavera, quando il rischio di gelo è passato. Se in vaso, trapiantate non appena vedete le radici uscire dai fori di drenaggio o ogni 2-3 anni.


Parassiti e malattie


Può essere colpito da acari e cocciniglie, che possono essere eliminati con insetticidi specifici o semplicemente pulendo le foglie con acqua e sapone neutro.


In ambienti molto umidi, anche funghi che fanno marcire le radici e/o il resto della pianta. Si combattono con i fungicidi, ma è meglio prevenirli controllando l'irrigazione.


Problemi


I problemi che può avere sono:



  • Foglie appassite: questo è dovuto all'eccesso di acqua. Ridurre la frequenza delle annaffiature.

  • Foglie inferiori gialle: è normale. Man mano che invecchiano, prima ingialliscono e poi diventano marroni.

  • Foglie marroni, pianta dall'aspetto triste: l'ambiente è troppo umido. Ridurre l'irrigazione e non spruzzare.

  • Foglie con parti secche: l'ambiente è troppo secco. Mettere dei bicchieri d'acqua o un umidificatore intorno alla pianta.

Resistenza


Per esperienza posso dirvi che sopporta bene il freddo e le gelate sporadiche e brevi fino a -1'5ºC, ma solo se è un po' riparata (per esempio, se è piantata davanti a piante più grandi di lei, o dietro un muro).

Le foglie della Dracaena marginata sono di due colori


Spero che ti piaccia la tua Dracaena marginata.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *