hortalizas 1

Classificazione delle verdure per famiglia

Le verdure sono piante commestibili


Graminacee, liliacee, legumi, quenopodiacee, aizoacee… Ufff, se non avete conoscenze precedenti di botanica o giardinaggio, all'inizio sarete persi. Quando in un manuale o in un post si dice: «non associarlo alle cucurbitacee, come? beh, non volevo farlo, ma… di cosa stiamo parlando? Bene, stiamo parlando di famiglie botaniche di verdure ed è conveniente conoscerle (o almeno averne individuato la classificazione).


È interessante avere un articolo che elenca le principali famiglie e le specie che comprendono, con il loro nome comune. Quindi confido che quello che sto per dirvi sarà utile a tutti coloro che stanno iniziando la creazione di un orto urbano.


Anche se può sembrare un po' complicato, soprattutto all'inizio, non è davvero così complicato 😉 . Qui scoprirete perché:

Solanaceae


Vista della foglia, del fiore e del frutto di una pianta di pomodoro.


In questa famiglia ci sono 98 generi e circa 2700 specie che si possono trovare in tutto il mondo, ma soprattutto in Sud e Centro America. Sono piante con foglie alterne, semplici e senza stipole, cioè senza alcuna struttura formata su entrambi i lati della base di queste foglie, che di solito è lamellare.


Possono crescere come piante erbacee annuali, biennali o perenni, ma generalmente la maggior parte sono di breve durata. La loro altezza è tra i 20 centimetri e un metro, e producono fiori molto belli con petali bianchi, gialli o rosa. Il frutto può essere a capsula o a drupa, e all'interno si trovano numerosi semi.


Alcune sono ornamentali, come le petunie, ma quelle che ci interessano sono quelle orticole, e come esempi abbiamo pomodori, peperoni, patate o melanzane.


Compositae


Lattuga nel giardino


Chiamate anche asteracee, sono la famiglia di piante più numerosa, con circa 1600 generi e più di 23500 specie diffuse in tutto il mondo. Sono normalmente piante perenni, ma alcune sono annuali o biennali. La loro principale caratteristica – e attrazione – sono i loro fiori, che sono molto simili a quelli delle margherite ma più piccoli. Sono ermafroditi, raramente unisessuali, di vari colori (bianco, rosa, giallo, viola).


Le foglie sono alterne e spesso a spirale, erbacee, carnose e/o coriacee. Il frutto è una cipsela, cioè un frutto il cui seme ha una specie di paracadute molto leggero che lo aiuta a disperdersi.


Molti sono anche usati nei giardini, come gli stessi Astri, ma in un orto è più interessante avere indivia, scarola, girasoli, lattughe o carciofi.


Liliaceae


Aglio


Le Liliaceae sono piante perenni, erbacee e spesso bulbose o rizomatose, originarie delle regioni temperate dell'emisfero settentrionale, soprattutto nel sud-ovest dell'Asia. Le foglie sono alterne e a spirale, verdi. Le infiorescenze sono composte da fiori ermafroditi, grandi e vistosi in principio. Il frutto è una capsula con semi piatti arrotondati o globosi.


Il bulbo o rizoma si trova di solito sottoterra, e serve come ancora di salvezza durante la stagione non vegetativa, perché grazie ad esso possono rimanere ben nutriti fino al ritorno del bel tempo.


Esempi di verdure di questa famiglia? Abbiamo aglio, cipolle, porri e asparagi. Tutti facili da coltivare, anche in vaso 😉 .


Cucurbitacee


Zucche


Si tratta di piante rampicanti, per lo più annuali, originarie delle regioni temperate e calde dell'America e dell'Europa. Sono caratterizzati dall'essere coperti da peli e dallo sviluppo di una sola foglia per nodo. I fiori sono piccoli, gialli o bianchi, semplici. Il frutto ha una forma arrotondata o allungata ed è spesso commestibile. All'interno di questo troviamo semi scuri e duri.


Hanno una crescita abbastanza rapida, ma siccome tendono anche ad occupare molto spazio si coltivano direttamente in terra, o in vasi molto grandi, altrimenti i frutti che producono sono così piccoli che non vale la pena provare 🙁 .


In questa famiglia abbiamo melone, anguria, zucca, zucca, zucchina, cetriolo e alficoz.


Chenopodiaceae


Le barbabietole sono commestibili


In realtà, le Chenopodiaceae sono una sottofamiglia delle Amaranthaceae, ma poiché gli amaranti e le piante affini non sono commestibili (infatti, alcuni sono tossici, come l'amaranto stesso), a volte nelle guide orticole e così via, sono elencati come una famiglia e non come una sottofamiglia. Ma bene, andiamo al punto: queste piante sono di solito erbacee, raramente arbusti e rampicanti, originarie delle regioni caldo-temperate dell'Europa meridionale.


Le foglie sono semplici e alterne, anche se possono non averle. I fiori sono piccoli, ermafroditi o unisessuali, e sono raggruppati in infiorescenze bianche, marrone chiaro o rosa. Le radici sono rizomatose e in alcuni casi sono commestibili.


Le verdure di questa famiglia sono bietole, spinaci e barbabietole.


Cruciferae


Il cavolfiore è una pianta commestibile.


Chiamate anche Brassicaceae, sono erbe annuali, biennali o perenni con circa 338 generi e 3709 specie originarie delle regioni temperate e fredde del mondo. Le foglie sono alterne o distribuite in rosette, semplici o divise, e senza stipole.


I fiori sono ermafroditi, con 4 petali biancastri o rosati, e sono raggruppati in infiorescenze a grappoli, corimbi o ombrelli. E il frutto è una capsula secca allungata nota come siliqua o silicula che protegge numerosi semi.


Questa famiglia raggruppa le verdure tipiche dell'inverno, come il broccolo, la rapa, il ravanello, il cavolo e il cavolfiore.

Articolo correlato:Brassicaceae (Brassicaceae)

Umbelliferae


Le carote sono molto sane


Oggi chiamate apiaceae, sono piante erbacee, annuali o perenni

che formano una famiglia di 440 generi e più di 3500 specie distribuite in tutto il mondo. Sviluppano uno stelo solitamente allungato, con foglie alterne, intere e di colore verde scuro. Hanno un sistema radicale composto da una radice solitamente carnosa, di forma tubolare, e altre radici secondarie più sottili.

I suoi fiori sono generalmente ermafroditi, composti da una corolla con 5 petali bianchi, gialli o rosa, e sono raggruppati in infiorescenze in ombrelli semplici o composti. Il frutto è secco e schizocarpico (cioè, al suo interno si sviluppa un unico seme).


Le ombrellifere interessanti per l'orto sono carote, pastinaca, prezzemolo e sedano.


Piante leguminose


Semi di fave sul tavolo


Conosciute anche come fabacee, sono una famiglia composta da 730 generi e circa 19.400 specie diffuse in tutto il pianeta, soprattutto nelle regioni tropicali e subtropicali. Ci sono alberi, arbusti, erbe perenni o annuali

, e sono caratterizzati da foglie sempreverdi o decidue, alterne, con stipole, e spesso composte (pennate, bipennate, digitate o trifoliate). Le loro radici sono di solito pivotali, profonde e spesso stabiliscono relazioni simbiotiche con batteri del genere Rhizobium, che li aiutano a fissare l'azoto nel suolo.

I fiori, piccoli o grandi, sono solitari o raggruppati in infiorescenze a grappoli o ombrelli, e sono bianchi, gialli, rosa, rossi o arancioni. Il frutto, chiamato legume, è lungo, sottile e appiattito. I semi sono arrotondati e duri, di colore scuro (spesso nero).


I legumi vegetali includono fave, fagioli, erba medica, piselli e veccia.

Articolo correlato:Cos'è una pianta leguminosa?

Erbe


Impianto di riso indonesiano


Le graminacee, o poacee, sono la quarta famiglia botanica più numerosa, con 820 generi e 12.100 specie erbacee o raramente legnose

provenienti da tutto il mondo. Si trovano dalle zone desertiche alle montagne più alte.

I fusti sono da cilindrici a ellittici, e hanno foglie alterne composte da guaina (circonda il fusto), ligula (può essere un gruppo di peli o un'appendice membranosa che unisce la guaina alla lama) e lama o lamina, che è semplice, e con i nervi paralleli tra loro. I fiori sono raggruppati in infiorescenze note come spighette, e sono ermafroditi o unisex, bianchi o gialli. Il frutto o il grano è secco, con un solo seme.


In questa famiglia troviamo mais, avena, orzo, grano, riso e segale.


Spero che ora tu sappia di più su questo argomento 🙂 .

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *