magnolia stellata

Magnolia: varietà, cura e altro

Gli alberi sempreverdi sono piante sempreverdi.


Lamagnolia è un albero impressionante. Cresce fino a un'altezza di circa dieci metri, e la sua corona è molto ampia, ideale per tutta la famiglia per godersi una bella giornata estiva all'ombra dei suoi rami. Anche se il suo tasso di crescita è lento, soprattutto quando il clima non è il più adatto, è una pianta che produce fiori fin da un'età molto giovane, anche in un vaso.


La sua cura e manutenzione non sono complicate. Ma è importante piantarlo in un terreno o substrato che permetta alle sue radici di crescere senza problemi. Altrimenti, l'albero di magnolia avrebbe foglie ingiallite, o non fiorirebbe, o forse potrebbe anche finire con un parassita.

Origine e caratteristiche dell'albero di magnolia


La magnolia è un tipo di grande albero.


Magnolia è il nome dato a un certo numero di specie, in totale ci sono circa 120, del genere Magnolia. La maggior parte di loro vive in Asia, soprattutto verso est, ma ce ne sono alcuni che crescono in America. Molti di loro sono grandi alberi, che superano i dieci metri di altezza, e sviluppano anche un ampio baldacchino. Tuttavia, come vedrete di seguito, ci sono alcuni tipi di magnolie che sono davvero interessanti da coltivare in vaso e/o in piccoli giardini a causa delle loro dimensioni.


In generale, stiamo parlando di piante con foglie grandi, semplici e un po' coriacee. I suoi fiori sono anche grandi, misurando almeno cinque centimetri di diametro; inoltre, possono essere bianchi, rosa o rossastri, oltre che aromatici. Poiché la magnolia è apparsa prima delle api, si è sviluppata per essere impollinata dai coleotteri.


Qual è la differenza tra la magnolia e la magnolia?


In termini botanici, Magnolia è il genere che raggruppa le 120 specie che sono state descritte, e magnolia è il nome comune. Ma oltre a questo, non c'è altro, poiché entrambe le parole si riferiscono alle stesse piante.


Varietà di magnolia


Sapevi che ci sono molte varietà? Hanno tutti fiori molto decorativi. E se non mi credete, date un'occhiata a quelli che vi presenteremo qui sotto.


Magnolia denudata

La Magnolia denudata è un albero con fiori bianchi.

Immagine – Wikimedia/harum.koh


Questa varietà è conosciuta come la magnolia yulan, o semplicemente yulan, ed è originaria della Cina. Come curiosità, dovete sapere che è stato coltivato dai monaci buddisti del paese fin dal 600 a.C. Cresce fino a 15 metri di altezza, ed è deciduo. I fiori sono bianchi e misurano 10-16 centimetri di diametro.


Magnolia grandiflora

La Magnolia grandiflora ha grandi fiori

Immagine – Flickr/Cathy Flanagan


La Magnolia grandiflora è una delle più facili da ottenere. Originario del sud-est degli Stati Uniti, cresce fino a un'altezza di 35 metri. Ha foglie sempreverdi, il che significa che rimane sempreverde. I suoi fiori sono tra i più grandi di tutte le mangolie, misurando 20-22 centimetri di diametro.


Magnolia liliiflora


La Magnolia liliiflora è un tipo di albero di magnolia.


Questa varietà ha diversi nomi comuni: magnolia tulipano, albero di giglio, magnolia giglio. È originario della Cina e cresce fino a 4 metri di altezza. È deciduo e produce molti fiori dal rosa al viola.


Magnolia x soulangeana

Magnolia x soulangeana, una varietà di magnolia con fiori rosa

Immagine – Wikimedia/Berthold Werner


Questo tipo di Magnolia, chiamata magnolia cinese, magnolia tulipano o magnolia Soulange, è in realtà un ibrido ottenuto incrociando Magnolia denudata e Magnolia liliiflora. È una delle più adatte ai piccoli giardini perché raramente supera i 5 metri di altezza. Naturalmente, bisogna sapere che le sue foglie sono decidue, quindi cadono in autunno. Da essa sono state ottenute diverse varietà, come Alba, con fiori bianchi, o Norbertiana, con grandi fiori bianchi e fogliame viola.


Magnolia stellata


La Magnolia stellata è un tipo di magnolia con fiori bianchi.


La magnolia stellata è originaria del Giappone e ha un portamento cespuglioso con un'altezza di 3, massimo 4 metri. Ha foglie decidue e fiori di circa 10 centimetri di diametro con una forma di stella davvero spettacolare. Sono disponibili in bianco o rosa:

La Magnolia stellata può avere fiori rosa


Sono belli, vero?


Magnolia kobus

La Magnolia kobus produce fiori bianchi


La Magnolia kobus è anche originaria del Giappone, ed è per questo che è conosciuta come la magnolia del nord del Giappone. Cresce fino a un'altezza di 20 metri, con un diametro della corona fino a 12 metri. Le sue foglie cadono in autunno, ma è una bella pianta anche senza.


Cura della magnolia


Le magnolie sono alberi o arbusti molto decorativi. Tutti loro la prima cosa che fanno quando arriva la primavera è fiorire, come se volessero dare il benvenuto alla stagione. Se siete incoraggiati ad averne uno, è il momento di sapere come prendersene cura:


Posizione

L'albero di magnolia ha sentito la neve

Immagine – Wikimedia/Gzen92


Queste piante sono destinate ad essere coltivate all'esterno. Ma la posizione esatta varia a seconda del clima:



  • Clima mediterraneo: in queste zone devono stare in penombra o all'ombra, affinché le loro foglie non si brucino.

  • Clima continentale: se l'umidità è alta, possono stare in pieno sole.

  • Clima tropicale: in questi luoghi è consigliabile solo la Magnolia grandiflora, che può vivere in pieno sole se piove spesso o l'umidità è alta, o in ombra altrimenti.

Terreno o substrato



  • Giardino: le magnolie crescono in terreni acidi e leggeri. Per questo motivo, non dovrebbero essere piantati in terreni alcalini e/o molto compatti, perché rischiano di perdersi.

  • Vasi: dipende dal clima. Se è mediterraneo consiglio di piantarli in akadama (in vendita qui) mescolato con il 30% di kiryuzuna (in vendita qui) o pomice (in vendita qui); se è continentale o temperato-freddo si può usare substrato per piante acide (in vendita qui) o fibra di cocco (in vendita qui) per esempio.

Irrigazione


Le magnolie hanno esigenze idriche elevate. Non sono piante che tollerano la siccità. Per questo motivo, dobbiamo assicurarci che non manchi loro l'acqua, annaffiandoli tre o quattro volte alla settimana durante l'estate se necessario (cioè, se viviamo in una zona dove piove poco e le temperature sono di 30ºC o più). In inverno, invece, dovrebbero essere annaffiati di meno.


È necessario utilizzare acqua piovana, o in suo difetto acqua dolce il cui pH è compreso tra 4 e 6 punti. Se devono essere tenuti in vaso, cercate un contenitore con dei fori nella base in modo che l'acqua possa defluire ogni volta che vengono annaffiati.


Fertilizzazione di


In primavera e in estate si consiglia di concimarli con fertilizzanti per piante acide, seguendo le istruzioni per l'uso. Si può anche aggiungere guano (in vendita qui), o compost di tanto in tanto.


Potatura delle magnolie


Lapotatura delle magnolie non è raccomandata. Impiegano molto tempo a guarire, e mentre lo fanno possono essere esposti ad alcuni parassiti e/o malattie. Tendono anche a perdere un po' della loro bellezza naturale.


Se devono essere potati, è preferibile farlo in autunno piuttosto che alla fine dell'inverno, soprattutto se si tratta di una pianta già in fiore. Questo evita di ritardare la sua fioritura e/o di impoverirla.


Tempo di piantagione o trapianto


La magnolia è un albero a crescita lenta


Se vuoi piantarli nel tuo giardino devi aspettare la primavera. Inoltre, in quel momento puoi spostarli in vasi più grandi se vedi che li hanno superati (questo succede quando sono stati nello stesso vaso per 3 o 4 anni).


Parassiti


Non ne hanno molti. Infatti, a parte alcuni dei più comuni (cocciniglia, mosca bianca, ragnetto rosso), è difficile che ne abbiano di più, a meno che il clima non sia molto caldo e/o secco. In ogni caso, si rimuovono con acqua e sapone neutro diluito, o con terra diatomacea.


Malattie delle magnolie


Sono piante molto resistenti, ma ce ne sono alcune che possono avere:



  • Canker: si tratta di una malattia fungina che appare negli esemplari adulti che provoca l'inanellamento dei rami, facendoli seccare. Il trattamento consiste nel potare le parti colpite e applicare un fungicida (in vendita qui). Più informazioni.

  • Macchia fogliare di alghe: non è molto grave, ma se vedete che le foglie hanno macchie marroni con un tocco vellutato è probabilmente questa malattia. Può essere corretto mantenendo un buon programma di irrigazione e concimazione.

  • Macchie fungine sulle foglie: ci sono diversi funghi che possono colpirle, come la phytophthora, la peronospora o l'oidio. Appaiono soprattutto quando vengono annaffiati eccessivamente. Quindi, se vedete macchie grigie, marroni o rosa, tagliate le parti colpite e trattate con un fungicida sistemico (in vendita qui).

  • Marciume del legno: può colpire solo la corteccia o anche la parte interna. Si può sospettare che l'albero abbia questa malattia se si vedono alcuni rami e/o foglie secche, o se la linfa esce dal tronco. In caso di dubbio, la cosa migliore da fare è contattare uno specialista in patologia vegetale per sapere come trattarlo.

Moltiplicazione


Le magnolie si moltiplicano per semi in inverno, poiché devono passare il freddo prima di germinare, e per talee semilegnose in primavera.

Articolo correlato:Come stratificare i semi passo dopo passo

Resistenza


Varia a seconda della specie, ma la grande maggioranza resiste a temperature fino a -12ºC.

Le varietà a foglia caduca sopportano di più, fino a -18ºC, anche se queste ultime non sono adatte alla coltivazione in climi tropicali né subtropicali.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *