Tutto quello che devi sapere sulla coltivazione dei funghi

raccolta di funghi


I funghi sono molto apprezzati per il loro eccellente sapore e la loro versatilità quando si tratta di fare molti piatti sani. È anche amato per il suo alto contenuto di proteine e minerali.


Il fungo è un fungo eterotrofo, cioè riceve nutrienti dal suolo perché non fa fotosintesi. Non avendo clorofilla, non può fotosintetizzare. Ci sono molte specie di funghi e molti piatti deliziosi che possono essere preparati con loro. Vuoi sapere come coltivare i funghi e quali piatti puoi preparare?

Varietà di funghi


funghi naturali


Il suo nome scientifico è Agaricus bisporus e proviene dalla divisione dei basidiomiceti. Inoltre, ha anche altri nomi comuni come Paris mushroom o portobello. Esistono varietà di questa specie, le più comuni sono l'Agaricus bisporus var. albidus, abbiamo anche Agaricus bisporus var. avellaneus e Agaricus bisporus var. bisporus.


I funghi erano molto utili durante le guerre mondiali, poiché hanno bisogno del buio per crescere e proprio nei rifugi c'era abbastanza buio. La sua riproduzione è relativamente facile e grazie al suo alto contenuto di minerali e proteine è diventato abbastanza famoso e diffuso in tutto il mondo.


Ci sono due varietà principali di funghi. Il primo è il fungo selvatico, che cresce da solo in natura. Sono di colore bianco e a volte hanno delle scaglie nella parte centrale del cappello. Possiamo trovarli nei prati dove c'è un certo livello di oscurità o ombra e hanno anche bisogno di molta materia organica sotto forma di letame. D'altra parte, abbiamo il fungo coltivato, che ha un cappello coperto di squame brunastre.


Grazie alle cure quasi inesistenti richieste dal fungo e al piccolo spazio di cui ha bisogno per riprodursi, non è una cattiva idea realizzare la propria raccolta di funghi nel nostro giardino di casa.


Come si riproduce il fungo?


Riproduzione di funghi


Il fungo Paris o Portobello è un tipo di fungo che si riproduce per mezzo del micelio. Il micelio è il meccanismo di nutrizione dei funghi che è costituito da un insieme di filamenti. La parte fertile del fungo è il cosiddetto imenio. L'imenio è formato da lamelle che si trovano nella parte inferiore del cappello. Contiene spore attraverso le quali, una volta coltivate, usciranno i nuovi funghi.


Quando si raccolgono i funghi nel campo, si usano cesti con reti in modo che, man mano che si raccolgono e si cammina lungo i sentieri, i resti si liberano e il micelio si dispiega. In questo modo, il micelio si diffonde nuovamente sul terreno e sarà utilizzato per la produzione di raccolti successivi.


Coltivazione di funghi


coltivare funghi in casa


Quando si coltivano i funghi bisogna coltivarli in luoghi bui, per esempio grotte, cantine, cantine, cantine, ecc. È anche possibile utilizzare sacchi o casse che sono stati costruiti per questo scopo. Una dimensione adatta per queste scatole è di mezzo metro di larghezza, un quarto di metro di altezza e un quarto di metro di profondità.


Per usare come substrato per i funghi, useremo una miscela che metteremo nelle casse e che sistemeremo a strati. Il substrato sarà composto da:



  • Il primo strato da mettere in fondo al cassetto che sarà basato su un terzo di paglia. Si possono usare anche grano, orzo o avena.

  • Un secondo strato che ha un altro terzo di torba mescolato con della segatura. La torba è un terreno umido ricco di materia organica.

  • Il terzo strato è quello che copre il resto e viene messo con letame ben triturato. In questo modo, possiamo adattare la coltivazione dei funghi ricca di materia organica e oscurità in modo che crescano facilmente.

Una volta che abbiamo messo tutto il substrato nei cassetti, dobbiamo mettere il micelio e sbriciolarlo sopra lo strato di letame. Il letame che usiamo per i funghi può essere anche letame di cavallo. Una volta che abbiamo sparso il micelio, copriamo tutto con un po' di torba e annaffiamo, evitando l'eccesso di umidità. Dobbiamo tenere a mente che essendo in luoghi bui, il tasso di evaporazione dell'acqua è molto più basso, quindi dobbiamo controllare bene la quantità di acqua. Per controllare bene la quantità d'acqua che innaffiamo, è molto meglio usare un annaffiatoio e non innaffiare con un getto.


L'ho già menzionato diverse volte, ma non fa mai male ricordarlo. La luce uccide i funghi. Se vogliamo coltivarli deve essere in un ambiente buio. Dobbiamo anche usare un posto (come abbiamo detto prima, una cantina, un seminterrato, ecc.) che abbia un minimo di umidità. L'umidità dovrebbe essere intorno all'80%. Per controllare i livelli di umidità possiamo usare un igrometro. D'altra parte, è anche necessario che la stanza o il luogo dove si coltivano i funghi abbia una buona ventilazione. La temperatura alla quale devono essere coltivati non deve superare i 30 gradi.


Per raccogliere i funghi dobbiamo aspettare circa sette settimane da quando li coltiviamo. Dovrebbero essere raccolti ogni tre giorni e prima che l'anello che il fungo ha accanto al cappello si spacchi. Bisogna tener conto del fatto che sia per coltivarli che per raccoglierli bisogna stare al buio. Quando si estraggono, si deve fare un giro di vite e si devono anche conservare al buio.


Malattie e parassiti che attaccano i funghi


funghi con malattie e parassiti


I funghi possono anche essere attaccati da alcuni parassiti e malattie. I più frequenti sono alcuni acari, alcuni nematodi e vari insetti. Tra i parassiti più frequenti c'è il ragnetto biancastro, che provoca cavità irregolari nel gambo e nel cappello.


C'è anche la piaga del ragnetto biondo, che forma delle spaccature nelle radici del fungo. Questi parassiti possono essere combattuti con acaricidi come dicofol, tetradifon, fenson, sulfotep, diazinon, ecc.


Anche lezanzare formano parassiti che rovinano il micelio del fungo. Possono causare cavità e gallerie nel gambo e nel cappello dei funghi. Per trattarlo, bisogna usare diazinon, malathion, lindane, chlorfenvinphos, ecc. Oltre a una buona disinfezione del substrato.


Per quanto riguarda i coleotteri, possono produrre piccoli fori sul tappo. Dovrebbero anche essere trattati con lindano e malathion.


Iparassiti più dannosi che possono attaccare i funghi sono i nematodi, poiché distruggono completamente il micelio del fungo. Per scoprire se la tua coltura di funghi è infestata da nematodi, puoi riconoscerli guardando il letame, che diventa di colore rossastro, e quando lo tocchi sembra di toccare una pasta saponata. Per eliminare questo parassita, il substrato deve essere sterilizzato, insieme all'uso di nematocidi e al controllo delle condizioni ambientali della coltura.


Ora veniamo alle malattie che colpiscono i funghi. Il più grave di questi è la gotta. Si tratta di una malattia causata dal batterio Pseudomonas toolasi Planie. Quando il fungo soffre di questo tipo di malattia, presenta macchie gialle sul cappello, di aspetto appiccicoso e in forma di goccioline. Per evitare questo tipo di peste, la preparazione del letame e del substrato deve essere trattata molto bene, poiché è qui che, a causa della scarsa ventilazione o dell'eccessiva irrigazione, può verificarsi questa malattia. Per combatterla, deve essere innaffiata con acqua in cui sono stati sciolti 250 grammi di cloruro di calce per 100 litri.


Questo batterio causa anche un effetto chiamato mummificazione. Questo consiste in una serie di rigonfiamenti del piede del fungo che formano un'apertura prematura dei tappi. Per evitarlo, si consiglia la stessa cosa di prima, con un controllo accurato del terreno in cui viene seminato.


Anche i funghi possono essere attaccati dai funghi. Il più noto è il fungo Verticillium malthoussei. Per riconoscerlo basta osservare la comparsa di deformazioni sul fungo e l'apparizione di una muffa bianco-rosata che provoca la putrefazione e un odore molto sgradevole. Evitiamo l'apparizione di questi funghi non usando terra usata in precedenza, disinfettando la terra con formalina, vapore, miscele di zineb o mancozeb, con benomyl, iprodione, ecc.


Piatti principali con i funghi


funghi ripieni


Parlando un po' di gastronomia, possiamo dire che ci sono molti piatti deliziosi che sono fatti con i funghi. Tra questi ci sono la crema di funghi, i funghi con aglio, i funghi in salsa, ecc. In breve, una serie di piatti famosi e molto gustosi che possiamo cucinare. Se coltiviamo il nostro orto di funghi in casa, sarà molto più soddisfacente che comprarli al supermercato.


Uno dei piatti più popolari sono i funghi ripieni. Consiste nell'utilizzare funghi, cipolla, prosciutto cotto, formaggio e condimenti (sale, pepe, olio, ecc.) e farcire i funghi con gli ingredienti. Per preparare gli ingredienti facciamo una piccola salsa con un po' di pepe, cipolla e prosciutto cotto. Una volta che il sofrito è stato introdotto nei funghi, cuoceteli per un po'finché il formaggio è gratinato.


Come potete vedere, i funghi sono abbastanza facili sia da coltivare che da cucinare e danno vita a piatti piuttosto deliziosi. Dobbiamo solo tenere a mente alcune linee guida quando li coltiviamo e li trattiamo. Abbastanza buio e umidità, non troppa temperatura, evitare i parassiti e le malattie curando sempre il luogo dove sono piantati e raccoglierli sette settimane dopo la loro crescita. Quando avremo i nostri funghi e li cucineremo, sarà molto più soddisfacente e delizioso.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *