dionaea muscipula 2

Perché la mia pianta carnivora diventa nera?

La venus flytrap è un carnivoro che può diventare nero.


Le piante carnivore sono un tipo di piante che, a differenza di altre piante, hanno trasformato le loro foglie in sofisticate trappole con cui cacciano il proprio cibo. Ci sono così poche sostanze nutritive nel terreno dove crescono che, se non l'avessero fatto, probabilmente oggi non saremmo in grado di goderne.


Tuttavia, la loro cura non è sempre facile. Avere un esemplare richiede alcune conoscenze di base su di esso in modo che possa vivere per diversi anni senza problemi. Quindi, se non ne avete mai avuto uno prima e vi state chiedendo perché la mia pianta carnivora diventa nera, ecco la risposta alla vostra domanda.

Trappola consumata


I carnivori possono aver consumato le trappole


Questo è di solito il motivo più comune. Le trappole, come le foglie, alla fine si seccano e muoiono. Quanto tempo può passare? Dipende da ogni specie e da come viene curata, ma per darvi un'idea, una venus flytrap(Dionaea muscipula) di solito caccia tre o quattro volte prima di appassire; le drosere si aprono e chiudono fino a cinque volte, e le sarracenie sono più resistenti e intrappolano la preda per sei mesi o più.


Per evitare presenze indesiderate, come i funghi parassiti, è necessario tagliarli. Ma usate forbici pulite, altrimenti potreste involontariamente causare un'infezione fungina. Le spore sono così piccole che non si possono vedere, ecco perché una buona pulizia con acqua e sapone prima di usare lo strumento è così utile.


Scottature solari


Anche se ci sono piante carnivore che devono essere collocate in una zona dove ricevono la luce diretta del sole, se le compriamo da un vivaio dove erano protette dal sole e le esponiamo direttamente ad esso, si bruceranno. Per evitarlo, bisogna abituarli poco a poco, mettendoli in penombra appena si arriva a casa e, in autunno o in primavera, esponendoli sempre più alla luce del sole del mattino.


D'altra parte, se abbiamo intenzione di coltivarle in casa è molto importante spostarle un po' più lontano dalle finestre, altrimenti il sole le brucerà comunque, a causa dell'effetto lente di ingrandimento che si verifica quando i raggi passano attraverso il vetro e colpiscono le piante.


Quali piante carnivore hanno bisogno del sole?


Per evitare problemi, dovete sapere che tutte le Sarracenia dovrebbero essere in pieno sole, preferibilmente tutto il giorno, o almeno mezza giornata. È molto importante che siano esposti al sole, perché acquisiscono i loro colori naturali, che sono molto attraenti.


Anche altre piante carnivore vogliono luce, ma non così tanta. Vediamo quali sono:



  • Sole di mezza giornata: Dionaea, Drosophyllum.

  • Sole filtrato: Heliamphora, Cephalotus, Pinguicula, Darlingtonia.

È in letargo

Le piante carnivore possono diventare nere alla luce diretta del sole

Immagine – Wikimedia/Lumbar


Se ci siamo presi cura delle nostre piante e con l'arrivo dell'autunno-inverno le foglie cominciano a diventare brutte, non dobbiamo preoccuparci. Ci sono diversi generi, come Sarracenia, Dionaea, Drosophyllum, Darlingtonia e la Drosera nordica, che hanno bisogno di passare un po' di freddo per poter crescere fortemente la prossima primavera. Nel caso in cui viviamo in una zona con un clima mite, dove la temperatura minima non scende sotto 0º in qualsiasi momento, dobbiamo rimuovere il substrato, spruzzare le loro radici con un fungicida e introdurle in un tupperware nel frigorifero dove rimarranno per due mesi a una temperatura di 6ºC.


Attenzione, questo non significa che le piante di cui sopra possono sopportare le gelate dure. La temperatura minima per loro non dovrebbe essere inferiore a -3°C, altrimenti potrebbero morire di freddo.


Acqua di irrigazione con calce


Troppa calce nell'acqua d'irrigazione colpisce tutte le piante, non importa di che tipo siano. Ma le piante carnivore sono particolarmente delicate, perché non possono assorbire i minerali che sono dissolti nell'acqua. Pertanto, devono sempre essere annaffiati con acqua piovana pura, acqua distillata o acqua d'osmosi. In questo modo, le radici non si rovinano e la pianta non si ammala.


Cosa facciamo se abbiamo già innaffiato con acqua inadeguata? Se è stato una o due volte, non succede niente: innaffia con acqua distillata e poco a poco il problema si risolverà da solo. Ma, se è passato un po' di tempo, dovremo togliere la pianta dal vaso, rimuovere il substrato e lavare le radici con acqua distillata. La miscela standard è la seguente: torba bionda non fertilizzata (in vendita qui) con parti uguali di perlite (in vendita qui).


Irrigazione eccessiva


Anche se ci sono alcune piante carnivore, come la Sarracenia, che hanno bisogno di essere annaffiate molto spesso, ce ne sono altre che non amano avere le loro radici in contatto permanente con l'acqua, come la Dionaea o la Drosera. Per questo motivo, quando vediamo che le foglie stanno diventando nere non possiamo escludere un'eccessiva irrigazione, e ancor meno se vediamo che stanno perdendo forza.


Per cercare di salvarli, dobbiamo cambiare il substrato, mettere torba bionda con perlite, e annaffiare meno. Se mettiamo un sottovaso sotto di loro, dobbiamo svuotarlo ogni volta che li innaffiamo per mantenerli bene.


È stato fertilizzato


Le drosere sono piante carnivore che amano la penombra.


Nello stesso modo in cui la calce può bruciare le radici, facendo diventare nere le trappole, la concimazione ha lo stesso effetto. Non concimate mai le piante carnivore, ma lasciatele cacciare la loro stessa preda. Inoltre, il substrato scelto dovrebbe essere molto povero di nutrienti.


Se è stata concimata, allora dovremo fare lo stesso come se l'avessimo annaffiata con acqua non corretta, cioè togliere la pianta dal vaso, e procedere al lavaggio delle radici con acqua distillata. Poi, lo piantiamo in un nuovo contenitore di plastica con fori nella base, e un substrato composto da muschio di torba e perlite in parti uguali.


L'hai trovato utile?

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *