canela 1

Caratteristiche e cura della pianta di cannella

Foglie della pianta della cannella


Per molto tempo, la cannella è stata conosciuta e utilizzata innumerevoli volte per molteplici usi culinari e medicinali. E sì, che ci crediate o no, la cannella non è solo implementata come ingrediente per la preparazione ed elaborazione di piatti e dolci, ha anche proprietà benefiche per il corpo.


La cosa curiosa di questa pianta è che, nonostante sia una specie molto usata, la stragrande maggioranza delle case e soprattutto dei giardini, non ha questa pianta da nessuna parte. Senza contare che la sua coltivazione e manutenzione è abbastanza facile e può essere perfettamente coltivata sia all'interno che all'esterno.

Informazioni generali sulla pianta


L'albero della cannella, una pianta tropicale


Ora, vi sietemai chiesti da dove si ottiene la cannella? L'albero da cui viene estratto è una pianta enorme, che può raggiungere fino a 15 metri di altezza. Le sue foglie sono molto belle, lanceolate, verde scuro.


È originario dello Sri Lanka, anche se al giorno d'oggi viene coltivato in tutte le regioni tropicali e subtropicali dell'Asia, cioè in tutte quelle regioni con ambienti caldi dove la temperatura ambiente è compresa tra 24° e 30°C (75° e 86°F). In ogni caso, impariamo di più su questa interessante pianta di cannella.


Dobbiamo riconoscere che questa è una delle specie che oggi è più riconosciuta a livello mondiale. E non è per meno che è così, dato che ci sono molte culture che usano questa pianta per scopi alimentari o medicinali.


Laragione del suo uso diffuso è grazie alla cultura e alla conoscenza cinese di più di 4000 anni fa. Dopo la scoperta di questa pianta, gli arabi la inserirono nella loro cultura dandole un uso più ambientale, cioè usavano la cannella per aromatizzare stanze e ambienti.


La coltivazione di questa pianta avviene principalmente nelle zone tropicali e subtropicali come quelle che si possono trovare in India, Madagascar, Brasile, Cina e altre zone simili. E se ancora non lo sapete, questa pianta ha la capacità di generare semi che possono essere utilizzati per la sua coltivazione. Anche se non è l'unico modo per farlo.


Caratteristiche


Nonostante la sua grande popolarità, questa pianta non ha grandi attrazioni, nessun fiore vistoso, molto meno foglie con un unico e diverso dal resto delle piante che già conosci.


Quello che possiamo dirvi è che il nome scientifico del nostro protagonista è Cinnamonum verum. Si tratta di una pianta arborea con foglie sempreverdi lunghe fino a 25 cm.


Per quanto riguarda il suo tronco, di solito è tenuto dritto, con una corteccia da marrone a grigiastra. Quello che conoscete come bastoncino di cannella è preso dalla corteccia o, in mancanza, dal tronco della pianta.


D'altra parte, i fiori di cannella si autoimpollinano e non hanno bisogno di nessun animale per iniziare questo noto processo. Per quanto riguarda il suo aspetto , è di colore bianco o giallo-verdastro e coperto di peli.


Il frutto è una bacca di circa 10 cm, nero-bluastra a maturazione. Questo frutto contiene semi che possono essere utilizzati per la coltivazione di nuove piante della stessa specie. Devi solo seguire una serie di passi per coltivare la cannella con questo metodo.


Come già detto, la cannella cresce nelle foreste pluviali umide tropicali o subtropicali con una temperatura media annuale di almeno 24ºC e una piovosità annuale di 2.000mm. Crescono spettacolarmente bene in terreni profondi, sabbiosi e fertili.


Quindi, purtroppo non è una pianta da avere nei climi temperati, tuttavia, se siete abbastanza fortunati da vivere in una zona con temperature miti e calde, potete coltivare la vostra pianta di cannella.


Ora, un fatto che può essere molto utile se si vive in zone meno temperate a ciò che la pianta ha bisogno, è quello di avere un vivaio o uno spazio dove si può avere. In modo tale da creare le condizioni necessarie alla sua crescita.


Punti chiave per un buon raccolto


Ora, prima di passare alla spiegazione di come coltivare la cannella, ecco alcuni punti vitali che dovreste conoscere e tenere sempre in mente quando piantate e coltivate questa specie.



  • Il momento migliore per coltivare la cannella è durante la stagione delle piogge. Anche se, idealmente, si dovrebbe fare durante l'inizio della primavera o, in mancanza, i primi giorni d'autunno.

  • Puoi piantarli direttamente nel terreno fertile o usare un grande vaso.

  • Il terreno che si dovrebbe usare dovrebbe avere un po' di argilla e la terra dovrebbe essere molto fertile.

  • Se lo piantate direttamente nel terreno, dovete assicurarvi che non crescano erbacce intorno ad esso.

  • L'irrigazione deve essere fatta tramite irrigazione a goccia o con un contenitore e con una misura esatta, per evitare il ristagno dell'acqua.

  • Dopo la semina, il primo raccolto sarà dopo almeno due o tre anni.

  • Assicurarsi che parassiti e malattie non colpiscano la pianta.

Semina


Per avere una pianta sana dovrebbe essere piantata in una zona luminosa, in modo che sia esposta alla luce diretta del sole e dovrebbe avere una corona sufficientemente ampia (4-5m) per dare una buona ombra, quindi dovrebbe anche avere spazio per crescere.


Le annaffiature devono essere frequenti, ogni 2-3 giorni in estate e ogni 4-6 giorni il resto dell'anno. Si consiglia anche di concimare con un fertilizzante organico liquido, come il guano o l'humus. In questo modo, alla vostra pianta di cannella non mancherà nulla e potrà crescere senza problemi.


Questo è perfettamente valido per la cannella che è stata coltivata da talee o semi della pianta. Tuttavia, come forse già sapete, è possibile coltivare la cannella usando due metodi diversi. Se siete interessati, potete leggere come farlo usando i due metodi dettagliati qui sotto.


Piantare la cannella per talea


Quando si sceglie o si acquista un ramo della pianta, bisogna assicurarsi che non sia stato lavorato, cioè che non sia già preparato e pronto per il consumo. Pertanto, è meglio che scegliate voi stessi la talea perché quando vengono lavorate, queste non hanno la particolarità di germogliare.


Dopo aver avuto la talea, procedete a inumidirla e poi interrarla, sia in un vaso che in un terriccio. È meglio tenerlo in un contenitore dove può crescere e poi trasferirlo direttamente nel terreno dove pensate di tenerlo.


Naturalmente, non importa dove lo avrete, deve essere un terreno con abbastanza fertilità. E per ottenere questo, basta usare materia organica e un po' di substrato per dare più sostanze nutritive alla vostra terra.


Ci saranno delle volte in cui la talea che avete piantato finisce per germinare, ma non è cresciuta una sola radice. Se questo accade, non pensate nemmeno a trapiantarlo, perché non sopporterà un tale cambiamento.


Seminare i semi di cannella


Tutto quello che dovrete fare è prendere circa tre semi al massimo e poi piantarli nel vostro vaso a circa un centimetro di distanza. Per quanto riguarda la profondità, dovrai tagliarli più o meno al doppio del diametro dei semi e questa sarà la profondità alla quale si troveranno i tre semi.


Dopo questo, procedete a coprirli con la terra ma senza schiacciarli. Una cosa da ricordare prima di mettere i semi è di aver preparato il terreno con un po' di compost e il substrato scelto.


Dopo tale preparazione, dopo aver piantato i semi e averli ricoperti di terra, procedere all'irrigazione. A questo punto si può annaffiare manualmente senza usare un tubo o si può usare un piccolo contenitore con dell'acqua.


Ma non importa come lo fai, devi assicurarti che l'acqua non cada direttamente sul luogo dove hai piantato i semi, quindi dovresti annaffiare solo intorno a questo luogo ed evitare le pozzanghere.


Naturalmente, a questo punto della coltivazione iniziale bisogna innaffiare quotidianamente. La ragione è che a causa del calore ambientale, dell'umidità e della luce solare diretta sulla pianta, il terreno si asciuga rapidamente.


E in base all'ultima cosa già detta, devi tenere presente che il luogo dove dovresti avere la pianta sarà in un posto dove la luce del sole le dia almeno 6 ore al giorno, questo con l'intenzione di aiutarla a realizzare il processo di fotosintesi e che la pianta non muoia nelle sue fasi iniziali.


Volete sapere come si estrae la cannella?


La cannella ha usi commestibili


La cannella è una spezia che si ottiene dalla corteccia interna, che si estrae pelando e strofinando i rami. Quando si è staccato, viene separato e sbucciato di nuovo.


Le cortecce vengono arrotolate insieme in modo da formare una barra lunga 1 metro . Queste barrette sono messe ad asciugare al sole, e questo è tutto! Ora puoi usarlo per preparare piatti deliziosi.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *