Agricoltura di sussistenza: cos'è l'agricoltura di sussistenza, caratteristiche e tipi?

aree di coltivazione

Come sappiamo, ci sono molti tipi di agricoltura. Oggi parleremo dell'agricoltura di sussistenza. Questo è un tipo in cui quasi tutti i raccolti sono utilizzati per sostenere il contadino e la sua famiglia, lasciando solo qualche eccedenza da vendere e commerciare. Nella maggior parte dei terreni dove si pratica questo tipo di agricoltura, si producono diverse colture ogni anno. È un tipo di agricoltura storica che è stata praticata da molti popoli preindustriali.

In questo articolo vi diremo tutte le caratteristiche, i tipi e le coltivazioni dell'agricoltura di sussistenza.

Caratteristiche principali

famiglia al lavoro

Stiamo parlando di popoli preindustriali che praticano questa agricoltura per mantenere se stessi e le loro famiglie. Questi popoli sono venuti a spostarsi in altri siti quando lo faccio armando le risorse del suolo in ogni luogo. Si può dire che erano popolazioni nomadi. Tuttavia, con la crescita degli insediamenti urbani, questi agricoltori sono diventati più specializzati. È così che si è sviluppata l'agricoltura commerciale. L'obiettivo principale di questa agricoltura è quello di generare una produzione con un considerevole surplus di alcune colture che possono essere scambiate con prodotti fabbricati o vendute per denaro.

Oggi, l'agricoltura di sussistenza è praticata soprattutto nei paesi in via di sviluppo e nelle zone rurali. Sebbene sia una pratica di portata limitata, i contadini sono molto specializzati nei suoi concetti, permettendo loro di generare abbastanza cibo per la loro sussistenza senza fare affidamento su alcun tipo di industria o pratiche più elaborate.

Più basso è il grado di partecipazione di questo tipo di agricoltura in proporzione ai prodotti che vengono commercializzati, più alto è il grado di orientamento verso l'agricoltura di sussistenza. Per poter definire questo tipo di agricoltura, alcuni autori considerano che se la maggior parte della produzione è destinata all'autoconsumo e la quantità destinata alla vendita non supera il 50%, si tratta di agricoltura di sussistenza.

Principali colture dell'agricoltura di sussistenza

agricoltura di sussistenza

Vediamo quali colture sono destinate principalmente all'autoconsumo. La prima e più rilevante caratteristica è l'alto livello di autoconsumo dei prodotti generati. Le aziende destinate a questo tipo di agricoltura sono più piccole, anche se questo non implica necessariamente che l'agricoltura sia di sussistenza. Ci sono alcune fattorie dedicate all'orticoltura suburbana che sono anche piccole, ma sono principalmente orientate al mercato e sono abbastanza efficienti in questo.

Un'altra caratteristica che spicca di questo tipo di agricoltura è che di solito c'è poco investimento economico nelle sue pratiche. Di solito sono dotati di poca competitività, quindi non devono far uscire prodotti accelerati o con una certa qualità sul mercato. La cosa più normale è vedere che in questi nastri si applica l'uso di nuove tecnologie efficienti per la produzione di colture. Non ci sono né macchinari su larga scala né vengono applicate nuove tecnologie. La forza lavoro è utilizzata ed è considerata non qualificata. Nella maggior parte dei casi si tratta di membri della famiglia che si dedicano al mantenimento delle colture.

Anche se questo è il caso la maggior parte delle volte, in molti casi ci sono persone che lavorano in questa modalità e hanno creato procedure che funzionano molto bene nonostante abbiano uno spazio ridotto su cui possono contare. Bisogna tener conto che l'esperienza con il passare degli anni provoca uno sviluppo in se stessi. Bisogna anche aggiungere l'esperienza ereditata dagli antenati che si dedicano a questi stessi compiti.

Tipi di agricoltura di sussistenza

agricoltura di sussistenza per le zone rurali

Vediamo quali sono i diversi tipi che esistono:

Agricoltura migratoria

È un tipo di agricoltura che si pratica su un appezzamento di terreno forestale. Per ottenere questa trama, il terreno forestale viene disboscato con una combinazione di slash and burn. Viene poi coltivato. Diversi anni dopo la fertilità del suolo diminuisce, così il terreno viene abbandonato e l'agricoltore passa a dissodare un altro pezzo di terra. Mentre la terra rimane a maggese, la foresta ricresce sull'area disboscata e la fertilità del suolo e la biomassa vengono ripristinate. È come una specie di tempo dato alla terra per rigenerarsi.

Un decennio dopo, l'agricoltore può tornare al primo pezzo di terra, che probabilmente sarà altrettanto o più fertile di prima. Sappiamo che questo tipo di agricoltura è sostenibile a lungo termine, ma solo per basse densità di popolazione. Se il carico di popolazione è maggiore, richiede una distruzione molto più frequente della boscaglia, il che impedisce il recupero della fertilità del suolo. Inoltre, incoraggia anche il sottobosco a spese dei grandi alberi. Il risultato della cattiva pratica di questo tipo di agricoltura sarà la deforestazione e l'erosione del suolo.

Agricoltura primitiva

Questo tipo di agricoltura utilizza tecniche come lo slash and burn. Tra le principali caratteristiche che abbiamo è che sono generati in spazi marginali. Come risultato della posizione che hanno, le colture possono anche essere irrigate essendo vicino a una fonte d'acqua.

Agricoltura intensiva

Anche se l'agricoltura di sussistenza cerca principalmente di raggiungere l'approvvigionamento proprio del contadino, ci sono appezzamenti in cui si usano strumenti semplici e più lavoro. L'intenzione è quella di poter generare il massimo profitto sfruttando al massimo lo spazio. I terreni situati per questo tipo di obiettivo sono quelli in cui il clima ha molti giorni di sole e terreni molto fertili. Questo permette di avere più di una coltura all'anno sullo stesso appezzamento.

In situazioni più intensive, gli agricoltori usano terrazze lungo i pendii ripidi per coltivare. Per esempio, abbiamo le risaie.

Alcuni esempi dell'agricoltura di sussistenza di oggi sono le zone della giungla dove, dopo il processo di taglio e bruciatura, si coltivano banane, manioca, patate, mais, frutta, zucca e altri prodotti alimentari. Una volta che sei stato in grado di raccogliere, alla procedura della trama sperimentale per circa 4 anni e poi devi cercare un altro luogo di coltivazione con lo stesso obiettivo del primo.

Spero che con queste informazioni tu possa imparare di più sull'agricoltura di sussistenza e le sue caratteristiche.

Deja una respuesta

Subir