5 consigli per aiutare le piante a crescere velocemente

Le piante possono crescere più velocemente nel terreno

Immagine – Flickr/Akuppa John Wigham


Tutti vorremmo chiudere gli occhi e far crescere le nostre piante durante la notte, anche se la natura fa del suo meglio per forgiare la nostra pazienza per un giardino da sogno.


Tuttavia, ci sono sempre modi per accelerare la crescita delle piante e farle crescere più velocemente. Prendendosi cura di loro nel modo giusto, sarà possibile favorire il loro sviluppo e godere della bellezza delle piante scelte.

Cura dei semi


I semi vengono seminati


Partendo dall’inizio, parliamo dei semi. Dal momento in cui vengono raccolti o estratti dai frutti fino alla semina, non devono essere bagnati se non necessario. Inoltre, devono essere protetti in un luogo asciutto e ombreggiato fino al momento della semina.


A seconda del tipo di seme, ce ne sono alcuni che saranno più duri, e quindi più resistenti di altri. Il primo di solito ha un periodo di vitalità molto più lungo, perché se è così duro è perché ha un guscio e/o una copertura pellicolare che lo protegge dalle condizioni ambientali. Questa protezione è temporanea, perché con il passare del tempo (mesi, o anni) si decompone. Alcuni dei semi più resistenti sono per esempio quelli delle palme da dattero; infatti, ne sono stati trovati alcuni che avevano circa 2000 anni e, come pubblicato sulla rivista Science, sono germinati.


Se vogliamo conoscere alcuni di quelli che devono essere seminati il più presto possibile per ottenere una maggiore percentuale di germinazione, sono tutti quelli che hanno una vita breve: lattuga, girasole, prezzemolo. Di solito si seminano in primavera, ma se avete una serra o un germinatore elettrico potete seminarli in qualsiasi momento dell’anno.


Assicurati che le tue piante ricevano acqua e luce.


Ci sono piante che hanno bisogno di luce


Per crescere, le piante hanno bisogno di due fattori chiave: acqua e luce. È importante assicurarsi che ricevano la quantità d’acqua necessaria, evitando gli eccessi per non causare ristagni d’acqua. È anche necessario dare loro l’acqua di cui hanno veramente bisogno, poiché le piante carnivore, per esempio, accettano solo acqua piovana pura o acqua distillata; e le piante acidofile devono essere annaffiate con un pH basso (tra 4 e 6).


Per quanto riguarda le condizioni di luce, scoprite se è una pianta da ombra o da sole e quanto tempo ha bisogno di luce naturale. Tenete anche presente che non esiste una pianta da interno. Tutte, assolutamente tutte sono piante da esterno. Quello che succede è che ci sono alcuni che si adattano alle condizioni interne, e ce ne sono altri che, inoltre, devono essere tenuti in casa, per esempio quando l’inverno è troppo freddo per loro. Quindi, ecco una selezione di piante che vogliono sole diretto, ombra e alcune che possono stare in penombra:


Controlla di tanto in tanto


Ci sono molti parassiti e malattie che possono bloccare la crescita delle piante.


Dovresti controllare periodicamente la pianta per evitare la comparsa di parassiti o malattie, o per attaccarli il prima possibile se vengono rilevati. Ricordate che questi nemici influenzano la crescita e lo sviluppo. Un ambiente caldo e secco favorisce la crescita e la propagazione di afidi, cocciniglie, ragnetti rossi, mosche bianche, ecc.; e se è caldo e umido, funghi, batteri e virus possono causare più di un problema alle piante.


Averli ben annaffiati e concimati evita in gran parte che i loro nemici naturali possano danneggiarli. Ecco perché è fondamentale conoscere le esigenze delle piante che portiamo a casa. E se sono già apparsi, non c’è niente di meglio che usare i rimedi casalinghi che vi proponiamo in questo articolo.


Fertilizzare durante tutta la stagione di crescita


Il compost è un prodotto naturale


È altamente consigliabile concimare le piante con fertilizzanti specifici per loro, seguendo sempre le istruzioni sulla confezione. In questo modo, cresceranno più velocemente da un lato, e saranno sani dall’altro. Ma è importante chiarire che un fertilizzante non è la stessa cosa di un concime: i fertilizzanti sono ciò che conosciamo come fertilizzanti chimici, in quanto sono composti da sostanze chimiche selezionate per ogni tipo di coltura che normalmente vengono assorbite rapidamente dalle radici.


Iveri fertilizzanti sono quelli organici, cioè quelli che provengono da materia organica, come il guano che si può comprare qui (sono escrementi di pipistrelli o uccelli marini), il letame di animali erbivori, il letame verde (piante), l’humus di vermi (in vendita qui), tra gli altri.


Dare spazio

Gli alberi hanno bisogno di spazio

Immagine – Flickr/barloventomagico


Le piante hanno bisogno di spazio per crescere. Per esempio, quelli grandi, come gli alberi, molte palme, e anche alcuni vigorosi rampicanti come il glicine, possono rallentare la loro crescita quando vengono coltivati in vaso; quindi è consigliabile piantarli in terra il prima possibile. Eppure, se vogliamo che una qualsiasi pianta cresca velocemente, è meglio piantarla presto nel terreno, di nuovo, se è possibile farlo.


Se il nostro terreno è alcalino, le piante acidofile (aceri, camelie, azalee, ecc.) avranno carenze nutrizionali, il cui sintomo principale sarà l’ingiallimento delle foglie. Anche se può essere risolto concimandoli con prodotti specifici per loro (come questo qui), questo rende la coltura molto esigente, perché dobbiamo essere consapevoli di loro e rispettare il programma di concimazione indicato dal produttore.


Inoltre, bisogna vedere se il terreno ha un buon drenaggio o no, perché ci sono piante che tollerano meglio di altre i ristagni d’acqua. D’altra parte, se la coltivazione è in vasi, dovremo anche trapiantare le nostre piante di tanto in tanto, dando la priorità all’uso di vasi che hanno dei fori nella base, perché quelli che non li hanno ci servono solo per le piante acquatiche.


Buona coltivazione.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *