Wallflower, il fiore che illumina la primavera

Matthiola incana, il nome scientifico di wallflower


La violacciocca è una di quelle piante che si possono trovare in vendita in qualsiasi vivaio, negozio di giardinaggio e persino su Internet praticamente in qualsiasi periodo dell’anno. Perché? Beh, non c’è una sola risposta: è molto facile da curare, resiste al freddo, si moltiplica facilmente per seme, ed è anche molto decorativo.


Che sia in un vaso o in giardino, vi porterà sicuramente molta gioia. Comunque, se hai qualche dubbio su come dovresti prendertene cura, non smettere di leggere 🙂


Indice


Origine e caratteristiche

Vista della pianta Matthiola incana o wallflower


La nostra protagonista è una pianta erbacea perenne – raramente annuale – originaria dell’Europa meridionale, in particolare dall’arcipelago delle Baleari alla Jugoslavia. Il suo nome scientifico è Matthiola incana, ed è popolarmente conosciuto come wallflower, wallflower, winter wallflower, ash jasmine, white violet o purple violet. Sviluppa fusti eretti, abbastanza ramificati, raggiungendo un’altezza tra i 20 e gli 80 cm. Da essi spuntano foglie intere, lanceolate con un picciolo corto.


Le foglie, che appaiono in primavera (da aprile a giugno nell’emisfero nord), possono essere semplici o doppie, con colori che vanno dal rosa al blu, passando per il bianco e il rosso. I semi sono lunghi 2-3 mm e hanno un’ala biancastra.


Come viene curato?


Se si desidera ottenere un campione, si raccomanda la seguente cura:


Posizione


Affinché la vostra violacciocca faccia bene, deve essere collocata all’aperto in un luogo soleggiato.


Suolo


Torba nera, substrato per i wallflowers



  • Pentola: non è necessario diventare troppo complicati. Con il substrato universale che vendono già preparato in qualsiasi vivaio o qui è più che sufficiente.

  • Giardino: non importa, ma attecchirà meglio – e quindi si svilupperà meglio – se il terreno è fertile e ha un buon drenaggio.

Irrigazione


La frequenza dell’irrigazione dipenderà dalla stagione dell’anno e dal clima della zona. Ma per avere una guida bisogna sapere che bisogna innaffiare più spesso durante i mesi in cui piove poco o niente, e meno nella stagione delle piogge.


Ma… quanto spesso? 3-4 volte alla settimana in estate e un po’ meno il resto dell’anno. Se lo avete piantato in un vaso con un sottovaso, ricordatevi, soprattutto in autunno e in inverno, di rimuovere l’acqua che rimane dieci minuti dopo l’innaffiatura, altrimenti il suo sistema radicale marcirà.


Fertilizzazione di


Durante tutta la stagione di crescita, cioè dall’inizio della primavera fino alla fine dell’estate, si raccomanda vivamente di concimarla con un fertilizzante liquido, come questo qui, seguendo le indicazioni specificate sulla confezione del prodotto.


Tempo di piantagione o trapianto


Puoi piantare la tua violacciocca in giardino o spostarla in un vaso più grande in primavera, non appena il rischio di gelo è passato.


Parassiti


Gli afidi possono colpire i wallflowers


Può essere colpita dai seguenti parassiti:



  • Afidi: sono insetti molto piccoli che misurano circa 0,5 cm e sono di colore verde, giallo o marrone. Si stabiliscono sulle foglie più tenere e sulle foglie, da dove si nutrono. Per controllarli, l’ideale è mettere delle trappole adesive gialle (potete comprarle qui) vicino alla pianta.

  • Larve di Plutella maculipennis: scavano gallerie nelle foglie e poco a poco attaccano tutta la pianta. Si combattono con insetticidi specifici, come questo.

  • Bruco Pieris brassicae: il bruco del cavolo mangia le foglie. Può essere combattuto con l’insetticida raccomandato sopra.

  • Cimici delle crocifere: mordono le foglie. Possono essere combattuti con insetticidi specifici.

Malattie


Può essere influenzato da quanto segue:



  • Ernia radicale: è un fungo che forma tumori allungati nell’apparato radicale delle piante, facendole ingiallire, indebolire e infine morire per l’attacco di altri microrganismi. Non c’è trattamento: l’esemplare deve essere sradicato e bruciato, e il terreno disinfettato, per esempio con la solarizzazione, prima di essere ripiantato.

  • Botrytis: si tratta di un fungo che si manifesta con la comparsa di una polvere grigiastra sulle foglie. Si combatte con fungicidi come lo zineb.

  • Muffa: è un fungo che provoca la comparsa di macchie gialle che diventano marroni sulla parte inferiore delle foglie. Con il tempo, in ambienti umidi, si forma una muffa bianca. Si combatte con i fungicidi.

  • Virus: si tratta di virus che causano la comparsa di mosaici sulle foglie. Non c’è una cura.

Moltiplicazione


Le Wallflowers si moltiplicano per seme in primavera e in estate. Per farlo, procedete come segue:



  1. La prima cosa da fare è riempire un vaso di circa 10,5 cm di diametro con un terreno di coltura universale.

  2. Poi metti un massimo di 3 semi nel vaso, il più lontano possibile, e coprili con un sottile strato di terriccio.

  3. Infine, annaffiare e mettere il vaso all’esterno in pieno sole o in penombra.

I primi germineranno in circa 7-14 giorni.


Resistenza


Resiste al freddo e al gelo fino a -4ºC senza danni.


Qual è il significato del fiore wallflower?


Wallflower, un fiore molto facile da curare


Ci sono molti wallflowers che, a seconda del loro colore, hanno un significato unico. Il wallflower non potrebbe essere da meno: se il fiore è giallo, simboleggia la fedeltà; se è bianco, la pace e la semplicità; e se è viola, rappresenta la bellezza permanente.


Cosa ne pensi della violacciocca e ne hai una nel tuo giardino o patio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *