estiercol caballo 1

Quali tipi di letame esistono e quali sono le loro caratteristiche?

Giardino tropicale


Per avere un giardino da sogno bisogna avere molta pazienza, e prendersene cura nel miglior modo possibile, usando prodotti che siano rispettosi sia per le piante che per la fauna che attirano e che, in un modo o nell'altro, le aiutino a crescere senza troppi problemi.


Uno dei lavori più importanti che ogni giardiniere dovrebbe fare è quello di concimare di tanto in tanto, poiché il terreno, soprattutto nei vasi, perde facilmente le sostanze nutritive. E questo, anche se all'inizio non sembra, finirà per danneggiare le nostre piante. Quindi, con cosa si dovrebbe concimare? Con il letame, per esempio. Ma ci sono diversi tipi di letame, quindi diamo un'occhiata alle caratteristiche di ciascuno.


Prima dell'avvento dei fertilizzanti minerali, sia i contadini che chiunque avesse una pianta in casa o in giardino, concimavano con la cosa più naturale che ci fosse: il letame degli animali da fattoria o, più tardi, con il guano dei pinguini o dei pipistrelli. In questo modo, il verde cresceva come un matto.


Ho un amico che mi ha raccontato che la sua famiglia aveva un orto e che, in esso, le ortiche crescevano sempre in modo incredibilmente veloce, raggiungendo altezze incredibili: più di un metro, il che non è sorprendente perché quando si usano prodotti naturali per fertilizzare qualcosa di naturale come una pianta, quello che si ottiene è che questo essere vegetale è così sano che sarà in grado di crescere ad un ritmo incredibile.


Se vuoi avere un frutteto, un giardino o un patio sano e bello, fertilizza con questi fertilizzanti organici:

Letame di cavallo


Letame di cavallo


Questo tipo di letame è molto povero di nutrienti, infatti ha lo 0,6% di azoto, lo 0,6% di fosforo, lo 0,4% di potassio e oligoelementi. Se avete dei cavalli, si consiglia vivamente di lasciarlo asciugare al sole per finire la fermentazione e il suo odore diminuisce, d'altra parte, se comprate dei sacchetti, non emaneranno un cattivo odore.


È particolarmente adatto per la miscelazione con quei terreni che hanno eroso o stanno erodendo, perché li arieggia e li rende più spugnosi, cosa che aiuta le piante a crescere. La dose è da 1 a 5 kg per metro quadrato.


Letame di coniglio


Questo è un concime molto forte e molto acido. È ricco di nutrienti, infatti ha il 4% di azoto, il 4% di fosforo e l'1% di potassio, oltre a tutti gli oligoelementi,che lo rende uno dei più interessanti. Deve essere lasciato a fermentare per diversi mesi, e non troppo vicino ai tronchi delle piante.


Il dosaggio è da 15 a 25 grammi per metro quadrato.


Letame di pecora


È una delle più ricche ed equilibrate, purché provenga da pecore che pascolano in campagna e non vivono confinate in stretti recinti a mangiare mangime. Se lo si ottiene fresco, deve essere lasciato fermentare per due o tre mesi, poiché è molto forte, ma una volta trascorso questo tempo, può essere mescolato al terreno o al substrato senza problemi, arricchendolo con lo 0,8% di azoto, lo 0,5% di fosforo, lo 0,4% di potassio e tutti gli oligoelementi.


La dose raccomandata è di 3-5 kg per metro quadrato.


Letame di pollo


È uno dei più ricchi di azoto, ma è molto forte. Dovrebbe essere lasciato a fermentare bene per diversi mesi, e poi mescolato con altri concimi. Bisogna anche considerare che ha un alto contenuto di calcio, quindi non bisogna abusarne se si ha un terreno calcareo.


Il letame di pollo usato come fertilizzante dovrebbe provenire da animali che vivono il più naturalmente possibile, cioè allevati all'aperto. I nutrienti che contiene sono: 4% di azoto, 4% di fosforo, 1,5% di potassio e oligoelementi .


La dose raccomandata è da 20 a 30 grammi per metro quadrato.


Sterco di mucca


letame di mucca


Lo sterco di mucca è anche molto basso in azoto, ma è spesso usato nei climi freddi perché serve non solo come fertilizzante, ma anche come pacciame per le piante. Contiene lo 0,6% di azoto, lo 0,3% di fosforo, lo 0,4% di potassio e microelementi.


L'idea è di prenderlo fresco da una delle fattorie dei villaggi, ma i sacchetti si possono trovare nei vivai o nei negozi di fattoria. La dose raccomandata è da 9 a 15 kg per metro quadrato.


Letame di capra


Il letame di capra è uno dei concimi più ricchi di sostanze nutritive che si possano trovare. Infatti, contiene circa il 7% di azoto, il 2% di fosforo, il 10% di potassio, piùtutti gli oligoelementi. E se questo non bastasse, di solito contiene anche peli di animali, che gli danno più azoto.


Il dosaggio raccomandato è da 0,5 a 2 kg per metro quadro.


Letame di piccioni e altri uccelli


Questo è l'unico letame che non è raccomandato per la concimazione delle piante. È molto forte, anche più forte del letame di pollo. Può essere usato per fertilizzare un terreno per la prima volta, ma può essere mescolato con altri tipi di letame.


La dose dovrebbe essere inferiore a 0,5 kg per metro quadrato. Tuttavia, come alternativa si può usare il guano di pipistrello o di pinguino. Fino a prima della comparsa dei fertilizzanti minerali, era uno dei più usati, poiché i suoi effetti erano (e sono) evidenti dopo pochissimo tempo. Naturalmente, bisogna leggere l'etichetta sul contenitore per evitare di aggiungerne più del necessario.


Fiori di lillà


Il concime è uno dei fertilizzanti organici più usati da tutti i giardinieri, perché se è usato bene, le piante crescono in modo incredibile. Se non mi credi, prova e fammi sapere 😉 .

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *