cultivo de pimiento

Peperoni Piquillo: caratteristiche, coltivazione e parassiti

coltivazione del pepe


Oggi parleremo solo di un tipo di verdura che è ampiamente consumata in tutto il mondo e che ha un gran numero di varietà. Stiamo parlando dei peperoni piquillo. È un frutto cavo che proviene da una pianta erbacea conosciuta con il nome di pepe. Appartiene alla famiglia delle Solanaceae e al genere Capsicum. La pianta è un produttore di alcaloidi tossici come la belladonna, la mandragola e il giusquiamo. Ci sono poche piante della famiglia delle Solanacee che sono commestibili, ed è per questo che i peperoni sono così famosi.


In questo articolo vi diremo tutte le caratteristiche, la coltivazione e le proprietà dei peperoni piquillo e le differenze con i peperoni comuni.

Caratteristiche principali



È un tipo di pepe originario del Messico, della Bolivia e del Perù. È una delle colture orticole più popolari sia nella produzione all'aperto che in serra. Non solo può essere consumato in diversi modi, ma ci sono molteplici varietà che ci permettono di trovare diversi gusti e sapori per saziare i piaceri culinari. I peperoni Piquillo sono di un caratteristico colore rosso e hanno una forma conica. In dimensioni sono più piccoli dei comuni peperoni e hanno una forma triangolare. Sono lunghi circa 7 centimetri e hanno una pelle dura.


Di solito vengono cotti al forno, arrostiti, pelati e inscatolati. La pianta da cui provengono i peperoni piquillo è una pianta erbacea perenne con un ciclo di crescita annuale. Ha una dimensione di circa 0,5 metri di lunghezza se coltivato all'aperto. D'altra parte, se seminiamo questa pianta in serra vediamo che può raggiungere una dimensione di più di 2 metri. Questa pianta si distingue per avere una crescita fogliare molto lenta.


Per quanto riguarda il suo sistema radicale, è abbastanza profondo e ha numerose radici avventizie. Ogni radice può raggiungere una lunghezza di 50 centimetri a 1 metro di lunghezza con l'orizzontale. Dal fusto principale è dove lasciano diversi rami e ha una crescita illimitata. Ogni ramo produce solo due foglie e termina con un fiore che si divide a sua volta in due rami di secondo ordine. Da lì, si dirama in modo dicotomico fino alla fine del ciclo. La foglia può essere facilmente distinta poiché il fascio è liscio e morbido al tatto. Ha un colore verde intenso e brillante.


Infine, i suoi fiori sono ermafroditi e hanno 5 stami e un pistillo. I fiori appaiono solitari ai nodi del fusto e hanno un'inserzione nelle ascelle delle foglie.


Coltivazione di peperoni piquillo


peperoni piquillo


Impariamo a conoscere i requisiti climatici e del suolo dei peperoni piquillo. Per imparare a coltivare i peperoni piquillo dobbiamo conoscere i fattori climatici e il tipo di terreno che dobbiamo avere affinché possano crescere in buone condizioni. La coltura richiede alte temperature, quindi la zona in cui vengono coltivate dovrebbe essere un clima caldo o temperato. Possiamo seminare in estate per approfittare delle alte temperature. Può essere coltivato anche in autunno e in inverno, ma è necessario coltivarlo in una serra.


Le temperature ottimali per lo sviluppo dei peperoni piquillo sono tra i 15-32 gradi. Bisogna fare attenzione se la zona in cui si vive ha forti variazioni di temperatura tra il giorno e la notte. Questi salti improvvisi di temperatura possono causare squilibri vegetativi nella crescita della pianta. Se coltivate i peperoni piquillo in una zona soggetta al gelo o se ci sono grandi differenze di temperatura tra il giorno e la notte, è probabile che il raccolto sarà difficile da coltivare.


Per quanto riguarda l'umidità, l ‘umidità ottimale è tra il 50-70%. Una maggiore umidità favorisce lo sviluppo di malattie trasmesse dall'aria e ostacola la riproduzione. Queste malattie saranno discusse più avanti. Il peperone piquillo è esigente in termini di luce, soprattutto nelle prime fasi di sviluppo e durante il periodo di fioritura. Il terreno che questa pianta richiede è un tipo di suolo profondo e cervicale. Come abbiamo detto prima, le sue radici sono piuttosto lunghe, quindi ha bisogno di un terreno profondo. Inoltre, il drenaggio del terreno è essenziale per evitare i ristagni d'acqua.


Il livello di umidità non deve essere troppo alto e il terreno deve essere sempre ben drenato. Il contenuto di materia organica dovrebbe essere intorno al 3-4% nei terreni argillosi. I valori ottimali di pH oscillano tra 6,5-7, quindi sono terreni relativamente acidi e tendenti al neutro.


Parassiti e malattie dei peperoni piquillo


ricetta peperoni piquillo


Prima abbiamo detto che se l'umidità è troppo alta, è più incline a parassiti e malattie. I peperoni possono essere colpiti da diversi parassiti e malattie. I più importanti sono i seguenti:



  • Afidi: gli afidi di solito hanno una presenza maggiore se la coltivazione dei peperoni piquillo è fatta sotto serra. Di solito formano colonie e sono distribuiti in pochi.

  • Ragno bianco: è il parassita più specifico che attacca i peperoni. I primi sintomi per vedere se le nostre colture sono state attaccate dal ragno bianco è un arricciamento dei nervi nelle foglie e nei germogli più apicali. Di solito è anche distribuito da funghi all'interno delle serre.

  • Whitefly: le mosche bianche attaccano soprattutto le parti più giovani della pianta. Di solito depongono le uova sul lato inferiore delle foglie. I sintomi diretti sono l'ingiallimento e l'indebolimento delle foglie.

  • Tripidi: gli individui adulti colonizzano i tessuti delle piante su foglie, frutti e fiori preferibilmente. È in queste zone che si trovano le larve nate e la più grande popolazione di adulti. Per sapere se i nostri peperoni piquillo sono stati attaccati dai tripidi è meglio osservare l'aspetto argenteo che danno gli organi colpiti che successivamente necrotizzano.

Spero che con queste informazioni tu possa imparare di più sui peperoni piquillo, la loro coltivazione e le loro caratteristiche.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *