Ñora: tutto quello che c’è da sapere su questo tipo di pepe

pepe secco


Oggi parleremo di un prodotto tecnicamente murciano che è direttamente immerso nella tradizione culinaria. È la ñora. La ñora non è altro che una palla di pepe già matura perché è stata essiccata al sole. È di colore rosso ed è pronto per essere utilizzato in diversi piatti gastronomici unici di Murcia. Viene coltivato dal XVII secolo e ha acquisito molta importanza per il sapore che dà ai diversi piatti in cui viene utilizzato.


In questo articolo vi diremo tutte le caratteristiche, le proprietà e la coltivazione della ñora.

Caratteristiche principali


coltivazione di ñora


È un prodotto murciano che consiste in un peperone a palla di colore rosso quando è maturo ed essiccato al sole. A prima vista sembra una specie di uva passa, ma quando la assaggi sai che è pepe. La paprika viene estratta da questo frutto. La macinazione della sua buccia essiccata divenne un elemento essenziale in cucina e la preparazione di numerosi insaccati. Va notato che questo sapore è usato per molte cose, perché a tutti noi piace qualcosa di piccante.


Per molti anni nella storia della paprika è stato un grande contributo all’industria alimentare di Murcia e ha potuto prosperare in gran parte grazie ad essa. Un’altra delle regioni che mantengono grandi produzioni e proprie denominazioni d’origine della paprika è l’Estremadura. Il nome ñora nacque come risultato della grande produzione di peperoni a palla nelle zone coltivate della città di Ñora. Questa località si trova molto vicino a Murcia. Fu introdotto dai frati gerosolimitani durante il XVII secolo.


Anche se la ñora ha aiutato Murcia a prosperare in modo gastronomico, non è altro che un certo tipo di peperone rosso essiccato al sole che di solito ha un colore rosso vivo e una dimensione L grassa. In modo domestico era possibile fare ñoras cucendo dal peduncolo facendo molta attenzione a non forare la carne perché si poteva rovinare. Con questo si facevano numerose corde che si facevano asciugare al sole e poi erano pronte per essere consumate. Queste stringhe sono composte da porzioni di grandi peperoni rossi a palla.


Origine della ñora


capsicum annuum


Ilnome scientifico della ñora è Capsicum annuum. L’origine di questo tipo di pepe è in Sud America. Fu probabilmente introdotto nel XVI secolo in Europa dopo la scoperta dell’America. Una volta che cominciò ad essere esportato in Europa fu visto come uno degli elementi importanti per la produzione agricola. Sarebbe in Spagna dove sono state date le condizioni climatiche ideali per la sua produzione. Questo tipo di peperone ha bisogno di un clima come quello della Spagna, più centrato nella regione di Murcia, per poter prosperare in buone condizioni.


All’interno del Capsicum annuum c’è una grande varietà di dimensioni e forme e alcune di esse non hanno un valore culinario, ma solo un valore ornamentale. Cioè, ci sono alcuni tipi di ñora che servono solo per la decorazione e non per essere consumati.


Furono i monaci gerosolimitani che arrivarono a Murcia intorno al XVI secolo e introdussero la coltivazione di questa varietà di pepe. Questi monaci concentrarono tutta la produzione nelle vicinanze di Murcia, nei frutteti degli attuali distretti di Guadalupe e La Ñora. È in quest’ultima città che fu stabilito uno dei primi mulini per macinare la buccia di Ñora per la produzione di paprika. Questo mulino è conosciuto come il mulino Casianos.


Il suo uso in cucina può essere datato più o meno da questo secolo ed era un prodotto molto richiesto per la fabbricazione della paprika. Divenne anche un elemento essenziale nella preparazione degli insaccati per il suo carattere di conservante e curativo. Ed è che è diventato la causa principale dell’espansione che avrebbe la coltivazione di peperoni a palla in Murcia. Il momento in cui le grandi fabbriche di Murcia di macinazione Ñora buccia espanso nella metà del XX secolo è quando si espanse completamente.


Coltivazione della ñora


ñora


Vediamo ora quali sono le caratteristiche e i requisiti di cui ha bisogno la ñora nella sua coltivazione. Le colture possono essere annuali, biennali o anche durare diversi anni. Questi peperoni sono in grado di produrre diversi raccolti. La dimensione della pianta è di circa 50 cm di larghezza. Nel caso delle piante che crescono a Murcia, devono fare attenzione perché le gelate sono frequenti in inverno. Pertanto, durante questo periodo c’è di solito un arresto della produzione e i peperoni a palla freschi sono più frequenti dalla primavera e dall’estate.


La sua coltivazione richiede una zona con un clima arido e secco. Questo significa che non ha bisogno di molta pioggia o umidità. Altri tipi di peperoni hanno bisogno di più umidità e pioggia, ma in questo caso è meglio asciugarli al sole. Il suo impianto in terreni a frutteto è ideale e questo spiega la grande espansione di questo tipo di peperone di Murcia.


Anche se ci sono alcune gelate frequenti in inverno, le ñoras riescono a mantenere tutto l’anno. A Murcia c’è un gran numero di ettari dedicati alla coltivazione di peperoni a palla conosciuti come ñora. Tra i campi di Totana, Lorca e Alhama ci sono circa 300 ettari dedicati esclusivamente ad esso.


Piatti gastronomici


Sappiamo che questo tipo di peperoni sono introdotti in molti piatti della gastronomia di Murcia. È un tipo di pepe secco che può essere usato tutto l’anno in tempi in cui i grandi peperoni marroni, verdi o rossi erano disponibili solo in primavera e in estate.


Alcuni dei piatti che prendono la Ñora sono le migas e la farinata, la farinata tortilleras, sotto un colorao l’ajoharina, i piatti di riso, la zucca fritta, lo stufato, un’infinità di ricette in cui la ñora assume un ruolo fondamentale, senza contare quelle che forse si sono perse nella memoria.


Spero che con queste informazioni tu possa conoscere meglio la ñora e le sue caratteristiche.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *