hoja de monstera

Costola di Adamo: caratteristiche, cura e consigli

Costola di Adamo


La costola di Adamo è una pianta molto popolare per la decorazione di interni. Le sue grandi foglie lunghe fino a 45 cm sono di un bel colore verde, e dato che ha un apparato radicale non invasivo, può essere coltivata in vaso per tutta la sua vita senza doversi preoccupare di nulla. Se anche voi volete averne uno in casa vostra, seguite questi consigli per averlo sempre perfetto.


In questo articolo vi diremo tutto sulle caratteristiche, la cura e le curiosità della costola di Adamo.

Caratteristiche principali


monstera deliciosa


È un tipo di pianta molto decorativa perché ha un aspetto esotico. Ci sono alcune piante che passano inosservate quando sono nelle case, ma questo non è il caso della costola di Adamo. Si tratta di una pianta che proviene dalle foreste pluviali del Messico e sebbene sia originariamente una pianta da esterno, è in grado di adattarsi abbastanza facilmente alle condizioni interne. Tuttavia, è una pianta che ha alcune cure più delicate e dobbiamo prestare particolare attenzione a loro.


La costola di Adamo, scientificamente conosciuta come Monstera deliciosa, è facile da coltivare, il che significa che non importa quanto siate esperti nella cura delle piante, vi sorprenderà sempre. Tuttavia, per mantenerlo in buone condizioni e per assicurarsi che metta più foglie ogni anno, è necessario prendersene cura in modo speciale.


Cura della costola di Adamo


Ecco come curare la costola di Adamo se vuoi che cresca in buone condizioni.


Posizione e temperatura


La posizione è la cosa più importante di questa pianta. Dato che non tollera il freddo, deve essere collocato in casa, nella stanza che più vi piace, poiché cresce bene sia in zone con poca luce che in quelle molto luminose. Poiché non tollera il freddo, ha bisogno di temperature superiori ai 5 gradi. Normalmente questo sarà all'interno, quindi la temperatura media di quasi tutte le case può essere perfetta per questo.


Pensa a questa pianta come se fosse nel suo habitat naturale. Per quanto riguarda la quantità di luce che riceve, cercate un posto dove la pianta non riceva la luce diretta del sole. Poiché questa pianta ha il suo habitat naturale nelle giungle tropicali del Messico, in questi luoghi ci sono molti alberi con alte chiome che permettono alla radiazione solare di raggiungere la base. L'ideale è mettere questa pianta in una stanza luminosa ma che possa essere riparata dalla luce diretta del sole.


Irrigazione e substrato


L'irrigazione di questa pianta dovrebbe essere più occasionale. Dovrebbe essere annaffiato solo una o due volte a settimana. In inverno è necessario aspettare almeno diverse settimane, a seconda della zona in cui lo abbiamo. Essendo al riparo dalla luce diretta del sole non ha bisogno di troppa acqua piovana. Se andiamo nel luogo dell'habitat naturale di questa pianta ci rendiamo conto che non solo è protetta dai raggi del sole, ma anche dalla pioggia. Questa pianta vi sarà grata se spostate il riscaldamento o l'aria condizionata lontano dalla zona in cui si trova. L'eccesso d'aria può seccarlo. In inverno, annaffiarlo una volta alla settimana è più che sufficiente. D'altra parte, in estate, se il clima è abbastanza secco, può essere annaffiata due volte alla settimana.


Per quanto riguarda il substrato, non è molto esigente. Se avete e potete ottenere del compost, potrà crescere molto meglio. Altrimenti, si può usare una miscela di torba nera con il 10% di colata di vermi e il 10% di perlite.


Fertilizzante e trapianto per Adam's Ribs


Ora che sappiamo di cosa ha bisogno, diamo alcuni consigli su come mantenerlo e moltiplicarlo. La prima cosa da fare è il compostaggio. Il fertilizzante è utile per la quantità di foglie che produce. Dalla primavera all'autunno inoltrato si dovrebbe concimare con un fertilizzante liquido ogni 20 giorni. Questo fertilizzante può essere specifico per le piante verdi o si può usare un fertilizzante naturale. Uno dei fertilizzanti più usati per la costola di Adamo è il guano.


La pianta deve essere rinvasata quando supera il suo vaso. Quando vedi che questa pianta sarà stretta o quando le radici escono dai fori di drenaggio, sappiamo che questo è il segnale per cambiare vaso.


Un altro trucco per mantenere questa pianta in condizioni di bassa umidità è un umidificatore.


Parassiti e malattie della costola di Adamo


D'altra parte, dobbiamo anche parlare dei parassiti e delle malattie che può avere. Per quanto riguarda i primi, cocciniglie, acari e tripidi sono i parassiti che di solito la colpiscono di più, ma possono essere facilmente trattati con insetticidi sistemici contenenti Chlorpyrifos o Dimethoate, o con insetticidi naturali.


Uno dei metodi per eliminare le cocciniglie è quello di usare rimedi chimici o insetticidi, che sono altamente raccomandati quando il parassita è già molto avanzato. Useremo un prodotto il cui principio attivo è il clorpirifos che agisce per contatto, ingestione e inalazione, e rimane anche per un bel po' di tempo sulle foglie. La frequenza ci dirà il proprio pacchetto: ma di solito è ogni 15 giorni.


Dobbiamo spruzzare tutta la pianta: entrambi i lati delle foglie, tronchi / steli, fiori, … e mi raccomando anche che di tanto in tanto si getta qualche goccia (o uno spray) all'acqua di irrigazione per rimuovere quelli che potrebbero essere nel sistema radicale.


E se parliamo di malattie, il fungo Phytophthora e batteri come Pseudomonas o Erwinia possono danneggiare la nostra Monstera. Per combatterli bisogna trattare con fungicidi ad ampio spettro per i funghi, e tagliare e rimuovere le parti colpite se si tratta di batteri. Sfortunatamente, non ci sono battericidi veramente efficaci che possano combatterli.


Spero che con queste informazioni tu possa imparare di più sulla costola di Adamo, le sue caratteristiche e la sua cura.


Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *