Coltivare gli asparagi: tutto quello che c’è da sapere sulla loro manutenzione

Coltivazione di asparagi


L’asparago è una pianta ampiamente coltivata e consumata in tutte le parti del mondo. Pertanto, oggi parleremo della sua coltivazione. È una pianta erbacea perenne che colpisce per il suo fogliame chiaro. Il suo nome scientifico è Asparagus officinalis ed è una pianta perfettamente adatta alla decorazione. È una delle verdure di cui si hanno prove del suo consumo fin dall’antichità.


Se vuoi sapere come si coltivano gli asparagi e quali caratteristiche hanno, qui ti spieghiamo tutto.

Asparagi e le loro caratteristiche


Semina di asparagi


La sua coltivazione può servire e fornire una buona produzione fino a 10 anni. Ciò che viene consumato nel nostro cibo non è l’asparago stesso, ma i cosiddetti germogli. Questi sono gambi precoci che escono dal terreno e sono commestibili. Gli asparagi possono essere coltivati sia in giardino su un terreno che in agricoltura.


Grazie alla sua curiosa forma di crescita e alla sua bellezza, può anche essere usato come elemento decorativo.


Requisiti degli asparagi per la coltivazione


Per coltivare con successo gli asparagi, devono essere soddisfatti alcuni requisiti.


Clima


Tecniche di coltivazione degli asparagi


La prima cosa da tenere presente quando si seminano gli asparagi è il clima. La zona in cui intendiamo coltivare gli asparagi è molto importante per il futuro della coltura. Questo perché gli asparagi sono una delle specie più sensibili alle variazioni di temperatura. Questo si manifesta con l’inerzia dei suoi movimenti vegetativi.


La temperatura dell’aria deve essere tra gli 11 e i 13 gradi Celsius in media al mese perché l’asparago cresca correttamente. Il suo sviluppo ottimale si sviluppatra i 18 e i 25 gradi in modo continuo. Se le temperature sono continuamente sotto i 15 gradi, smetterà di crescere. Sopra i 40 gradi avrà anche difficoltà a svilupparsi.


L’umidità relativa ottimale dell’aria è tra il 60 e il 70%. Se coltiviamo all’aperto, dobbiamo tenere conto dell’effetto del vento. Può avere un effetto speciale alla fine dello sviluppo dei piumini e può anche «metterli a letto». Questo effetto non è stato testato esattamente nella coltura.


Le zone dove il vento è predominante e ha una direzione fissa hanno la possibilità di piantarli in file di colture in quella direzione.


Illuminazione


Collezione


Un altro requisito per gli asparagi è l’illuminazione. Trattandosi di una coltura di asparagi verdi, il colore diventa un fattore che indica la qualità del prodotto. Bisogna fare attenzione che il colore sia sulla maggior parte della lancia. Almeno due terzi della sua lunghezza sono utilizzati come riferimento.


Quando decidiamo di perseguire il colore verde in una piantagione di asparagi, dobbiamo assicurarci che la pianta riceva più luce possibile. In questo modo si può sintetizzare la massima quantità di clorofilla per la colorazione.


Suolo


Coltivazione di asparagi verdi


Un altro fattore condizionante nella coltivazione è il tipo di terreno. La struttura dovrebbe essere argillosa con una certa inclinazione al terriccio sabbioso o al terriccio limo. Può anche essere piantato in un terreno con una struttura argillosa. Per il miglior uso commerciale, il terreno non deve essere sassoso. Questo per garantire che la gemma apicale del germoglio non si deteriori durante la crescita del germoglio sotto terra. Lo sfregamento continuo contro le pietre può ridurre notevolmente la qualità dei prodotti.


In nessun caso, il terreno deve essere impregnato d’acqua, perché queste colture soffocano con relativa facilità. Il pH ottimale del terreno dovrebbe essere tra 7,5 e 8. In alcune occasioni è possibile ammettere terreni di 6,5.


Questa pianta ha una grande resistenza alla salinità del suolo e all’acqua di irrigazione. Pertanto, tollera un’alta conducibilità elettrica.


Coltivazione e manutenzione


Crescita degli asparagi


Se decidiamo di seminare asparagi, dobbiamo comprare i semi e seminarli in primavera. Per fare questo, coprite i semi con qualche millimetro di terra sopra e annaffiate abbondantemente. Lo spazio che lasceremo tra i semi sarà di circa 35 cm. Le piante più deboli le ritireremo in modo che non crei competizione per i nutrienti del terreno.


Quando arriva la primavera successiva, le corone vengono raccolte e inizia la raccolta.


Un’altra opzione è quella di trapiantare gli asparagi e non iniziare la semina dal seme. Per questo dobbiamo aver comprato la corona o averla ottenuta attraverso una semina precedente. La coltivazione del suolo può essere fatta nel modo seguente. Prima le radici vengono tagliate un po’ indietro. Si consiglia, se siamo su terreni o appezzamenti, di fare delle creste di circa 10 cm di altezza per mettere le corone al centro della cresta. Le distanze di circa 40 cm tra ciascuno sono riservate e vengono coperte compattandole leggermente.


In autunno, dopo la semina, tagliare gli steli che sono cresciuti di circa 10-15 cm e livellare il terreno. La primavera seguente, i primi asparagi possono cominciare ad essere prodotti.


Irrigazione e concimazione


Si consiglia di mantenere il terreno libero da erbacce durante il ciclo di crescita, il che può essere fatto con la pacciamatura. Prima del trapianto in autunno, concimare il terreno con letame o colata di vermi. Questo aiuterà la coltura a lavorare correttamente. Dal secondo anno, all’inizio della primavera, il fertilizzante viene aggiunto di nuovo per migliorare ulteriormente la produzione.


Per quanto riguarda l’irrigazione, è molto importante irrigare secondo lo stato della coltura. Se abbiamo appena piantato, dobbiamo mantenere alta l’umidità durante le prime settimane. Quando la pianta è più sviluppata con la sua parte aerea, l’irrigazione dovrebbe essere aumentata. Non si deve mai inzuppare d’acqua a causa della sua suscettibilità all’asfissia.


Una volta piantati, gli asparagi iniziano a produrre nel secondo o terzo anno. Alla fine della primavera (tra 5 o 6 settimane dopo il mese di marzo) inizia la raccolta e dovrebbe essere fatta quando misurano tra 10 e 15 cm.


Spero che con queste informazioni sarete in grado di piantare perfettamente i vostri asparagi sia nel vostro giardino urbano che nell’orto.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *