terrarios

Come fare un terrario e quali piante sono più adatte

terrari


Sicuramente avrete visto una pianta dentro un vaso di vetro con terra e qualche decorazione. È un terrario, e non è altro che un mini giardino coltivato all'interno del contenitore di vetro. Ha molta versatilità quando si tratta di essere usato come decorazione, dato che può essere usato sia all'interno che all'esterno.


Se vuoi imparare come fare il tuo terrario e quali piante sono più adatte, continua a leggere.

Materiali necessari


materiali per il terrario


Il vantaggio dei terrari rispetto ad altri tipi di vasi è che ricreano le giuste condizioni ambientali in modo che la pianta non richieda molte cure. Puoi scegliere il contenitore che ti piace di più e decorarlo a modo tuo.


Una volta che avete il contenitore, avrete bisogno dei seguenti materiali:



  1. Dovrebbe essere leggero e permettere un buon drenaggio. Per una migliore fertilizzazione, possiamo aggiungere torba o muschio. Si può mescolare con la vermiculite in un rapporto di 3:1. Per sapere se il terreno ha un buon drenaggio, mettetene un po' in mano e bagnatelo. Se il terreno è ben drenato dovrebbe allentarsi perché è più leggero.

  2. Piccoli ciottoli o ghiaia. Questi ciottoli aiuteranno il corretto drenaggio dell'irrigazione. Sono posizionati in basso e la loro dimensione dovrebbe essere di circa mezzo centimetro. Se mettiamo alcune pietre sopra, daranno una buona finitura al terrario.

  3. Carbone attivo. Serve a mantenere il terreno sempre umido. Se il vostro contenitore ha un foro sul fondo per drenare l'acqua, non è necessario usare il carbone attivo. La sua funzione è quella di assorbire l'acqua in eccesso. È posizionato in basso.

  4. Conchiglie, pietre, ecc. Avrete bisogno di materiali che non danneggeranno l'acqua, ma serviranno come decorazione per personalizzare il vostro terrario.

Passi per fare il terrario


terrario con piante


Una volta che abbiamo tutti i materiali necessari per fare il nostro terrario, cominciamo a costruirlo.


Per prima cosa dobbiamo pulire bene il contenitore per evitare possibili contaminazioni e per renderlo il più trasparente possibile. Si consiglia di lavarlo con sapone antibatterico in modo che la pianta non sia contaminata. Per una migliore finitura, sciacquare più volte.


Poi, mettete circa 2,5 centimetri di ghiaia mescolata con una buona quantità di carbone attivo. Questo preparerà il drenaggio. Aggiungere lo strato di muschio per evitare che il terreno penetri nella ghiaia. Per manipolare il muschio è consigliabile usare i guanti, altrimenti saremo in contatto diretto con i funghi.


Una volta che tutto il drenaggio è a posto, possiamo aggiungere il terreno. La quantità di terra di cui avremo bisogno dipenderà dal tipo di contenitore che abbiamo e dalla lunghezza delle radici delle piante. Possiamo schiacciare il terreno per avere una superficie più piatta.


Per piantare correttamente le nostre piante nel terrario è importante che, quando le togliamo dai loro vasi, scuotiamo tutta la terra in eccesso dalle radici. Una volta rimossi, scavate una buca nel terreno del terrario per piantarli. È importante che le foglie non siano in contatto con il vetro per evitare malattie e funghi.


Una volta che abbiamo la pianta già installata nel terrario, possiamo aggiungere le decorazioni che riteniamo appropriate. Poi annaffia abbastanza in modo che le pietre sul fondo del contenitore siano bagnate.


Manutenzione


manutenzione del terrario


Il terrario richiede alcuni lavori di manutenzione per mantenerlo nelle migliori condizioni per le piante. Il posizionamento del terrario deve essere adeguato, a seconda del tipo di pianta che abbiamo piantato. Tenete presente che il vetro è trasparente e se lo mettiamo in piena luce del sole, potremmo danneggiare la pianta.


Si consiglia di tenere il terrario in casa per evitare improvvisi cambiamenti di temperatura. L'irrigazione dipende dal tipo di pianta che abbiamo, ma di solito si annaffia ogni una o due settimane. Se abbiamo un cactus piantato nel terrario, dovremmo annaffiare solo una volta al mese.


Se vogliamo che il nostro terrario duri più a lungo, dovremo fare alcune operazioni di manutenzione come rimuovere le parti appassite, eliminare le erbacce, le piante malate che possono infettare e i funghi. In questo modo possiamo mantenere il nostro terrario in buone condizioni.


Piante per il terrario


varietà di terrari


Passiamo ora a nominare le piante e le caratteristiche che sono ottimali per la creazione di un buon terrario. Naturalmente, la scelta delle piante spetta al consumatore. Tuttavia, ci sono alcune piante che sono più adatte ai terrari e alcuni aspetti che si dovrebbero prendere in considerazione.


Scegliete alcune piante che hanno caratteristiche simili e assicuratevi che crescano bene insieme. È meglio scegliere piante che non richiedono molte cure. I più usati per queste cose sono muschi, piante grasse, felci e cactus. È importante che la pianta che vogliamo mettere nel nostro terrario non sporga dal contenitore o cresca così tanto da essere in continuo contatto con le pareti del vetro. Questo potrebbe causare malattie o funghi.


Le migliori piante per terrari sono quelle che possono sopportare l'ombra e tollerare alte temperature e livelli di umidità. Per quanto riguarda il contenitore, può essere di plastica o di vetro. La cosa più importante è che sia abbastanza profondo da contenere le radici.


decorazioni per terrari


Possiamo avere diversi tipi di terrari impostati in modi diversi e contenenti piante secondo il clima che vogliamo imitare. Possiamo avere un terrario tropicale con piante come orchidee, bromelie, licheni, tillandsie, pothos, felci, ficus nani, ecc. Tutte queste piante si adattano bene alle temperature più alte e all'alta umidità. Inoltre, questi terrari tropicali sono quelli che possono ospitare più tipi di piante e in buone condizioni.


D'altra parte, possiamo avere un terrario che imita un clima desertico e possiamo aggiungere piante come cactus e piante grasse. Questi terrari si adattano bene alla bassa umidità e alle alte temperature. Dovete anche sapere che richiedono meno cure e meno innaffiature.


Con queste informazioni sarete in grado di costruire il vostro terrario nel vostro stile con una bella decorazione. Mettiamoci al lavoro!


Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *