Come fare il drenaggio per le nostre piante

Perlite


Perlite, un materiale ideale per migliorare il drenaggio.


Se l'irrigazione è uno dei compiti più complicati che ogni giardiniere e/o appassionato di giardinaggio deve, più o meno, controllare affinché le sue piante crescano bene, il compito diventa ancora più complicato quando il substrato o il terreno non drena abbastanza velocemente perché le radici si sviluppino correttamente.


Ci sono alcune, come le piante grasse, che anche se hanno bisogno di essere annaffiate con la stessa frequenza di una pianta stagionale (2 o 3 volte a settimana), se il terreno di coltura non è ben drenato, molto probabilmente marciranno in poco tempo. Come evitare problemi?

Drenaggio del suolo


Terra


Prima di decidere quali piante coltivare in un giardino, è molto importante controllare il drenaggio del terreno. Per fare questo, bisogna scavare una buca di circa 50x50cm e riempirla d'acqua. Se dopo 3-4 giorni c'è ancora acqua sul fondo, allora sarà necessario migliorarlo, perché? A causa dei funghi.


Questi microrganismi amano gli ambienti umidi, quindi non esiteranno un attimo a infettare quelle piante che sono deboli o malate in qualsiasi momento. E a questo bisogna aggiungere che sono molto difficili da sradicare, essendo più consigliabile prevenire che curare.


Come si può migliorare?


Può essere fatto in due modi: mescolando il terreno nella buca di impianto con perlite, palline di argilla espansa o qualsiasi altro materiale simile in parti uguali, o facendo modifiche generali al terreno del giardino.


Metodo 1 - Installazione di tubi di drenaggio


Questo metodo è particolarmente adatto per i terreni che hanno davvero difficoltà a drenare l'acqua. Sono installati come segue:



  1. Tracciate delle linee sul terreno dove verranno posati i tubi. Ogni trincea laterale deve essere unita a quella principale con un angolo di 60º e ci deve essere una distanza di circa 2 metri tra loro.

  2. Fare delle trincee profonde circa 50 cm e larghe 40 cm, con una leggera pendenza.

  3. Mettere uno strato di circa 10 cm di ghiaia.

  4. Posizionare i tubi.

  5. Coprire con la ghiaia e metterci sopra il tessuto geotessile. Questo impedirà alla terra di entrare e danneggiare i tubi, ma permetterà all'acqua di passare.

  6. Coprire con sabbia.

Metodo 2 - Approfittare delle piste (o crearle)


Se il tuo giardino ha delle pendenze, approfittane! E se non lo fa, puoi crearli costruendo più terra in un posto che in un altro. L'acqua piovana e l'acqua di irrigazione possono essere controllate rastrellando il terreno 😉 .


Metodo 3 - Piantare le piante sopra il livello del suolo


E no, non sembra male. Si tratta di creare dei cumuli di terra e di piantarci sopra, in modo che quando si innaffia, l'acqua scenda lungo il pendio e non se ne raccolga molta intorno alla pianta, evitando che marcisca.


Altre opzioni - Scegliere le piante che crescono in terreni poco drenati


Se non volete diventare troppo complicati, potete scegliere piante che crescono in terreni poco drenati. Ecco una lista di piante che vivono in climi mediterranei, dove il suolo è calcareo e, quindi, dove l'acqua non drena bene.


Come fare il drenaggio nei vasi

Drenaggio_grille

Griglia di drenaggio


Migliorare il drenaggio dei nostri vasi è molto più facile e altrettanto importante. Spesso consiglio di usare un terreno di coltura universale mescolato con perlite, ciottoli di argilla o simili, perché questo terreno da solo può creare problemi alle piante, specialmente alle succulente (cactus e crassule), e alle piantine.


Come si può migliorare?


Ci sono due metodi:


Metodo 1 - Mescolare il substrato di coltivazione con materiali porosi.


Nei vivai è sempre più facile trovare substrati già preparati per certe piante. Ma... (c'è sempre un ma), il drenaggio è ancora, dal mio punto di vista, un problema che deve essere migliorato. Fortunatamente, può essere fatto mescolandolo con perlite, palline di argilla, vermiculite o anche fibra di cocco .


La proporzione varia a seconda del tipo di pianta. Per esempio:



  • Alberi e arbusti: substrato a base di torba mescolato con il 20-30% di perlite o simile.

  • Palme: substrato a base di torba mescolato con il 30% di perlite o simile.

  • Piante da fiore (annuali, biennali e perenni): terreno di coltura universale misto al 20% di perlite.

  • Succulente (cactus e succulente): substrato a base di torba o pacciame con materiale poroso mescolato in parti uguali, o anche aggiungere altro materiale poroso.

Metodo 2 - Mettere delle griglie di drenaggio


Per far defluire l'acqua il più rapidamente possibile, si possono mettere delle griglie di drenaggio (del tipo usato per i bonsai), o anche - e sarà più economico - si possono mettere dei pezzi di rete di plastica con fori molto piccoli, o dei filtri da caffè.


Irrigazione: quello che dovresti sapere


Annaffiatoio di metallo


Controllare l'irrigazione è essenziale per evitare che le radici delle piante soffochino. Non tutte le piante hanno bisogno della stessa quantità d'acqua o di essere innaffiate con la stessa frequenza. Quindi, prima di innaffiare, è importante controllare l'umidità del substrato o del terreno. Come? Ecco come:



  • Si può inserire un sottile bastoncino di legno - come quelli usati nei ristoranti giapponesi - fino in fondo. Se esce praticamente pulito quando lo si tira fuori, il terreno in quella zona è asciutto. Punzecchialo di nuovo in altri punti intorno alla pianta per confermare, e annaffia solo se è molto secco.

  • Usare un misuratore di umidità digitale. Li troverete in vendita nei vivai e nei negozi di giardinaggio. Può essere abbastanza comodo, perché basta collegarlo e ti dirà il contenuto di umidità di quell'area. Ma, perché sia veramente utile, è necessario inserirlo in altri posti intorno alla pianta per essere sicuri.

  • Se è in una pentola, potete pesarla appena la innaffiate, e di nuovo dopo qualche giorno. In questo modo saprete quando innaffiarlo in base al suo peso in ogni momento.

Un altro punto importante è quello di evitare di mettere il sottovaso sotto i vasi, poiché l'acqua che rimane pudica può soffocare le sue radici. Se non avete scelta, assicuratevi di rimuovere l'acqua in eccesso dopo 10-15 minuti di irrigazione. In questo modo, le vostre piante potranno continuare a crescere normalmente.


Obregonia denegrii


Spero che questi consigli vi aiutino ad avere belle piante e un bel giardino (o patio) 🙂 .

Deja una respuesta

Subir