10 tipi di alberi originari della Spagna

Il pino cembro è originario della Spagna.


Quanti tipi di alberi ci sono in Spagna? La verità è che ce ne sono molti. Questo è un paese fortunato in questo senso, poiché ci sono diversi climi, tutti temperati, ma alcuni sono più caldi, altri più freddi; in alcune zone piove frequentemente, in altre al contrario, i periodi secchi sono i protagonisti,… Tutto questo fa sì che la varietà di piante autoctone sia molto ampia e diversificata.


Ma, come non potrebbe essere altrimenti, gli alberi sono il tipo di essere vegetale che ha ricevuto e riceve più usi. Quindi, andiamo a conoscere le specie più popolari di alberi originari della Spagna.

Abete comune

L'abete bianco europeo è originario della Spagna.

Immagine – Wikimedia/WikiCecilia


È una conifera sempreverde il cui nome scientifico è Abies alba. Ha una forma piramidale, raggiungendo un’altezza da 20 a 50 metri. Il suo tronco è dritto e colonnare, con un diametro fino a 6 metri. Le sue foglie sono lineari, non appuntite, da 1,5 a 3 centimetri.


In Spagna cresce nei Pirenei, a un’altitudine tra i 700 e i 2000 metri sul livello del mare.

Articolo correlato:Abies alba, l’abete comune dei giardini

Carrubo


Il carrubo è un albero mediterraneo.


Il suo nome scientifico è Ceratonia siliqua, ed è una specie perennifolia fino a 10 metri di altezza che sviluppa un tronco spesso

, fino a 1 metro di diametro. Le foglie sono paripennate, verde scuro, con una dimensione da 10 a 20 centimetri di lunghezza.

È originaria del bacino del Mediterraneo, essendo molto comune nelle isole Baleari, essendo trovata in campi aperti.

Articolo correlato:Caratteristiche, cultura e manutenzione del carrubo

Castagno

Il castagno è un albero da frutto

Immagine – Flickr/Andreas Rockstein


È un albero che può raggiungere un’altezza fino a 30 metri, con un tronco dritto e spesso fino a 2 metri di diametro il cui nome scientifico è Castanea sativa

. La sua corona è ampia, formata da foglie di 8-22 per 4,5-8 centimetri, seghettate, glabre sul lato superiore e un po’ pubescenti sul lato inferiore.

In Spagna si trova soprattutto nell’estremo nord della penisola, soprattutto in Galizia. È presente anche a Gran Canaria, Tenerife e nel nord di La Palma. Nelle isole Baleari non ci sono foreste, ma può crescere nel nord dell’arcipelago.

Articolo correlato:Castagno (Castanea sativa)

Faggio

Il faggio è un albero maestoso

Immagine – Wikimedia/Willow


Il Fagus sylvaticasonalberi decidui di 35 a 40 metri di altezza, che sviluppano un tronco dritto e non molto ramificato. Le foglie sono di solito verdi, anche se il loro colore può essere viola nella varietà Fagus sylvatica var. Atropurpurea

.

In Spagna è frequente nella catena montuosa cantabrica, così come nei Pirenei. Al di fuori di questa gamma è molto, molto scarso, si trova solo in alcuni giardini a condizione che le condizioni siano quelle adatte.

Articolo correlato:Il faggio, un albero maestoso

Corbezzolo

Il corbezzolo è un albero sempreverde.

Immagine – Wikimedia/Krzysztof Golik


Il corbezzolo, il cui nome scientifico è Arbutus unedo, è un piccolo albero sempreverde alto fino a 7 metri

con foglie di 8 per 3 centimetri, verde brillante sul lato superiore e opaco sul lato inferiore. Il suo tronco è marrone rossastro e spesso cresce un po’ inclinato.

È originaria della regione mediterranea, si trova nelle foreste miste e sui pendii in lecceti o querceti. Nonostante tutto, nelle isole Canarie è considerata una specie esotica invasiva, essendo proibita la sua introduzione nel modo naturale così come il suo possesso.

Articolo correlato:Il corbezzolo come albero tipico del Mediterraneo

Olmo di montagna

Vista dell'olmo di montagna

Immagine – Wikimedia/Melburnian


È un albero dal tronco dritto che può misurare fino a 40 metri di altezza

. La sua corona è molto densa, formata da foglie semplici, alterne e cadenti di colore verde. Riceve i nomi di olmo di montagna o olmo montano, e nel gergo botanico è chiamato Ulmus glabra.


In Spagna cresce soprattutto nei Pirenei catalani, così come in Galizia, Cantabria, Paesi Baschi, Asturie e Aragona.

Articolo correlato:Olmo di montagna (Ulmus glabra)

Oron

L'Acer opalus è un albero deciduo.

Immagine – Flickr/Joan Simon


Il suo nome scientifico è Acer opalus, ed è una delle poche specie di acero native del paese. Raggiunge un’altezza di 20 metri, con un tronco fino a 1 metro di diametro. Le sue foglie sono verde lucido, lunghe da 7 a 13 cm e larghe da 5 a 16 cm, palmatilobate e decidue.


La sottospecie Acer opalus subsp opalus cresce nella metà orientale della penisola, mentre Acer opalus subsp granatense si trova nel nord dei Pirenei Aragonesi, a est della penisola, e nel nord dell’isola di Maiorca.

Articolo correlato:Acer opalus

Pino di Aleppo

Il pino di Aleppo cresce nel Mediterraneo

Immagine – Wikimedia/Daniel Capilla


Conosciuto anche come pino di Aleppo, o con il nome scientifico Pinus halepensis, è una conifera sempreverde che raggiunge un’altezza di 25 metri. Il suo tronco ha una forma tortuosa, con una corona irregolare e molto densa.


È originario della metà orientale della penisola iberica, così come delle isole Baleari. È ampiamente utilizzato nei giardini a bassa manutenzione a causa della sua resistenza alla siccità, alle alte temperature e alle gelate moderate.

Articolo correlato:Pino di Aleppo, simbolo delle coste del Mediterraneo

Quercia di Carballo

Vista di Quercus robur

Immagine – Flickr/Peter O’Connor aka anemoneprojectors


Conosciuta anche come quercia sessile o quercia invernale, e con il suo nome scientifico Quercus robur, è un albero deciduo di grande altezza: può superare i 40 metri, con una corona ovata e arrotondata, abbastanza regolare, composta da foglie alterne e verdastre.


È presente nel nord della penisola, dal livello del mare fino a 1000 m sul livello del mare. È stato coltivato fin dai tempi antichi a Madrid, in particolare nella Casa de Campo.

Articolo correlato:Quercus robur, la quercia carballo

Tasso comune

Vista di Taxus baccata o albero di tasso

Immagine – Wikimedia/Sitomon


Il suo nome scientifico è Taxus baccata ed è una conifera sempreverde considerata come un fossile vivente: appartiene a un gruppo di piante che già abitavano la Terra nel periodo giurassico, cioè più di 140 milioni di anni fa. Cresce fino a un’altezza di 10-20 metri, con un tronco spesso fino a 4 metri di diametro.


Cresce naturalmente a partire da 800 metri sul livello del mare, soprattutto nelle zone montuose. Si trova soprattutto nelle Asturie, Cantabria e Zamora, sebbene sia presente anche nell’estremo nord della penisola, e in parti della Catalogna e della Comunità Valenciana, così come nel nord dell’isola di Maiorca.


Cosa ne pensi di questi alberi?

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *