Santa Rita, una pianta molto bella

La Bougainvillea è un rampicante


Bella come poche altre, la Santa Rita o Bougainvillea è un arbusto meraviglioso da avere in giardino per la sua fioritura colorata, che inizia in primavera e continua fino all’autunno. È così che offre almeno 6 mesi di fiori intensi che catturano l’occhio per la loro bellezza.


Questa pianta cresce in pieno sole ma ha bisogno di un terreno non troppo umido perché poi comincia a perdere le foglie. È una pianta di clima caldo quindi soffre le conseguenze del freddo e quindi se la temperatura scende sotto i 10 gradi il cespuglio muore.

Origine e caratteristiche della Santa Rita


La Bougainvillea è una pianta che fiorisce in primavera.


Poiché la Santa Rita è una pianta rampicante, è ideale per decorare muri e pergolati, aggiungendo colore e gioia al giardino. Appartiene al genere Bougainvillea, motivo per cui è conosciuta anche come bougainvillea o bouganville. Cresce nell’America del Sud tropicale e subtropicale.


Raggiunge un’altezza da 1 a 12 metri, ma per questo ha bisogno di un supporto per arrampicarsi, altrimenti si comporta come una pianta strisciante. Inoltre, a seconda del suo luogo d’origine e dell’evoluzione che ha subito, nonché del clima della zona in cui viene coltivato, può essere sempreverde, semideciduo o deciduo.


Per esempio, la specie Bougainvillea glabra, che è una delle più coltivate in Spagna, ha una foglia semidecidua, ma nei climi in cui le temperature scendono sotto i 5ºC perde il suo fogliame; e ricrescerà solo se l’inverno è mite, poiché sopporta solo gelate molto deboli e puntuali.


Quando fiorisce la bouganville?


La sua stagione di fioritura è la primavera e l’estate. Se le temperature sono calde, continuerà a fiorire fino all’autunno. Questi fiori sono raggruppati in infiorescenze molto numerose e dense. A seconda della varietà, possono essere bianchi, arancioni, rosa, rossi o lilla.


C’è una cosa molto curiosa che è importante sapere ed è che ciò che pensiamo come petali sono in realtà brattee. Le brattee sono un tipo di foglia che svolge la funzione dei petali, cioè quella di attirare gli impollinatori, ed è per questo che sono così appariscenti.


Come far fiorire la bouganville?


Anche se vedremo la sua cura in dettaglio qui di seguito, è il momento di concentrarsi specificamente su come farla fiorire. Per fare questo, ci assicureremo che abbia abbastanza spazio per crescere, ed è anche altamente raccomandato di concimarlo con un fertilizzante che stimoli la produzione di fiori. Questo deve essere ricco di fosforo, che è un macronutriente (o nutriente essenziale) che contribuisce alla fioritura, specialmente il fosforo.


Sarà applicato durante tutta la stagione, seguendo le indicazioni che si possono leggere dalla confezione, perché è molto importante applicare la giusta dose. Se lo applichiamo “a occhio”, potremmo fare l’errore di superare la dose raccomandata, e questo porterebbe problemi alla bouganville, come la morte delle radici prima, e poi dei rami.


Quanti tipi di bouganville esistono?


Si stima che esistano 34 specie diverse di bouganville, ma solo alcune vengono scelte per giardini e terrazze. Vuoi sapere quali? Date un’occhiata:


Bougainvillea glabra

La Bougainvillea glabra è la bougainvillea minore.

Immagine – Wikimedia/Emőke Dénes


La Bougainvillea glabra èuna specie originaria del Brasile ben nota per la sua spettacolare fioritura, ma anche per le dimensioni che raggiunge: 10 metri. Le sue foglie sono semi-decidue e piccole, quindi può essere usato sia come un piccolo arbusto che come bonsai.


Bugainvillea ‘Mini Thai


Si tratta di una cultivar di Bugainvillea glabra, ma a differenza di questa ha una forma cespugliosa o addirittura arborea. È molto interessante coltivarla in vaso, nei giardini come siepe bassa. Tuttavia, a seconda del tempo può perdere le sue foglie, o mantenerle se non c’è il gelo.


Bougainvillea ‘Sanderiana’.

La Bougainvillea sanderiana è una piccola pianta


Questa è una varietà di Bougainvillea glabra. Il suo nome scientifico è Bougainvillea glabra var Sanderiana. È molto simile, ma i suoi fiori sono solo lilla, più o meno scuro. Altrimenti, è una pianta grande, ideale per coprire muri e pareti.


Bougainvillea spectabilis

La Bougainvillea spèctabilis è un rampicante a crescita lenta.

Immagine – Flickr/barloventomagico


La Bougainvillea spectabilis è una pianta sempreverde (anche se perde le foglie se fa freddo) che può arrivare fino a 10 metri anche se ha un sostegno. È originaria del Brasile e produce fiori in una grande varietà di colori, come rosso, rosa, beige o bianco.


Di quali cure ha bisogno la bouganville?


È una pianta molto facile da curare e non richiede molta manutenzione, è sufficiente sostenerla con un supporto perché non si aggrappa a se stessa come i rampicanti. Tuttavia, è necessario sapere che non cresce bene in vaso perché ha bisogno di spazio, ma questo non significa che sia impossibile coltivarlo in uno. Vediamo come occuparsene:


Posizione


La Bougainvillea o Santa Rita ha bisogno di essere collocata in un luogo soleggiato, ma dove può avere gli steli in penombra/ombra. Per esempio, potrebbe essere collocata su un arco posto su un sentiero; in questo modo, sarebbe essa stessa, con le sue foglie, a fare ombra ai suoi stessi steli.


Un’altra opzione sarebbe quella di attaccarlo a una colonna dove ci sono molte piante di altezza bassa o media, come cespugli di rose o ibiscus. In questa situazione, sarebbero queste piante a proteggere gli steli della Santa Rita.


Terreno o substrato


Le buganvillee sono arbusti con fiori vistosi.



  • Giardino: la Bougainvillea non è troppo esigente, ma è consigliabile piantarla in un terreno che non sia solo ricco di nutrienti, ma che abbia anche una buona capacità di drenare l’acqua. Non tollera i ristagni d’acqua.

  • Vaso: può essere piantato in un vaso con fori di drenaggio, con substrato universale (in vendita qui) o fibra di cocco (in vendita qui).

Irrigazione e concimazione


L’irrigazione deve essere fatta in modo che il terreno o il substrato sia umido, non inzuppato d’acqua. L’ideale è usare l’acqua piovana, ma se questo non è possibile, si può usare acqua a basso contenuto di calcare.


D’altra parte, è consigliabile concimarla in primavera e in estate; non solo per farla fiorire ma anche per mantenere la Bougainvillea in perfette condizioni. Per esempio, il guano (in vendita qui), o il letame di pollo (secco) sono altamente raccomandati per le loro proprietà nutritive.


Quando si pianta la Bougainvillea?


La Bougainvillea dovrebbe essere piantata in giardino non appena la temperatura rimane sopra i 15°C, cioè in primavera. Bisogna aspettare tutto il tempo necessario affinché la stagione si stabilizzi, poiché è una pianta sensibile al freddo.


Se è in vaso, va rinvasato ogni 3 o 4 anni, sempre in primavera.


Potatura


Non ha bisogno di molto. In generale, è solo necessario rimuovere:



  • steli vecchi, rotti o malati

  • steli che sono intrecciati (e solo se non ti piace l’aspetto)

E anche tagliare quelli che crescono troppo lunghi.


Parassiti


Il principale parassita che li colpisce è la cocciniglia cotonosa, che si riconosce dalla lanugine bianca che si forma dietro le foglie. Un buon modo per eliminarlo è quello di pulirlo con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool, o versandovi sopra della terra diatomacea (in vendita qui).


Altri parassiti minori sono le mosche bianche, gli afidi e gli acari come i ragnetti. Tutti questi possono anche essere eliminati con i prodotti menzionati sopra.


Moltiplicazione


Santa Rita si moltiplica per talee semilegnose in estate e per talee legnose o resistenti in primavera o in autunno. Dovrebbero essere lunghi circa 40 centimetri, e piantati in vasi con vermiculite (in vendita qui) dopo aver impregnato la base dello stelo con ormoni radicanti (in vendita qui).


Resistenza


Può sopportare gelate leggere fino a -3°C.


Usi della Bougainvillea


Santa Rita è usata principalmente nei giardini, per coprire tralicci, muri, pareti, ecc. Ma è anche usato per le sue proprietà medicinali nei suoi luoghi d’origine. Le brattee -ricordate che sono foglie che sembrano petali- sono quelle che si consumano per trarne beneficio in caso di asma, tosse o altri problemi respiratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *