tirabeque

Proprietà e coltivazione dei piselli da neve

cosa sono i piselli da neve


Molti si chiederanno:cosa sono i piselli da neve? Sono piccoli ortaggi della famiglia dei piselli, che sono dati in baccelli di colore verde intenso e hanno semi abbastanza piccoli a differenza dei piselli i cui semi sono più sviluppati, essendo ciò che si consuma da questo.


Sono originari del bacino del Mediterraneo e dell'Asia e sono verdure di stagione molto breve, solo poche settimane all'inizio della primavera. A causa delle piccole dimensioni dei semi, i piselli da neve vanno con tutto, hanno una consistenza croccante e allo stesso tempo sono morbidi con un sapore leggermente dolce e un leggerissimo tocco di amaro, essendo raccomandato di essere consumato il più fresco possibile, poiché con il passare dei giorni il baccello diventa duro e i piselli perdono il loro sapore.

Cosa bisogna sapere prima di cucinare i piselli da neve?


I piselli da neve sono simili ai piselli.


Si raccomanda di rimuovere i fili che sono disposti all'attaccatura dei baccelli, prima di cucinare i piselli da neve, poiché per molte persone la loro presenza è sgradevole.


Il processo non è affatto complicato, bisogna tenere il baccello con una mano e con l'aiuto dell'altra mano si prende il gambo dalla punta di questo, lo si allunga verso l'alto, mentre si preme verso il basso il baccello e si lasciano completamente queste vene.


Vale la pena notare che ci sono quelli che lo consumano senza rimuovere questi fili laterali, non succede nulla se non vengono rimossi, in quanto è una questione di gusto, ma ricordate, devono essere lavati accuratamente.


Come cucinare i piselli da neve?


Ci sono tre modi raccomandati per cucinarli, direttamente in acqua calda, al vapore o saltati in padella. L'importante è non cuocerli troppo, perché perdono la loro croccantezza, che è una delle loro attrazioni.


Il processo di cottura in acqua permette di ridurre un po' il sapore amaro dei piselli di neve, ma questo è a gusto del commensale. Appena tolti dal fuoco, la cottura va fermata con acqua fredda, ricordando che vanno consumati al dente.


Per mangiarli saltati, potete cuocerli direttamente con il resto degli ingredienti o se preferite, potete passarli per qualche secondo in acqua bollente e poi saltarli.


Se volete aggiungere i piselli di neve agli stufati, ricordatevi di farlo quasi alla fine, quando sarà pronto, in modo che mantengano la loro consistenza croccante.


È anche conosciuto con questi nomi, bisalto, miracielo e cappuccino di piselli.


In Francia chiamano i piselli da neve «pois gourmant», «pois princesse» e «pois mangetout», in Inghilterra sono conosciuti come «snow peas» e in Italia «taccola» e «piselli mangiatutto». Quest'ultimo si adatta come un guanto, dato che si mangia assolutamente tutto questo ortaggio, a causa del suo tenero baccello e dei suoi piccoli semi.


La presentazione è abbastanza sorprendente, verde brillante e abbastanza piatta, con leggere protuberanze dove i semi all'interno fanno capolino discretamente ed è anche abbastanza apprezzata per il suo sapore e la sua consistenza, motivo per cui bisogna fare attenzione a non cuocerli troppo.


I piselli da neve sono di solito presenti in alcuni piatti d'autore come parte degli ingredienti, anche se non sono i protagonisti di questi. Di solito viene consumato in insalate, zuppe, stufati e come accompagnamento ad altri cibi.


Proprietà dei piselli da neve


I piselli contengono proteine vegetali, vitamina B, vitamina C, minerali come zinco, potassio, magnesio e fibre, forniscono energia e sono stimolanti, ma sono controindicati nelle persone che soffrono di disturbi gastrointestinali, che sono in mezzo alle diete e per coloro che hanno una digestione lenta.


Coltivazione di piselli da neve


I piselli da neve sono facili da coltivare


Dalla famiglia delle fabacee, rappresentano una coltura molto benefica per quando la terra è esaurita dopo anni di colture che richiedono molto dal suolo, come gli ortaggi. Il mangetout facilita la fissazione dell'idrogeno nel substrato e aiuta il terreno a rigenerarsi rapidamente.


La stagione ideale per coltivarli è la primavera, non appena cessano le temperature estremamente basse.


Dovrebbero essere coltivate con una distanza di 40-50 centimetri tra una fila e l'altra, in modo da facilitare lo sviluppo di ogni pianta. Una volta che raggiungono un'altezza di circa 15 centimetri, lo stelo deve essere rinforzato con una base o tutore in modo che continuino a crescere verso l'alto, questo processo contribuisce alla successiva produzione dei baccelli e alla loro raccolta, dopo due mesi, la pianta è in pieno sviluppo generando baccelli che danno da raccogliere fino a quattro volte.


Non è una pianta che richiede molto dal terreno, a meno che non abbia abbastanza nutrienti, ha bisogno di molto sole, ma non troppo, e ha bisogno di annaffiature permanenti, poiché non tollera la siccità. Ma se quello che vuoi è avere un raccolto di piselli da neve per tutta l'estate, devi fare due raccolti con una differenza di tre settimane tra uno e l'altro.


Parliamo di un tipo di mangetout, il mangetout giallo.


Lungi dal provenire da un processo ibrido, è una variante molto antica della specie, tra l'altro.


Si coltiva allo stesso modo dei piselli, richiede un clima di abbondante freschezza e un substrato poco esigente, infatti, non tollera i terreni ad alto contenuto acido, inoltre ha bisogno di molto sole e di annaffiature costanti al suolo.


I parassiti più comuni che solitamente colpiscono le piantagioni di piselli sono afidi, funghi, coleotteri e tarme del pisello.


si possono cucinare i piselli di neve in diversi modi


Oltre alle sue proprietà alimentari al momento di metterlo in tavola, il fattore decorativo del pisello giallo delle nevi è un valore aggiunto, poiché i suoi forti fiori rossi sono molto appariscenti, così come i suoi frutti gialli.


Al momento ci sono otto varietà di questo ortaggio in fase di sviluppo nelle serre e nella località di Almeria, che per le sue qualità di utilizzo totale (baccello e semi) è molto attraente.


Lo scopo di queste coltivazioni controllate è quello di specificare la qualità e l'importanza del mangetout e di altre leguminose nella diversificazione delle coltivazioni in serra, che apparentemente sono riuscite a spiccare su altre coltivazioni, specialmente quella che ci riguarda date le sue note proprietà che gli hanno fatto guadagnare persino il titolo di prelibatezza.


se il business è interessato, in Almeria hanno promosso negli ultimi anni la diversificazione delle colture, dando modo di nuove specie di piante al fine di aprire altre strade di business ed è che nella coltivazione di piselli di neve, ci sono queste opportunità di business non trascurabile e contribuire allo sviluppo economico di Andalusia.


fiore rosso scuro tirabeque


In questo senso e per il 2016, è stata lanciata la coltivazione (prova) in serra di 800 metri quadrati, contenente un totale di otto specie il cui risultato finora è stato buono, sono ora in fase di raccolta di questi per il loro studio corrispondente al fine di determinare quale delle varietà sono i più favorevoli a crescere in serra.


Gli studi condotti da diverse scuole insieme e attraverso l'applicazione di questionari mostrano che i piselli da neve sono attualmente coltivati in piccoli appezzamenti situati in zone molto fredde, dimostrando che, lungi da ciò che è stato detto, sono resistenti anche a temperature fino a meno 3 gradi.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *