adenium en flor

File completo della Rosa del Deserto

Adenium obesum in fiore


È probabilmente la pianta grassa caudiciforme più popolare. La rosa del deserto è un arbusto originario dell'Africa che produce fiori a forma di tromba con fioriture molto luminose e allegre. Anche se il suo tasso di crescita è molto lento, questo la rende una pianta ideale da tenere in un vaso per molti anni, anche per tutta la sua vita.


Tuttavia, la sua coltivazione è complicata. È molto sensibile all'irrigazione eccessiva e al freddo, quindi mantenerlo stagione dopo stagione non è facile. Ma, per renderlo un po' più facile, ecco alcuni consigli e trucchi per aiutarvi a mantenere la vostra Rosa del Deserto bella e, soprattutto, sana.

Caratteristiche della rosa del deserto

Adenium obesum in Tanzania

Il nostro protagonista, in habitat (Tanzania).


La rosa del deserto, conosciuta anche come Sabi Star, Kudu, Desert-rose o Adenio e con il nome scientifico Adenium obesum, è un arbusto appartenente alla famiglia delle Apocynaceae che cresce fino a 2 metri di altezza. È originaria dell'Africa tropicale e subtropicale orientale e meridionale e dell'Arabia.


Le sue foglie sono sempreverdi, il che significa che la pianta rimane sempreverde tutto l'anno, ma nelle zone dove l'inverno è fresco le perde. Sono semplici, interi e coriacei. Sono lunghe da 5 a 15 cm e larghe da 1 a 8 cm. Sono verde scuro e hanno un nervo centrale molto visibile.


Ifiori, che appaiono in estate o all'inizio dell'autunno, sono a forma di tromba e sono composti da cinque petali di 4-6 cm di diametro. Possono essere di diversi colori: bianco, rosso, rosa, bicolore (bianco e rosa). Una volta impollinati, iniziano a maturare i semi, che sono lunghi 2-3 cm e di forma rettangolare.


Ci sono sei sottospecie:



  • Adenium obesum subsp. boehmianum: originario di Nambia e Angola.

  • Adenium obesum subsp. obesum: originario dell'Arabia.

  • Adenium obesum subsp. oleifolium: originario del Sudafrica e del Botswana.

  • Adenium obesum subsp. socotranum: originario di Socotra.

  • Adenium obesum subsp. somalense: originario dell'Africa orientale.

  • Adenium obesum subsp. swazicum: originario del Sudafrica orientale.

È importante aggiungere che la sua linfa è tossica, quindi se è necessario potarla, indossate sempre i guanti per evitare problemi.


Come prendersene cura?


Adenium obesum


Ora che sappiamo quali sono le sue caratteristiche, vediamo come prendersi cura di esso in modo che possa crescere bene nella nostra casa:


Posizione


Per crescere e avere un buon sviluppo dobbiamo collocarlo in una zona dove sia esposto alla luce diretta del sole. Può anche stare in penombra, ma è importante che nella zona dove c'è molta luce, altrimenti i suoi steli sarebbero troppo lunghi, il che indebolirebbe la pianta.


Substrato


Essendo molto sensibile alla putrefazione, il substrato che scegliamo deve facilitare il drenaggio dell'acqua. Per questo motivo, consiglio di usare semplicemente l'akadama o, meglio ancora, la pomice. In questo modo, le radici saranno sempre ben aerate, quindi in inverno avranno meno difficoltà a rimanere in vita.


Irrigazione


L'irrigazione dovrebbe essere moderata. La frequenza varia a seconda del luogo in cui l'abbiamo e del clima, ma in generale innaffiamo ogni 3-4 giorni in estate e ogni 5-7 giorni il resto dell'anno. Durante l'inverno distanzieremo ancora di più le annaffiature, in modo da annaffiare una volta al mese.


Se abbiamo messo un sottovaso, dobbiamo rimuovere l'acqua in eccesso 15 minuti dopo l'innaffiatura.


Fertilizzazione di


Durante la primavera e l'estate dobbiamo concimarla con fertilizzanti minerali, come il Nitrofoska, aggiungendone un piccolo cucchiaio ogni 15 giorni, o con quelli già preparati per cactus e altre piante grasse che possiamo trovare in vendita nei vivai e nei negozi di giardinaggio. Se optiamo per quest'ultimo, è consigliabile seguire le indicazioni specificate sulla confezione del prodotto.


Trapianto di


Dobbiamo cambiare il vaso appena lo compriamo -in primavera o in estate- e di nuovo ogni 2-3 anni. Poiché il suo tasso di crescita è lento, non è necessario rinvasarla molto spesso. Se non sapete come fare, qui ve lo spieghiamo:



  1. La prima cosa da fare è preparare quello che sarà il suo nuovo vaso. L'Adenium è una pianta il cui apparato radicale è piuttosto piccolo, quindi è consigliabile utilizzare contenitori più larghi che alti.

  2. Una volta che l'hai preso, riempilo un po' meno della metà con il substrato che hai scelto.

  3. Ora rimuovi attentamente la pianta dal suo ‘vecchio' vaso e mettila in quello nuovo.

  4. Poi controlla come appare. La base del tronco dovrebbe essere leggermente al di sotto del bordo del vaso, quanto basta per non far sporgere l'acqua. Se è troppo alto o troppo basso, rimuovere o aggiungere il substrato.

  5. Infine, finite di riempire la pentola e annaffiatela il giorno dopo.

Moltiplicazione


Semi

Semi di rosa del desertoSemi di Adenium obesum

Se volete ottenere nuovi Adenium dai semi, dovreste acquistarli in primavera o in estate. Appena li avete, dovreste seminarli perché hanno un breve periodo di vitalità. Come? Ecco come:



  1. La prima cosa da fare è preparare il letto di semina, che può essere un vassoio di porexpan a cui abbiamo fatto alcuni fori per il drenaggio, o vasi.

  2. Poi, lo riempiremo di vermiculite, che è un substrato altamente raccomandato per i semenzai per mantenere il giusto grado di umidità.

  3. Ora, metteremo i semi in modo che siano distanti circa 2-3 cm l'uno dall'altro.

  4. Poi, li copriremo con un po' più di vermiculite e con l'aiuto di uno spruzzatore inumidiremo bene il substrato.

  5. Infine, metteteli fuori in pieno sole e annaffiateli in modo che la vermiculite non si secchi.

Germineranno in 10-15 giorni a una temperatura di 20-25ºC.


Talee


Durante l'estate si può anche propagare la Rosa del deserto per talea di stelo. Questo è molto facile da fare, così facile che basta seguire questi passi:



  1. Selezionare uno stelo che sembra forte e sano.

  2. Poi, con una piccola sega a mano precedentemente disinfettata con alcool, tagliarla.

  3. Poi, metteremo la pasta curativa sulla ferita della pianta da cui abbiamo rimosso il gambo.

  4. Ora, dobbiamo lasciare asciugare la ferita del taglio per 10 giorni mettendola in una zona protetta dal sole e ventilata. Se ha delle foglie, le rimuoveremo.

  5. Dopo questo tempo, piantalo in un vaso con un substrato sabbioso e tienilo leggermente umido.

Per avere più probabilità di successo possiamo impregnare la base della talea con ormoni di radicazione in polvere.


Parassiti


Anche se è una pianta che resiste bene ai parassiti, ce n'è uno con cui avrà bisogno di un piccolo aiuto: gli afidi. Si tratta di minuscoli insetti verdi o marroni, lunghi appena 0,5 cm, che si attaccano ai boccioli dei fiori per nutrirsi della linfa che vi circola. Per evitarli o combatterli, la pianta dovrebbe essere trattata con olio di Neem o, se il parassita è diffuso, con Chlorpyrifos.


Resistenza


Non tollera il freddo e il gelo. Idealmente, dovrebbe essere tenuto in una zona dove la temperatura minima è mantenuta sopra i 10ºC. Nel caso in cui si viva in una zona più fredda, dovremo proteggerlo mettendolo in una serra se ci sono gelate leggere (fino a -2ºC) o metterlo in casa in una stanza dove ci sia molta luce naturale e nessuna corrente d'aria.


Rosa del deserto come bonsai


Bonsai di Adenium obesum


L'Adenium obesum ha un tasso di crescita così lento che spesso viene coltivato come bonsai, cosa che ai vecchi maestri bonsaisti non piacerebbe molto, perché per loro un bonsai è un albero o un arbusto legnoso che ha piccole foglie e un tronco legnoso. Il tronco dell'Adenium è succulento, cioè funge da riserva d'acqua. Se non piove per troppo tempo, la pianta può mantenersi in vita grazie a queste riserve, cosa che le piante che vivono in climi temperati non hanno bisogno di fare.


Tuttavia, la Rosa del deserto come bonsai è una pianta molto interessante. Il suo sistema radicale è piuttosto piccolo, quindi può essere coltivato in un vassoio per bonsai senza problemi. Basta tenere a mente questi consigli:



  • Posizione: semi-ombra con molta luce.

  • Substrato: 50% akadama + 50% pomice.

  • Irrigazione: ogni 3-4 giorni in estate e ogni 10-15 giorni il resto dell'anno. In inverno, annaffiare ogni 20-25 giorni.

  • Concimazione: durante la primavera e l'estate con fertilizzante minerale per cactus e altre piante grasse.

  • Potatura: in primavera, prima che riprenda la crescita. I rami che sono cresciuti troppo devono essere tagliati.

  • Stile: formale eretto.

  • Rinvaso: ogni 2-3 anni.

Quanto costa?


Adenium obesum a fiore bianco


La Rosa del deserto è una pianta che può essere acquistata in vivai, negozi di giardinaggio e negozi online. Il suo prezzo varia a seconda della sua altezza e dello spessore del suo tronco. Può costare 10 euro se è alto 20 cm e ha un tronco di 2-3 cm, o 20 euro o più se è alto 30 cm e ha uno spessore del tronco di 6-7 cm.


I semi sono molto più economici, costano 1 o 2 euro dieci-venti unità.

Adenium obesum subsp. boehmianum

Adenium obesum subsp. boehmianum


E con questo finiamo. Speriamo che questo speciale sulla bella Rosa del Deserto sia stato di vostro interesse. Se hai qualche dubbio, chiedi pure 🙂 .

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *