passiflora caerulea 1

Scheda completa della Passiflora: proprietà, cura e altro

Passiflora amethystina

P. ametista


Passiflora è un genere botanico di liane che crescono nelle regioni calde di Asia, Australia e Oceania. Probabilmente li conoscerete meglio con il loro nome popolare, Fiore della Passione, che si riferisce alla Passione di Cristo perché i primi missionari vedevano nei loro fiori gli strumenti che venivano usati durante la Passione.


Sono molto popolari nei giardini, e non c'è da meravigliarsi: i loro fiori sono molto colorati, quindi abbelliscono qualsiasi angolo. Addentriamoci nell'affascinante mondo della Passiflora per conoscerla meglio.

Caratteristiche di Passiflora

Passiflora ligularis

P. ligularis


Queste piante sempreverdi possono crescere fino a 6-7 metri, purché si trovino vicino a una superficie verticale dove possono arrampicarsi, perché anche se hanno i viticci, se non trovano nulla su cui crescere, cresceranno a livello del suolo, come se fossero una pianta strisciante.


Le sue foglie sono solitamente trilobate, cioè composte da tre lobi, ma ci sono specie che le hanno intere. I fiori, che spuntano in estate, sono molto vistosi, con colori che vanno dal bianco al rosso al viola. Se tutto va bene e vengono impollinati, i semi inizieranno a maturare. Una volta terminato il processo di maturazione, saranno di colore scuro, nerastro o marroncino, e misureranno circa 7 mm.


Le specie più popolari sono:



  • Passiflora caerulea: originaria del Brasile e del Perù. È conosciuta con il nome di passiflora blu a causa del colore dei suoi fiori. È la più resistente al freddo, sopportando fino a -10ºC se è riparata.

  • Passiflora edulis: originaria del Brasile. È conosciuta con il nome di frutto della passione o granadilla, e produce frutti commestibili. Può resistere fino a 5ºC.

  • Passiflora quadrangularis: è originaria del Brasile, e purtroppo non tollera nemmeno il gelo. Cresce in pieno sole, con temperature tra i 17 e i 30ºC. Produce frutti commestibili.

Come prendersene cura?

Passiflora alata

P. alata


Passiflora, anche se la maggior parte di loro sono molto sensibili al freddo, se vivono nel clima giusto non sono piante esigenti, e anche P. caerulea è una specie che può essere tenuta in climi temperati senza problemi. Se volete averne uno, seguite i nostri consigli:


Posizione


Preferibilmente dovrebbero essere collocati all'aperto, in semi-ombra. Ma se c'è il gelo nella vostra zona, potete averli dentro casa, in una stanza con molta luce naturale.


Irrigazione


Durante i mesi primaverili ed estivi devono essere annaffiati frequentemente, fino a 3 volte alla settimana, mentre in autunno e in inverno sarà sufficiente un'annaffiatura settimanale. È importante evitare i ristagni d'acqua, perché le radici potrebbero marcire. In caso di dubbio, è sempre meglio controllare l'umidità del substrato. Per farlo, potete fare quanto segue:



  • Inserire un bastoncino di legno sottile fino in fondo. Se esce con molta terra appiccicata, è perché è umido e quindi non è necessario annaffiarlo.

  • Se le piante sono giovani, potete prendere i vasi una volta che sono stati annaffiati e di nuovo dopo qualche giorno. Noterete che, man mano che il terreno si asciuga, pesa molto meno. Questo vi darà un'idea di quanto potrebbe pesare e di quando avete bisogno di annaffiare.

  • Usare un misuratore di umidità del suolo. È molto facile da usare, poiché tutto quello che dovete fare è inserirlo e vi dirà immediatamente se il terreno è asciutto o bagnato. Tuttavia, perché sia veramente utile, vi consiglio di inserirlo di nuovo in altri punti della pentola.

Fertilizzazione di


Durante la primavera e l'estate si può concimare con fertilizzanti liquidi minerali o organici, seguendo le istruzioni sulla confezione.


Potatura


Dopo la fioritura si possono tagliare fino a 3 boccioli dagli steli in fiore.


Problemi di Passiflora

Passiflora miniata

P. miniata


Anche se sono piante molto resistenti, hanno anche i loro nemici, che sono cocciniglie, afidi e acari. Tutti e tre possono essere prevenuti o trattati con olio di Neem o, se il parassita è diffuso, con Dimetoato 40%.


Ma possono anche avere foglie gialle come risultato di un'eccessiva irrigazione o della mancanza di nutrienti. Nel primo caso, le annaffiature devono essere distanziate, e nel secondo caso, una volta che sono concimate possono continuare a crescere normalmente, anche se le foglie gialle non diventeranno di nuovo verdi, quindi si possono rimuovere.


Come si riproducono?

Passiflora caerulea

P. caerulea


Si possono avere nuovi esemplari in due modi diversi: facendo delle talee o seminando i loro semi in primavera. Vediamo come procedere in ogni caso:


Semina


Una volta acquisiti i semi, si consiglia vivamente di metterli in un bicchiere d'acqua per 24 ore per idratarli e permettere loro di germinare meglio. Non è un passo essenziale né tanto meno obbligatorio, ma se lo facciamo la percentuale germinativa sarà maggiore.


Il giorno dopo saranno seminati in vasi o vaschette per piantine mettendo un massimo di due semi in ogni contenitore o alveolo che avremo precedentemente riempito con un substrato di cultura universale.


Per finire, resterà solo da innaffiare ora e ogni 2-3 giorni. In questo modo, i semi inizieranno a germinare dopo 2-4 settimane.


Talee


Il modo più veloce per ottenere nuove Passiflora è fare delle talee con tre foglie, tagliarle con un paio di forbici e piantarle in sabbia mista a torba. Poiché l'umidità è importante, potete coprire i vasi con della plastica. In questo modo non impiegheranno più di 2-3 settimane per radicare.


Usi della Passiflora

Passiflora quadrangularis

P. quadrangularis


Queste piante sono usate soprattutto per il loro incredibile valore ornamentale. I loro fiori fanno sembrare la stanza con più vita, più bella. Ma, naturalmente, alcune specie sono utilizzate anche per i loro deliziosi frutti, come quelli delP. edulis.


E a proposito, sapevate che ce n'è uno che è medicinale? Si tratta di Passiflora incarnata, che serve come ansiolitico, sedativo, antispasmodico e sonnifero. È, quindi, il miglior alleato contro lo stress, i nervi e l'ansia, poiché non crea dipendenza. Naturalmente, tutti gli eccessi sono molto dannosi, quindi per evitare problemi, si deve sapere che si può fare un infuso con 1 a 3 grammi di foglie secche e prendere tre tazze al giorno.


Se si beve più della quantità raccomandata, possono comparire i seguenti sintomi: vertigini, confusione e/o coordinazione irregolare. Se sei una donna, non puoi prenderlo se sei incinta o sospetti di esserlo, né durante l'allattamento. Inoltre, nondovresti prenderlo se devi guidare.


Alla faccia dello speciale Passiflora, cosa ne pensate 🙂 🙂 🙂

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *