Dipladenia: malattie

Dipladenia può avere malattie


La Dipladenia è una pianta ampiamente coltivata, sia all'interno che nei cortili e nei giardini. Può crescere velocemente, ma ciò che ci attrae di più sono i suoi bellissimi fiori a forma di campana. Per questo, quando vediamo che ha una malattia, ci preoccupiamo.


Tuttavia, dovete sapere che, in generale, è molto più resistente di altri scalatori. Anche così, è importante sapere quali sono le malattie della dipladenia e come trattarle.



Perché si ammala?


Dipladenia a volte può farvi ammalare


La prima cosa da chiarire è che la dipladenia non è una pianta vulnerabile alle malattie, ma quando le condizioni di coltivazione o le cure prestate non sono adeguate, allora microrganismi come funghi, batteri e virus possono danneggiarla.

Articolo correlato:Dipladenia: cura in casa e all'aperto

Perciò, è necessario innanzitutto sapere cos'è che favorisce l'infezione

per evitarla il più possibile:

  • Irrigazione eccessiva: quando innaffiamo troppo spesso, senza permettere al terreno di asciugarsi un po', le radici rimangono senza aria, poiché le molecole di ossigeno semplicemente scompaiono man mano che si aggiunge sempre più acqua.

  • Mancanza d'irrigazione: anche se è difficile che un fungo, un batterio e/o un virus la infettino quando ha sete, ci sono alcuni parassiti, come le mosche bianche o le cocciniglie, che sono attratti dalle piante deboli e che possono stimolare la comparsa del fungo della muffa nera. Questo fungo copre le foglie con un rivestimento nerastro, impedendo loro di respirare.

  • Eccessiva umidità (in casa): non stiamo parlando di un'eccessiva irrigazione, ma piuttosto di un'umidità molto alta e di temperature miti in casa durante l'inverno. Queste condizioni sono ideali per funghi come la botrite.

  • Piantare in un terreno pesante e compattato: un terreno che non drena bene l'acqua causa solo problemi per una grande varietà di piante, come la dipladenia, poiché le radici non solo non possono crescere bene, ma rimangono anche bagnate a lungo, con il conseguente rischio di marciume.

  • Cattiva pratica: piantare la dipladenia in un vaso senza fori, o mettere un sottovaso sotto il contenitore senza drenarlo dopo ogni innaffiatura, non va bene. L'acqua rimane stagnante e le radici muoiono. Inoltre, se usiamo un terreno di coltura "vecchio", cioè che è stato usato per coltivare altre piante, corriamo il rischio che la dipladenia si ammali, perché ci possono essere spore di funghi, batteri e/o virus.

Quali sono le malattie che può avere?


Ora che sappiamo quali sono le cause, diamo un'occhiata alle malattie che possono colpirlo:


Funghi del suolo

I funghi del suolo causano danni

Immagine - Wikimedia/Mary Ann Hansen


I funghi patogeni e gli oomiceti, come la phytophthora o Pythium, la Rhizoctonia o lo Sclerotium, sono microrganismi che attaccano le radici. Sono favorite da suoli sempre umidi (non acquosi ma quasi) e da temperature miti di 15°C o più. Pertanto, i sintomi non saranno visibili a occhio nudo poiché le radici sono all'interno del vaso e crescono nel terreno, ma possiamo intuire, o almeno sospettare, che qualcosa non va nella nostra dipladenia se vediamo quanto segue:



  • Il terreno non solo è molto umido, ma sta iniziando a crescere della muffa bianca.

  • Il fusto o il tronco comincia ad avere un brutto aspetto: può apparire marrone, nerastro, ammuffito e può anche essersi "assottigliato".

  • Le foglie cominciano ad avere un brutto aspetto, con macchie marroni.

Cosa fare? In questi casi, bisogna interrompere le annaffiature, cambiare il substrato se è in vaso, e applicare un fungicida contenente rame (come questo, che bisogna diluire in 15 litri d'acqua) il prima possibile.


Fungo delle foglie e dei fiori


Ci sono altri funghi che colpiscono maggiormente la parte aerea delle piante, cioè le foglie, i fiori e i frutti. Ad essere onesti, non ho visto nessuna dipladenia infettata da loro, ma questo non significa che non possa essere infettata. Se, per esempio, la spruzziamo con acqua ogni giorno senza sapere che l'umidità è molto alta e che non ha bisogno di essere spruzzata, favoriamo la comparsa di questi microrganismi, come botrite, ruggine, muffa e/o oidio.


I sintomi sono facili da vedere perché appaiono su foglie, fiori e/o steli. Sono i seguenti:



  • Muffa bianca o grigiastra su alcune di queste parti.

  • Foglie con macchie marroni

  • Comparsa di macchie rotonde rosse o arancioni sulle foglie (ruggine).

Cosa fare? In questi casi, la cosa più consigliabile da fare è potare le parti colpite con forbici precedentemente disinfettate, e applicare un fungicida polivalente come questo, che è pronto all'uso.


Batteri


È estremamente raro che una dipladenia si ammali di batteri, ma non è impossibile. Infatti, uno studio ha scoperto che la specie che causa la tubercolosi dell'oleandro in Nerium oleander, Pseudomonas savastoni, si è evoluta in un nuovo ceppo, Pseudomonas savastoni pv. mandevillae pv. nov. e causa questi sintomi:



  • Macchie necrotiche su foglie e steli.

  • Foglie grumose

Cosa fare? L'unica cosa da fare è rimuovere le parti interessate. Il miglior trattamento è la prevenzione, e questo si ottiene comprando piante sane e assicurandosi che non manchi nulla.


Virus


Dipladenia è un rampicante facile da coltivare


I virus sono come i batteri: solo un virus è noto per colpire la dipladenia. È conosciuto come Dipladenia mosaic virus (DipMV), che si traduce in inglese come Dipladenia mosaic virus. Può essere trasmesso da un parassita, o può entrare attraverso un micro taglio causato, per esempio, dalla potatura con strumenti contaminati.


I sintomi sono, come suggerisce il nome, la comparsa di mosaici verdi, bianchi o addirittura giallastri sulle foglie. Purtroppo, non c'è alcun trattamento, basta rimuovere le parti colpite, prendersi cura della pianta e aspettare.


Come potete vedere, la dipladenia può soffrire di varie malattie. Fortunatamente, mantenendolo ben idratato e fertilizzato, il rischio di indebolirsi e diventare vulnerabile alle infezioni può essere notevolmente ridotto.

Deja una respuesta

Subir