Cura del Platycodon

Platycodon in fiore


Il Platycodon, noto anche come campanula cinese, è una pianta della famiglia delle Campanulaceae, ideale per le piante in vaso per abbellire il patio, il terrazzo o il balcone. Può anche essere piantato in giardino, insieme ad altri fiori per creare spettacolari tappeti di colore.


È una delle piante con la stagione di fioritura più lunga: dalla tarda primavera a metà agosto, quindi se volete godere della gioia che trasmette, ecco tutto quello che dovete sapere per avere un Platycodon sano.

Origine e caratteristiche di Platycodon


Platycodon è un genere di piante perenni originarie dell'Asia, in particolare Cina, Siberia orientale, Corea e Giappone. C'è solo una specie conosciuta, Platycodon grandiflorus, ma come vedremo in seguito, da essa sono state sviluppate diverse cultivar.


Può raggiungere un'altezza di circa 40 centimetri, e le sue foglie sono verde scuro, essendo più chiare sul lato inferiore. Ha i bordi seghettati, e il nervo principale si distingue bene per essere di un verde molto chiaro, quasi giallastro. Fiorisce dalla primavera all'estate, producendo fiori a forma di stella fino a dieci centimetri di larghezza. Questi sono composti da cinque petali e sono blu, viola, bianchi o rosa pallido.


Durante l'inverno la cosa normale è che la sua parte aerea è rovinata perché è quando entra in riposo, ma le radici rimarranno intatte, potendo la pianta germogliare quando le temperature migliorano.


Come curiosità, devi sapere che è il simbolo di Ichinomiya e Isehara, due città del Giappone.


Cultivar di Platycodon grandiflorus


Platycodon è un'erba perenne.


Ci sono almeno 10 cultivar conosciute di Platycodon:



  • Apoyama: sviluppa steli dritti e fiori blu. In Giappone è molto usato per preparare il sake, una bevanda alcolica tipica del paese. Inoltre, le sue radici vengono consumate in insalate e zuppe.

  • Apoyama Misato Purple: è simile alla precedente, ma i suoi fiori sono di un colore bluastro più intenso.

  • Double Blue: è una varietà di steli dritti e alti, tanto che possono raggiungere gli 80 centimetri di altezza. Ha fiori blu con una doppia corona di petali.

  • Fairy Snow: è una piccola pianta alta circa 40 centimetri che produce magnifici fiori bianchi.

  • Fuji Blue: questa è la varietà più comune. I suoi fiori sono blu, ed è il più resistente ai parassiti.

  • Hakone Double Blue: è una pianta alta circa 20-30 centimetri, di forma più o meno compatta, che produce fiori blu con una doppia corona di petali.

  • Hakone Double White: è lo stesso del precedente, ma con fiori bianchi.

  • Komachi: la cultivar Komachi è la più curiosa, poiché i suoi fiori blu non si aprono mai.

  • Madreperla: raggiunge un'altezza di 25-30 centimetri e i suoi fiori sono rosa.

  • Sentimental Blue: è anche una piccola varietà con fiori blu. Raggiunge un'altezza massima di 20 centimetri.

Guida alla cura del Platycodon


La nostra protagonista è una pianta la cui coltivazione e manutenzione è molto semplice, quindi, sia che abbiate già esperienza nella cura del verde o meno, con Platycodon vi divertirete molto. Ecco come prendersene cura:


Posizione


Idealmente, mettete il vostro Platycodon all'aperto, in una zona dove riceve la luce diretta del sole. Se non ne avete uno, non preoccupatevi, perché può essere anche in penombra (anche se deve avere più luce che ombra).


Tuttavia, potete anche tenerlo all'interno se avete una stanza con finestre che lasciano entrare molta luce dall'esterno. Se lo fate, mettetelo il più lontano possibile dal ventilatore, dal condizionatore d'aria e anche dai passaggi. In questo modo, le correnti d'aria non lo raggiungeranno e, quindi, non lo danneggeranno.


Irrigazione


Dovrebbe essere annaffiata frequentemente in estate, e un po' più parsimoniosamente il resto dell'anno. Si consiglia di lasciare che il substrato si asciughi un po' prima di annaffiare di nuovo, quindi di solito sarà annaffiato circa 3 volte a settimana durante i mesi più caldi e secchi, e meno il resto dell'anno.


Se lo avete in un vaso con un sottovaso, svuotate quest'ultimo perché se le radici sono sempre in contatto con l'acqua, marciranno.


Terreno o substrato


Il platycodon è una pianta che fiorisce in primavera.



  • Vaso: deve avere un buon drenaggio. Mescolare la torba con il 20% di perlite se è troppo compatta.

  • Giardino: se il terreno del giardino è leggero e non tende a impregnarsi d'acqua, sarà perfetto. In caso contrario, è meglio fare un buco di circa 40 x 40 cm e riempirlo con la miscela di substrati di cui sopra.

Fertilizzazione di


È molto importante concimare in primavera e in estate con fertilizzanti organici liquidi, come il guano, seguendo le istruzioni sulla confezione.


Se è piantato nel terreno, si può aggiungere humus di vermi o letame una volta al mese (purché non sia fresco).


Potatura


Lefoglie secche e i fiori appassiti devono essere rimossi per evitare la proliferazione di parassiti. Niente di più. Si può fare con le forbici domestiche, cioè non è necessario che siano forbici da potatura. Tuttavia, prima di usarli, lavateli con acqua e sapone per ridurre al minimo il rischio di infezione.


Moltiplicazione


Platycodon si moltiplica per seme in primavera. Si seminano direttamente nei vasi e in 2-3 settimane i primi semi inizieranno a germogliare. Usa il terriccio (in vendita qui), e mettilo in semi-ombra. Vedrete che in meno tempo di quanto vi aspettate avrete nuovi esemplari.


Resistenza


Resiste a temperature fino a -15 gradi Celsius.


Usi di Platycodon


Il Platycodon è un'erba da fiore a forma di campana.


Questa è una pianta molto popolare perché è facile da coltivare, ma anche per le sue proprietà medicinali. Infatti, è usato per alleviare i sintomi del raffreddore e come antinfiammatorio; inoltre, le sue radici sono un ingrediente molto interessante per fare deliziose insalate.


Quindi, se state cercando una bella pianta che può essere utile in cucina, Platycodon è sicuramente per voi.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *