Cura del Alyssum, fiori ideali per piccoli giardini

I fiori dell'Alyssum sono molto decorativi.


Le piante del genere Alyssum sono molto interessanti per i giardini, soprattutto quando si vede che sono rimasti pochi spazi vuoti; anche se possono essere coltivate anche in vaso. Sono di piccole dimensioni, e il loro… sono meravigliosi! 😉


Conoscere le loro caratteristiche e la loro cura sarà molto utile per sapere dove mettere i vostri esemplari. Quindi ecco il loro file completo.


Indice


Origine e caratteristiche


L'Alyssum è una magnifica pianta da giardino.


Alyssum è un genere di circa 170 specie di piante annuali o annuali, erbacee o raramente arbusti bassi, che crescono tra 10 e 100 cm. Sono originari dell'Europa, dell'Asia e dell'Africa del Nord e si trovano principalmente nella regione mediterranea. Le foglie sono oblunghe ovoidali, e si producono gialle, bianche, rosa o viola.


Specie


Le specie principali sono:



  • Alyssum serpyllifolium: è endemico di Algeria, Marocco, Francia, Portogallo e Spagna. È un'erba perenne, legnosa, che produce gialli. La sua altezza massima è di 30-35 cm.

  • Alyssum granatense: è una pianta conosciuta come spighetta dorata, originaria del centro e del sud della penisola iberica. Cresce tra i 5 e i 12 cm di altezza e produce un colore giallo chiaro.

Alyssum maritimum è il vecchio nome scientifico di Lobularia maritima, noto anche come alisso marino o alisso dolce. È una pianta annuale o perenne a seconda del clima, che cresce fino a 30 centimetri di altezza e produce bianco o viola. È originaria della regione mediterranea e della Macaronesia, ed è usata come pianta medicinale perché è diuretica e aiuta a eliminare i calcoli renali.


Come si cura?


Se volete avere un esemplare di ontano, vi raccomandiamo le seguenti cure:


Posizione


Deve essere collocato all'aperto, in pieno sole.


Suolo


Alyssum montanum è un'erba con fiori gialli.



  • Vaso: essendo molto adattabile, si può usare senza problemi un terreno di coltura universale. Ma se vuoi mescolare 50% compost + 30% perlite + 20% humus di lombrico.

  • Giardino: cresce in tutti i tipi di terreno, purché sia da neutro ad argilloso e abbia un buon drenaggio.

Irrigazione


L'irrigazione è uno dei compiti più difficili da padroneggiare. Quando si dice che è molto più facile perdere una pianta se la si annaffia troppo, quello che succede di solito è che si annaffia… ma non abbastanza. E anche questo non va bene. Quindi, per far crescere bene il vostro Alyssum, dovete sapere quando annaffiarlo.


Durante l'estate, essendo di solito una stagione molto calda e secca in molti luoghi, dovrete innaffiare molto spesso, ma il resto dell'anno non tanto. Per essere sicuri, è meglio controllare l'umidità del terreno, per esempio con un misuratore di umidità digitale, o inserendo un sottile bastoncino di legno (se esce praticamente pulito, annaffiare, altrimenti non annaffiare).


Fertilizzazione di

Guano liquido, un fertilizzante perfetto per il tuo Alyssum

Guano liquido


Se è piantato in giardino, non è necessario concimarlo; d'altra parte, se lo avete in un vaso, vi consiglio di concimarlo una volta al mese con fertilizzanti organici, come il guano (liquido) che potete ottenere qui. Non dimenticate di seguire le istruzioni sulla confezione perché, anche se è naturale, c'è un rischio di sovradosaggio in quanto è molto concentrato.


Moltiplicazione


Alysssum si moltiplica per semi in primavera e le specie arbustive anche per talea dopo la fioritura. Vediamo come procedere in ogni caso:


Semi



  1. La prima cosa da fare è riempire un semenzaio (come questo qui) con un terreno di coltura universale.

  2. Poi si seminano i semi, mettendone al massimo due in ogni alveolo.

  3. Vengono poi coperti con un sottile strato di compost.

  4. Infine, vengono annaffiati e messi fuori in pieno sole.

Germineranno in 2 o 3 settimane.


Talee


Quando sono appassiti, tagliate un pezzo lungo circa 30 centimetri, impregnate la base con ormoni radicanti o radicanti fatti in casa, e poi piantatelo in un vaso con vermiculite che sia stato precedentemente annaffiato.


Se tutto va bene, manderà le proprie radici dopo un mese.


Parassiti e malattie


È una pianta molto resistente ai soliti parassiti e malattie, ma se le condizioni di crescita non sono adatte può essere colpita da cocciniglie, afidi e, se viene annaffiata eccessivamente, da funghi. I primi due si combattono con il sapone di potassio (in vendita qui) o la terra diatomacea (prendila qui), e l'ultimo con rame o zolfo in primavera e autunno.


Potatura


Non ha bisogno di potature. Forse basta tagliare le foglie appassite e secche con delle forbici – per esempio forbici da cucito, o forbici per bambini – precedentemente disinfettate con alcool o qualche goccia di detersivo per piatti e acqua.


Rusticità


I fiori dell'Alyssum sono molto decorativi.


Dipende dalla specie, ma in linea di principio possono sopportare gelate leggere fino a -7ºC.


Cosa ne pensi dell'Alyssum, hai mai sentito parlare di questa pianta? Se decidi di averne uno, goditelo! 😉

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *