Come avere un orto urbano sul terrazzo: consigli e trucchi

consigli per imparare ad avere un orto urbano sul tuo terrazzo


Se avete una terrazza abbastanza grande da poter allestire un orto urbano, potreste pensarci. Ci sono molte persone che non sanno come avere un orto urbano sul terrazzo e pensano che sia troppo complicato. Tuttavia, se si conoscono bene le linee guida, è abbastanza semplice.


In questo articolo vi mostreremo passo dopo passo come avere un orto urbano sul terrazzo e quali sono i vantaggi che potete avere con esso.



Come avere un orto urbano sul terrazzo


vasi per il giardino urbano


Prima di tutto, ci sono alcuni aspetti principali da prendere in considerazione. Dovete scegliere che tipo di consumo fare. Si possono avere verdure di radice, verdure a foglia, ecc. A seconda del tipo di consumo, si dovrà avere uno spazio e un substrato diverso. Inoltre, l’orientamento è importante affinché l’illuminazione sia ottimale. È essenziale che il nostro orto urbano abbia una presa d’acqua per poter collegare l’irrigazione.


Un altro aspetto importante da prendere in considerazione è il prezzo. Cioè, quanto denaro siamo disposti a investire nel nostro giardino di casa. Se vogliamo imparare a fare un orto urbano sul terrazzo, dobbiamo sapere che non è necessario che sia grande, ma che abbia una certa quantità di luce durante il giorno. L’orientamento migliore di una terrazza per un orto urbano è verso sud o sud-ovest. Se lo spazio è situato a nord, non significa che non possa essere coltivato, ma significa che certe colture non potranno svilupparsi in modo ottimale. Per esempio, i pomodori o i peperoni non sono molto favoriti in un orientamento nordico. Tuttavia, colture a foglia come lattughe, rucola, erbe aromatiche come prezzemolo, basilico o coriandolo possono essere coltivate se l’orientamento è a nord.


Si può mettere il telo di plastica che simula una serra per avere una resa più piena tutto l’anno. Una volta che avrete capito come prendersi cura di ogni coltura, vi renderete conto che è molto più semplice di quanto sembri. Soprattutto, questo tipo di sistema aiuta in autunno e in inverno a permettere alle verdure di svilupparsi in un modo che di solito non è facile in queste stagioni. È semplicemente una questione di tentativi ed errori fino a quando si possono controllare accuratamente le condizioni sulla terrazza.


Quali contenitori usare


scatole e vasi


Una delle domande più frequenti quando si impara a fare un orto urbano sul terrazzo è quali contenitori usare. I contenitori sono un investimento da prendere in considerazione perché possono aumentare o meno i costi dell’orto urbano domestico. Ci sono molti tipi diversi di contenitori: tavoli da coltivazione, vasi, fioriere, giardini verticali, ecc. I professionisti non raccomandano di ottenere materiali troppo costosi in modo da poter provare ad espandersi man mano che si prende la mano che si coltivano le proprie colture.


I tavoli da coltivazione sono i più pratici. Poiché non sono in contatto con il terreno, possono essere aerati abbastanza facilmente e il substrato non si surriscalda. Se non avete una grande terrazza e siete appena agli inizi dell’orticoltura, è meglio iniziare con i vasi. Si può misurare lo spazio di un terrazzo per poter progettare alcuni vasi e fioriere. Bisogna tenere presente che i giardini verticali sono perfetti per le terrazze più piccole, perché occupano meno spazio. Ci sono colture che hanno bisogno del loro spazio, come pomodori, melanzane, peperoni, fagioli e piselli, quindi avrete bisogno di vasi con un volume minimo di 16 litri perché hanno radici più profonde.


Nel caso delle lattughe, hanno radici più piccole e meno profonde, quindi si possono usare vasi da 2 litri. Un’idea è quella di piantare circa 8 lattughe e spinaci insieme in un vaso di 35 centimetri di diametro e circa 20 centimetri di profondità. Nel caso di carote, ravanelli, barbabietole e cipolle, sono necessari contenitori da 0,5 L per pianta. Si possono mescolare ravanelli con barbabietole e carote nello stesso contenitore da 12 L senza problemi.


Substrato e semi


Altri due aspetti importanti quando si impara ad avere un orto urbano e una terrazza sono il tipo di substrato e i semi da usare. Il terreno da usare nel giardino di casa è un terreno speciale per la coltivazione. Il mix più raccomandato è 40% di humus di lombrico e 60% di fibra di cocco. Nei livelli più avanzati di orticoltura possiamo usare un altro tipo di terreno che avrà più o meno sostanze nutritive a seconda di ciò che verrà piantato. Si tratterà di imparare quali sono i bisogni delle piante che stiamo coltivando.


Per quanto riguarda i semi, per i principianti è meglio comprare le piante in una piantina in qualsiasi vivaio. Tutto quello che dovete fare è trapiantarli nei vostri contenitori. Più tardi, quando avrete sperimentato qual è il vostro primo raccolto, potrete creare il vostro semenzaio ed entrare in tutto questo molto di più.


Come avere un orto urbano sul terrazzo e quali piante dovrei avere


come avere un orto urbano sul terrazzo


Dovete sapere quali sono le principali colture da avere nel vostro orto domestico. In estate ci sono alcune colture stellari come i pomodori. In estate è un classico seminare i pomodori. Il momento migliore per seminarli è in primavera, specialmente in maggio. Si raccolgono nella stagione estiva tra luglio, agosto e settembre. Ci sono decine di varietà di pomodori, ma la più comune è che hanno bisogno di una temperatura tra i 20-35 gradi per la fioritura e lo sviluppo e molta luce. Devono essere collocati nella zona preferita del vostro terrazzo ed entro 4-5 mesi saranno pronti per la raccolta. È una pianta che preferisce annaffiature regolari, non abbondanti ma relativamente distanziate nel tempo.


Un’altra pianta di base è la lattuga. Ci sono molte varietà e può essere coltivato tutto l’anno. La lattuga estiva viene seminata circa 8 settimane prima del consumo. Sono veloci e facili da coltivare, quindi sono molto adatti ai principianti. Per quanto riguarda l’irrigazione, di solito vengono annaffiati due volte alla settimana.


Anche i peperoni e i cetrioli sono meglio trapiantati in primavera, quando la temperatura comincia a salire sopra i 15ºC. Sono piante che richiedono un vaso di circa 15 litri d’acqua. Non hanno bisogno di essere esposti direttamente al sole, né di essere annaffiati continuamente, ma solo una volta alla settimana. Per quanto riguarda le cipolle, possono essere coltivate tutto l’anno. I mesi migliori sono dicembre, gennaio, febbraio e marzo, e la raccolta inizia in aprile.


Un’altra coltura all’aperto sono le piante aromatiche come l’aloe, la lavanda, la camomilla o la menta. Le piante aromatiche sono una buona scelta per il vostro giardino domestico.


Spero che con queste informazioni tu possa imparare di più su come avere un orto urbano sul terrazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *