area del pitano 1

Vella pseudocytisus: caratteristiche, distribuzione e habitat

area pitano


Oggi parleremo di una pianta endemica della penisola iberica che ha un carattere stenocorpo. È il Vella pseudocytisus. Il suo nome comune è pythium ed è una pianta legalmente protetta. Sotto la figura di interesse speciale e in pericolo, è un arbusto molto ramificato che ha un ruolo speciale negli ecosistemi.


Per questo motivo, dedicheremo questo articolo a dirvi tutto quello che dovete sapere sulle caratteristiche, la distribuzione e l'habitat del Vella pseudocytisus.

Caratteristiche principali


pitano in pericolo di estinzione


È un arbusto molto ramificato, inerte e irsuto. Se cresce in buone condizioni, può raggiungere un'altezza di 150 centimetri, anche se di solito non supera il metro. Le sue foglie sono apparentemente carnose ma sono coriacee e spatolate. Presenta una fioritura abbondante con fiori gialli in diverse tonalità. Questi fiori sono pediceladas e hanno disposto in grappoli. I suoi sepali sono pelosi, per quello che hanno una consistenza di peli. I suoi petali sono dotati di una lunga e caratteristica unghia che serve a identificare questa specie abbastanza facilmente. La sua impollinazione è entomofila.


Per quanto riguarda i suoi frutti, hanno un valvar e deiscente. Di solito hanno due loculi. La silicula ha uno o due semi. Questa pianta si trova nelle popolazioni andaluse e ha alcuni valori medi minori come la lunghezza dei petali e la larghezza delle foglie. In altre zone della penisola iberica hanno una dimensione maggiore.


Area di distribuzione della Vella pseudocytisus


vella pseudocytisus pianta arbustiva


Vediamo quali sono l'area di distribuzione e l'habitat delle popolazioni della Vella pseudocytisus. La distribuzione è distribuita in 3 nuclei ridotti. Due di essi si trovano nella zona centrale della penisola iberica e uno al confine delle province di Madrid e Toledo. L'ultimo è stato recentemente nel comune di Yeles, a Toledo. Possiamo anche trovare parte delle popolazioni a Granada e alcune vecchie citazioni nominano alcuni esemplari distribuiti nel nord di Almeria ma non sono ancora stati confermati al momento.


Per quanto riguarda l'habitat, questa pianta ha una predilezione per i terreni formati da gesso e argille gessifere. Raramente può essere visto su calcare privo di gesso. Di solito si trovano ai piedi dei pendii e tra le colline con una pendenza inferiore a 45 gradi. Di solito sono collocati in zone ombreggiate dove il sole splende per un periodo di tempo più breve. Il clima perfetto per lo sviluppo del pítano è continentale. È caratterizzato da precipitazioni molto irregolari, sempre al di sotto dei 450 mm all'anno in media. L'aspirazione termica che permette la Vella pseudocytisus supera i 20 gradi, quindi può adattarsi bene a luoghi con grande oscillazione tra giorno e notte.


Può anche far parte di altre comunità di piante arbustive come ginestre, rosmarini e querceti di kermes. Tutti questi arbusti condividono l'habitat e usano gli insetti per l'impollinazione. Essendo il taxon dominante, è capace di formare popolazioni più stabili e più o meno dense. Condivide l'habitat con altre specie gessifere tipiche della zona. Il fatto che sia in pericolo di estinzione ha a che fare con l'azione dell'uomo negli ecosistemi naturali. Può svilupparsi in terreni erosi e un po' nitrificati. Questo è dovuto al fatto che spesso può colonizzare i pendii delle strade e i bordi delle coltivazioni.


Alcune delle specie con cui Vella pseudocytisus coabita sono le seguenti: Artemisia herbaalba, Asphodelus ramosus, Centaurea hyssopifolia, Frankenia thymifolia, Helianthemum squamatum, Herniaria fruticosa, Iberis saxatilis subsp.cinerea, Lepidium subulatum, Phlomis lychnitis, Retama sphaerocarpa, Stipa tenacissima, Teucrium polium subsp. capitatum, Thymus lacaitae e Thymus zygis e, solo in Andalusia, con i


Biologia di Vella pseudocytisus


vella pseudocytisus


Questo arbusto ha una crescita piuttosto lenta se lo confrontiamo con altre specie. Tuttavia, è una specie pioniera in ambienti disturbati. Anche se i fiori sono ermafroditi, attira una moltitudine di insetti impollinatori tra cui Ditteri, Imenotteri, Lepidotteri e Coleotteri. Il numero di individui che fioriscono ogni anno fluttua ampiamente. Possiamo trovare percentuali che vanno dal 25% al 60% a seconda delle precipitazioni annuali e della fluttuazione della temperatura. Il regime del vento può aiutare gli insetti impollinatori a lavorare meglio o peggio. Tutte queste variabili influenzano il numero di individui che fioriscono ogni anno.


Tuttavia, abbiamo una media del 45% di fioritura manuale e tutti questi fiori producono frutti. La dispersione dei semi è di tipo balistico passivo. Questo sistema non è molto frequente in natura ed è più comune tra le piante ruderali. Nell'habitat di Madrid non c'è evidenza di rigenerazione da semi ma c'è evidenza di riproduzione asessuata per mezzo di stoloni. Questo studio è di vitale importanza per conoscere la rigenerazione delle popolazioni causata dal declino umano. La riproduzione vegetativa non ha potuto essere quantificata ma sembra essere un metodo efficace.


Vale la pena ricordare che alcuni ripopolamenti di successo sono stati effettuati nelle Ventas de el Espartal e el Regajal, Valdemoro e Aranjuez rispettivamente.


Stato di conservazione


Analizziamo lo stato di conservazione attuale di questa specie. Tutte le popolazioni della provincia di Madrid e Toledo occupano meno di 20 chilometri quadrati. In queste zone predominano gli individui adulti, dato che negli anni queste piante non si sono riprodotte demograficamente, dato che c'è un'assenza di piantine. La stabilità delle specie legnose in ambienti aridi e semi-aridi dipende in particolare dall'elevata siccità e dalla grande quantità di evapotraspirazione. Ricordiamo che l'evapotraspirazione è la somma dell'evaporazione dell'acqua causata dalla radiazione solare e la traspirazione delle piante quando aprono gli stomi per la fotosintesi.


Il ringiovanimento delle popolazioni avverrà in alcuni anni di buone piogge e di precipitazioni ben distribuite. I danni più gravi si sono verificati sulle popolazioni esistenti nel sud di Madrid e a causa dello sviluppo delle urbanizzazioni causate dall'uomo.


Spero che con queste informazioni tu possa imparare di più sulla Vella pseudocytisus e le sue caratteristiche.


Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *