Storia, coltivazione e cura del fiore di loto

dettaglio del fiore di loto


Il fiore di loto è una delle piante più belle che ci siano. Si potrebbe dire che sono le orchidee delle paludi, alludendo alla bellezza dei fiori che hanno queste piante che curiamo con tanta attenzione in casa.


È così elegante che è difficile trovare uno stagno dove non cresce. I suoi delicati petali di colori tenui, come il rosa o il bianco, così come il suo dolce profumo fanno del fiore di loto uno dei più coltivati acquatici.

Caratteristiche del fiore di loto


La nostra protagonista è una pianta erbacea acquatica conosciuta con gli altri nomi comuni di loto sacro, loto indiano o rosa del nilo. Appartiene alla specie Nelumbo nucifera, che appartiene alla famiglia botanica delle Nelumbonaceae. È originaria della Russia meridionale, del Vicino Oriente, della Siberia orientale, della Cina, del Giappone, del Pakistan, del Bhutan, del Nepal, dell’India, dello Sri Lanka, della Corea, di Taiwan, della Birmania, della Thailandia, del Vietnam, dell’Indonesia, della Malaysia, delle Filippine, della Nuova Guinea e dell’Australia.


È caratterizzata da foglie fluttuanti, di colore glauco, con un diametro fino a 100 cm, che spuntano da un rizoma che è sepolto. I fiori, senza dubbio la sua principale attrazione, misurano da 16 a 23 cm di diametro, con petali concavi che adottano una forma oblungo-ellittica, e misurano 10 x 3,5 cm. Spuntano in primavera e in estate.


Una volta impollinati, iniziano a maturare i frutti, che sono formati da un ricettacolo ellissoidale di 5-10 cm di diametro.


Varietà di Nelumbo nucifera


Nelumbo_nucifera_flower_rose_flower


Le varietà sono ugualmente o addirittura più sorprendenti della specie tipo (Nelumbo nucifera). I più interessanti sono i seguenti:



  • Nelumbo nucifera Rosa Plena: questa sorprendente pianta produce fiori rosa tenue, con un diametro fino a 30cm e, cosa ancora più sorprendente: sono doppi. Questo significa che ogni fiore ha il doppio dei petali.

  • Nelumbo nucifera Alba Grandifiora: i suoi delicati fiori bianco puro attirano sicuramente tutti gli sguardi 😉 .

  • Nelumbo nucifera Alba Striata: produce grandi fiori bianchi con un bordo carminio. Sono un’interessante larghezza di 15 cm.

  • Nelumbo nucifera Pekinensis Rubra: i fiori prodotti da questa varietà sono rosa carminio.

  • Nelumbo nucifera Komarovii: questi fiori di loto sono di un rosa molto bello e misurano tra i 15 e i 20 cm di diametro.

  • Nelumbo nucifera Mrs. Perry D. Slocum: hanno un colore rosa intenso che potrebbe benissimo passare per un rosa rossastro che rallegrerà la stanza in cui si trova, poiché produce anche fiori doppi.

Di quali cure ha bisogno?


fiore di loto nello stagno


Poter avere un fiore di loto è una meraviglia. Con esso potete decorare il vostro stagno o anche averlo in un secchio in un vaso sul vostro patio o terrazza. Tuttavia, perché abbia un bell’aspetto durante tutto l’anno avrà bisogno di una serie di cure, che sono:


Posizione


Deve essere situato in una zona dove riceve la luce diretta del sole, se possibile tutto il giorno, ma può adattarsi senza problemi se riceve solo 6 ore al giorno.


Substrato


Il substrato deve avere un buon drenaggio, ma allo stesso tempo permettere alle radici di attecchire bene all’interno del vaso, quindi è consigliabile mescolare terra da giardino, terreno di coltura universale e sabbia di fiume in parti uguali.


Potatura


Per evitare la proliferazione di malattie, puoi rimuovere le foglie secche e i fiori appassiti. Questo lo farà sembrare anche molto più bello.


Tempo di piantagione


fiore di loto nello stagno


Se vuoi tenerlo in uno stagno o in un contenitore con acqua, puoi spostarlo nella sua posizione finale in primavera. Se non sapete come farlo, non preoccupatevi. Seguite questo passo per passo:



  1. La prima cosa da fare è riempire d’acqua il contenitore o lo stagno.

  2. Ora riempilo un po’ più della metà con il substrato.

  3. Metteteci dentro una pietra alta e piatta. Questa pietra non deve sporgere, perché la pianta ci andrà sopra e deve essere sommersa abbastanza perché le sue foglie possano galleggiare sull’acqua.

  4. Poi metti il Fiore di Loto nella sua nuova posizione.

  5. Per evitare che si muova, mettete alcune grosse pietre intorno alla pentola. Questo aiuterà le radici a mettere radici.

Moltiplicazione


fiore di loto bianco


Per ottenere nuovi esemplari di Nelumbo nucifera si devono comprare semi in primavera o dividere il rizoma in autunno. Vediamo come procedere in ogni caso:


Semi


Appena li hai a casa, devi scarificarli, cioè strofinarli con carta vetrata fino a che non cambiano colore, e poi immergerli in un bicchiere d’acqua.


Il giorno dopo vedrete come hanno cominciato a gonfiarsi, e nella stessa settimana uscirà la radice, e subito dopo spunteranno le prime foglie. Le piantine appena germinate cresceranno molto velocemente, poiché il seme fornisce loro tutte le sostanze nutritive di cui avranno bisogno per i prossimi 30 giorni.


Anche così, è importante piantarli in un vaso il più presto possibile. Usa un vaso grande, di 20-25 cm di diametro e profondo almeno 60 cm, riempito con un terreno di coltura universale. Poi metti il seme al centro e coprilo con un po’ di terriccio.


Poi mettete il vaso in un contenitore con un po’ d’acqua (solo in modo che il substrato sia permanentemente bagnato), e lasciatelo lì finché non spuntano le foglie, cosa che faranno dopo circa un mese.


Dopo questo tempo, sarà il momento di riposizionare il Fiore di Loto, mettendolo nello stagno 15 centimetri sotto la superficie dell’acqua.


Rizomi


La divisione dei rizomi vi permetterà di avere nuovi esemplari senza spendere soldi o sforzi. Per fare questo, avrete bisogno di:



  • Una piccola zappa (puoi usare una zappa a mano).

  • Un coltello da sega precedentemente disinfettato con alcool da farmacia.

Ce l’hai? Ora passate a dividere il rizoma:



  1. La prima cosa da fare è rimuovere il rizoma dal vaso.

  2. Poi, rimuovere la terra che vi ha aderito.

  3. Poi, con un coltello, tagliate il rizoma in pezzi, facendo in modo che ognuno misuri almeno 5 centimetri.

  4. Poi mettere la pasta curativa su entrambi i lati per evitare che funghi e altri microrganismi li colpiscano.

  5. Infine, piantateli in vasi individuali con terreno di coltura universale mescolato con il 30% di perlite, e metteteli in un contenitore d’acqua fino a quando non avranno prodotto foglie. Quando lo fanno, puoi spostarli nella loro posizione finale.

Suggerimento: per aumentare le possibilità di successo, si possono aggiungere all’acqua degli ormoni radicanti molto speciali: quelli ottenuti dalle lenticchie. Questo articolo spiega come ottenerli.


Parassiti e malattie


fiore di loto nello stagno


La nostra protagonista è una pianta acquatica perenne che è molto resistente ai parassiti e alle malattie. Infatti, l’unico microrganismo che potrebbe avere nascerà quando è ancora un seme, ed è il fungo.


Se il seme non è geneticamente forte, o se non è stato conservato nel posto giusto, i funghi possono attaccarlo, facendogli perdere la sua vitalità. Quindi, per evitarlo, è sempre meglio fare un bagno insetticida prima della semina. In questo modo ci si assicura che questo inquilino fungino non possa fare nulla.


Altri problemi


Ci sono alcuni -pochi- problemi che Lotus Flower può avere, e sono:



  • I semi non germinano: se dopo un giorno vedete che non si gonfiano, è molto probabile che non si siano sviluppati bene e quindi non sono vitali.In questo caso, potete gettarli nel mucchio di compost, o direttamente nel terreno del giardino. Mentre si decompongono, aggiungono nutrienti al terreno.

  • Le foglie ingialliscono e/o diventano marroni velocemente: questo può essere il naturale processo di sviluppo della pianta, ma se questo inizia ad accadere durante l’inverno, significa che sta diventando fredda, per evitare che si raffreddi, bisogna proteggerla coprendo il laghetto con una coperta termica, o se l’inverno è molto rigido, togliere il vaso da esso, tagliare le foglie, pulire il rizoma e tenerlo in un vaso con torba precedentemente inumidita con acqua, metterlo vicino ad una fonte di calore così non nota troppo le basse temperature. Mettetelo vicino a una fonte di calore in modo che non si accorga troppo delle basse temperature, aggiungete mezzo cucchiaio di Nitrofoska in modo che possa sopportare meglio le condizioni atmosferiche.

  • Le foglie sono rotte/masticate: se avete dei pesci nel vostro stagno, hanno quasi certamente voluto provare il sapore delle sue foglie 🙂 Se questo vi succede, dovrete scoprire quali piante le specie di animali che avete mangiano, e cercare di proteggere il vostro Fiore di Loto avvolgendolo con una rete metallica per esempio.

Resistenza


Si può coltivare all’aperto se durante l’inverno la temperatura non scende sotto i -2ºC. Se vivete in una zona dove fa più freddo, potete proteggere il laghetto coprendolo con una coperta termica da giardinaggio o una plastica trasparente da serra.


A cosa serve?


Il fiore di loto è una pianta che ha diversi usi. In Occidente conosciamo solo un uso, ed è come pianta ornamentale. Ma nel suo luogo d’origine sia il rizoma che i semi vengono consumati arrostiti o cotti, anche usati nella medicina popolare.


In India e in Cina, così come nell’antico Egitto, è considerato un fiore sacro.


Proprietà del fiore di loto


fiore di loto nello stagno


Questa meravigliosa pianta è astringente, diuretica, emolliente, antifungina, antimicrobica, antipiretica, antibatterica, antivirale e antielmintica. Può anche essere usato per prevenire il cancro o come aiuto per la perdita di peso. Ma non solo, può diventare un alleato per coloro che hanno difficoltà ad avere figli.


Anche se ci sono ancora più cose da sapere. Infatti, grazie a questa pianta si può vantare di avere capelli e pelle come mai prima. Da un lato, aumenterà il volume e la lucentezza naturale dei vostri capelli; e dall’altro, aumenterà l’elasticità della vostra pelle, prevenendo le macchie scure e le rughe.


E se si tende ad avere stress e/o ansia, l’olio estratto dai suoi fiori sarà molto utile per contrastarli e per poter condurre una vita più calma.


Come posso approfittarne?


Se volete godere dei molti benefici del fiore di loto, potete fare diverse cose:



  • Estrarre il rizoma e pulirlo con acqua e poi mangiarlo crudo.

  • Usa i suoi fiori per preparare deliziose zuppe.

  • Mettere in ammollo i semi e mangiarli come se fossero uno spuntino.

  • Asciugare la radice e fare una tisana da consumare da sola o mescolata con altre erbe, come il tè verde.

  • Prendi una bottiglia del suo olio essenziale per essere più rilassato e sfruttare al massimo ogni giorno. Puoi anche comprare incenso o candele.

Qual è il significato del Fiore di Loto?


Questi fiori preziosi per la loro bellezza e l’emergere dalle profondità sono stati simbolici nell’antica civiltà egiziana e asiatica.


Antico Egitto


Gli antichi egizi consideravano questi fiori come il simbolo della resurrezione. Per loro, il vederli spuntare dal nulla e avere colori così belli e gioiosi era la prova di cui avevano bisogno per sapere che dopo la morte anche loro sarebbero riemersi.


Asia


In Asia ha lo stesso significato in Egitto. Lì, il loto si chiama padma in sanscrito, ed è una delle piante che vedremo sempre disegnate nelle rappresentazioni buddiste e scolpite nelle figure e nei templi di quella religione. Inoltre, hanno una preghiera rituale che poco a poco stiamo conoscendo qui nel Vecchio Continente e in America: ommanipadmehum (om jewel in the lotus hum!).


Il loto per gli asiatici è la purificazione dello spirito, e non solo, ma permette alla persona di tenere lontano i pensieri negativi che può avere. Qualcosa che è bene sapere se non stiamo attraversando un buon momento.


A seconda del colore del fiore, ha diversi significati. Per esempio: il rosa rappresenta i caratteri divini, il bianco la purezza, il rosso la compassione e il blu la saggezza.


Dove comprare?


fiore di loto nello stagno


Impianto


Si può trovare nei vivai e nei negozi di giardinaggio. Sono venduti in vasi o in bicchieri di plastica con un paio di foglie, pronti per essere messi nello stagno o in un secchio con terra.


Il prezzo varia a seconda della cultivar e delle sue dimensioni, ma di solito si può acquistare per 10 euro.


Semi


I semi posso dirvi che li ho visti in vendita solo nei negozi online. Nei vivai e nei negozi fisici non li ho mai trovati. Il prezzo è di 1 euro per 10 unità.


Curiosità sul fiore di loto


Per dare il tocco finale a questo speciale, parliamo delle curiosità di questo bellissimo fiore. Un fiore che è stato considerato sacro per oltre 5000 anni.



  • In Cina il suo frutto è stato usato per più di 300 anni: ha scopi curativi.

  • I suoi fiori si aprono la mattina presto e si chiudono la sera: dura 3-4 giorni. Mentre un fiore svanisce, un altro si sviluppa.

  • La stagione di fioritura è molto lunga: dura tutta la primavera e tutta l’estate. Inoltre, può fiorire -anche se più raramente- durante l’autunno se si trova in una zona dove il clima è mite (cioè, se non ci sono gelate o sono molto deboli, di breve durata e scarse).

  • Il dolce profumo dei suoi petali attira numerosi insetti impollinatori: api, piccoli uccelli, vespe, libellule… Se vuoi avere uno stagno pieno di vita, avere una pianta di loto è una delle tue migliori opzioni, poiché è molto probabile che questi animali impollineranno in seguito i fiori delle tue altre piante, il che può tornare utile se hai un orto 😉 .

  • Il loro periodo di vitalità può essere molto lungo: infatti, sono stati trovati semi che sono germinati dopo dieci secoli. Non mi credi? Cliccare qui.

  • Aiuta a rilassarsi: anche se abbiamo già detto che il suo olio essenziale è un rimedio efficace contro lo stress, semplicemente osservandolo ogni giorno ti aiuterà a rilassarti. Basta guardarla. Fate attenzione a ciascuno dei suoi petali, alla forma e al colore dei suoi fiori, alla posizione in cui l’avete collocato,… Poco a poco, ma prima che ve ne accorgiate, sarete riusciti a posare il vostro sguardo su di esso. Facendolo per un po’ ogni giorno, vi garantisco che vedrete come la vostra vita quotidiana migliorerà radicalmente. Non c’è niente come essere in giardino, vicino a un fiore antico, per far sparire tutti i mali.

Cosa si può chiedere di più a una pianta? È bello, facile da curare, non ha bisogno di molto spazio ed è perfetto per calmare i tuoi nervi. Cosa aspetti a metterne le mani su uno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *