Come trapiantare una patata


Con il passare del tempo, le piante crescono e hanno bisogno, dopo qualche anno, di essere rinvasate o di avere il loro terreno rinnovato. Concentrandosi su uno specifico, sapete come trapiantare una pianta in vaso?


Se ne hai una e arriva il momento di cambiare il terreno, il vaso o di aiutarla a svilupparsi meglio (magari dividendola per farne crescere nuove piante), qui troverai tutte le informazioni che devi sapere.



Perché le piante devono essere rinvasate


Fonte: Ciao


Vi siete mai chiesti perché ogni anno, o ogni due o tre anni, dovete rinvasare le vostre piante?


Forse siete a conoscenza di una di queste ragioni, ma in realtà ci sono due ragioni per il trapianto:



  • Perché le radici stanno finendo lo spazio al punto che finiscono per uscire da sotto il vaso (a volte così tanto da destabilizzare l'equilibrio del vaso). Questo succede quando non hanno più spazio e cercano un posto (di solito attraverso i fori di drenaggio) per uscire e poter "respirare".

  • Perché il suolo perde sostanze nutritive nel tempo. Immaginate di preparare un pasto delizioso. E lo mangi un giorno. E lo stesso (non uno nuovo, ma lo stesso cibo del giorno prima), il giorno dopo. Il giorno dopo. E il giorno dopo... E verrà il momento in cui quel cibo non sarà più buono? Beh, qualcosa del genere succede al terriccio, ogni volta che si nutrono di esso, perde nutrienti finché alla fine non è più di alcuna utilità per loro.

È vero che si può aggiungere del fertilizzante, ma questa è solo una misura "speciale", e non durerà tutta la vita con questo solo fertilizzante.


Ora, capiamo la riluttanza a trapiantare perché sottoponiamo la pianta a una situazione di stress che le piante spesso non superano. Ma il trapianto di una pianta in vaso, che è l'argomento che trattiamo in questa occasione, non è così difficile e non stressa troppo la pianta se lo si fa bene.


Un'altra ragione per cui potresti non voler trapiantare è per evitare di metterlo in un vaso più grande. In questo caso, alcune persone tagliano semplicemente le radici un po' indietro in modo che la pianta cresca nuove radici e si adatti di nuovo al vaso. Ma non consigliamo di farlo nei primi due anni in cui si ha la pianta perché è necessario che si adatti prima all'ambiente, al clima, alla temperatura, alla posizione, ecc. per avere maggiori possibilità di successo.


Quando trapiantare una pianta di patate


Detto questo, è il momento di trapiantare una pianta di patate. E la prima domanda che potreste avere su questo ha a che fare con il periodo ideale per farlo.


In questo caso, gli esperti consigliano di effettuare il trapianto ogni anno in primavera, proprio quando si è sicuri che non ci saranno più gelate, perché questo eviterà che il freddo riduca le sue possibilità di sopravvivenza, anche se questo colpirebbe più le piante da esterno che quelle da interno, come nel caso del poto.


Come trapiantare un poto



Trapiantare un poto non è né scientifico né difficile - al contrario! Ma, per farlo correttamente, è necessario passare attraverso diversi passi che vi aiuteranno a fare tutto bene.


Prepara ciò di cui hai bisogno


In questo caso, sarebbe un nuovo vaso, terra, strumenti per rimuovere la pianta (rastrello, pala, ecc.), un annaffiatoio (con acqua) e i nostri accessori di protezione (occhiali e guanti).


Alcuni punti da fare prima di continuare:



  • Non scegliere un vaso troppo grande perché i poti tendono a preferire un vaso piccolo. Se lo fate troppo grande, smetterà di spargere foglie perché si concentrerà sulla diffusione delle sue radici in tutto il vaso.

  • Non è schizzinosa riguardo al terreno, ma c'è una combinazione che può essere arricchente per la pianta. È due parti di torba per una parte di sabbia fine. La sabbia aiuterà la pianta a drenare. Un'altra opzione è sabbia fine, torba e pacciame.

  • Contemporaneamente al trapianto si può anche moltiplicare la pianta. Per esempio, per renderlo più cespuglioso. Dovresti solo tagliare alcuni dei suoi rami e metterli nel terreno in modo che possano attecchire (altri lo mettono semplicemente in acqua).

Preparare la nuova pentola


Specificamente, devi mettere una piccola base del substrato che hai preparato, anche se molte persone mettono una base di akadama, perlite, ecc. per aiutare la pianta a sopportare l'umidità in modo che possa nutrirsi (o assorbire l'umidità dal terreno).


Togliere la pianta dal vaso


Quando la togliete dal vaso, la pianta in vaso avrà un blocco di terra e radici. Questa massa compatta può essere difficile da rompere, quindi un piccolo trucco è quello di lasciare asciugare il terreno il più possibile (senza danneggiare la pianta) per renderlo più facile.


Dovrete colpirlo con un bastone o un rastrello, facendo attenzione a non danneggiare troppo le radici per rimuovere tutto il terreno che non è più utile.


Mettilo in quello nuovo


Una volta finito (questo è quello che può richiedere più tempo) potete metterlo nel nuovo vaso e riempire tutti i buchi con nuovo terreno.


Infine, annaffiate un po' in modo che il terreno si assesti bene e il gioco è fatto. È il momento di lasciarlo in un posto tranquillo per ricaricarsi.


Come trapiantare un vaso verticale


Un vaso verticale viene trapiantato allo stesso modo di un vaso sospeso. L'unica differenza è che avrete la guida delle piante. Tuttavia, se potete rimuoverla, sarà molto più veloce da trapiantare.


In caso contrario, dovrai tenerne conto solo quando toglierai la pianta dal vaso (non raccoglierla dal vaso perché può uscire dal terreno) e stabilizzarla quando il vaso perde la terra e devi cambiarla per il nuovo substrato.


Cosa fare se ho una pentola troppo grande?


Fonte: Consigli di giardinaggio


Se la vostra pentola è già in un vaso grande e non volete o non potete metterne uno più grande.


In questo caso, una delle alternative al trapianto di una pianta in vaso è il cosiddetto rinnovamento superficiale del substrato. Questo consiste nel rimuovere una parte del terreno per mettervi una nuova quantità di terra in modo che possa essere nutrita (anche meglio che con il fertilizzante).


Tuttavia, per farlo correttamente, è necessario rimuovere la pianta dal vaso, e con un raschietto, e facendo attenzione a non tagliare o danneggiare le radici, rimuovere quanta più terra possibile per sostituirla quando la si pianta di nuovo nel vaso.


Un'altra opzione è quella di rimuovere solo la terra superiore, finché le radici e gli steli del poto lo permettono, e poi coprirla e sostituirla con nuova terra.


Vi è ora chiaro come trapiantare un poto? L'avete già fatto?

Deja una respuesta

Subir