Caratteristiche e cura dell’Equiseto

Equisetum arvense, il nome scientifico della pianta dell'equiseto


La pianta conosciuta come equiseto è una delle più interessanti, in quanto non solo ha un alto valore ornamentale e una facile coltivazione, ma anche per l’evoluzione che ha avuto dalla sua comparsa nel periodo Devoniano (416 milioni di anni fa).


Quindi, se volete sapere tutto su di esso, non perdetevi questo speciale perché dopo averlo letto, sarà molto facile identificarlo e prendersene cura correttamente.


Indice


Origine e caratteristiche


Vista di Equisetum telmateia


L’equiseto vive vicino a corsi d’acqua dolce tra i 40° e i 60° di latitudine nord. Appartiene al genere botanico Equisetum e sviluppa fusti cilindrici e anulari da 1 a 5 cm di diametro. Da esse spuntano foglie molto sottili che danno loro un aspetto simile a quello delle conifere. Può raggiungere un’altezza di 8 metri, come la specie Equisetum giganteum, ma normalmente non supera il metro.


Specie principali


Il genere è composto da 24 specie, di cui le principali sono le seguenti:


Equisetum arvense


Vista di Equisetum arvense


È una pianta che si trova in Europa. In Spagna cresce sulla costa orientale e a Maiorca (Isole Baleari). Raggiunge un’altezza di 50 cm.

Articolo correlato: Equiseto (Equisetum arvense)

Equiseto hyemale


Vista di Equisetum hyemale in habitat


Si tratta di una pianta conosciuta come equiseto d’inverno che si trova in Nord America, America Centrale, Europa e Asia che raggiunge un’altezza fino a 90cm.

Articolo correlato: Equiseto invernale (Equisetum hyemale)

Equisetum palustre


Vista di steli di Equisetum palustre


È una pianta che si trova nella regione euroiberiana. In Spagna la troveremo nella metà nord della penisola. Raggiunge un’altezza fino a 60 cm.


Come prendersene cura?


Se si desidera ottenere un campione, si raccomanda la seguente cura:


Posizione


L’Equiseto o l’Equiseto deve essere collocato in un luogo luminoso

, in pieno sole o in penombra (dove riceve più luce che ombra). Non ha radici invasive, ma raccomando di piantarla ad almeno un metro di distanza da tubi e così via, in modo che possa svilupparsi bene.

Suolo



  • Vaso: terreno di coltura universale mescolato con il 30% di perlite.

  • Giardino: non importa, ma è importante che abbia un buon drenaggio.

Irrigazione


Le annaffiature devono essere frequenti

, in modo che il terreno non si asciughi. Se è in un vaso, può essere messo in un sottovaso sotto, o anche piantato direttamente in un secchio di gomma nera senza fori usato dagli agricoltori.

Fertilizzazione di


Guano di pipistrello in polvere, ideale per la tua coda di cavallo


Non è necessario, ma è consigliabile

. In primavera e in estate si può aggiungere una manciata o due di fertilizzante organico (guano, letame) una volta al mese.

Tempo di piantagione o trapianto


L’equiseto viene piantato nel terreno in primavera

, quando il rischio di gelo è passato. Se è in vaso, dovrebbe essere rinvasato ogni 2 anni.

Moltiplicazione


Si moltiplica per divisione

in primavera.

Parassiti e malattie


Non ne ha

. Una cosa in meno di cui preoccuparsi 🙂 .

Resistenza


Resiste bene al freddo e alle gelate fino a -7ºC.


A cosa serve?


Ornamentale


L’equiseto non è così decorativo come le rose per esempio, ma i suoi steli sono molto eleganti

, tanto che porteranno quel tocco tropicale che è così popolare nei giardini.

Inoltre, può essere coltivato in vaso per tutta la sua vita

, quindi anche se non avete un giardino potete avere questa interessante pianta in casa.


Medicinale


Questa pianta è usata principalmente come pianta medicinale. Sia gli steli che le foglie, in infusione o in compresse, hanno proprietà molto interessanti. Infatti, sono utilizzati per eliminare i liquidi attraverso il tratto urinario, come coadiuvanti di altri trattamenti in caso di edema, cistite o calcoli renali.


Come se non bastasse, ha proprietà antiemorragiche e rimineralizzanti, il che significa che può essere usato sia per fermare il sanguinamento – sangue dal naso, per esempio – sia per migliorare la salute della pelle, dei capelli e delle unghie.


Dove comprarlo?


L’equiseto può essere acquistato in qualsiasi negozio di vivai e giardini, sia fisico che online. Il prezzo di una pianta adulta (o moderatamente adulta) è di 4-9 euro, ma si può trovare anche per 1-3 euro.


Curiosità


Equiseto, una pianta primitiva


Non volevo finire questo speciale senza dirvi qualcosa di più su di loro, gli Equisetum. Come ho detto all’inizio, hanno iniziato la loro evoluzione 416 milioni di anni fa. A quel tempo erano gli alberi, cioè le piante che dominavano le foreste. Inoltre, si sa che alcune specie raggiungevano altezze impressionanti di 20 metri, ma si estinsero nel Carbonifero (circa 359 milioni di anni fa).


Nonostante ciò, i fossili più chiaramente assegnabili al lignaggio delle echisetacee non appartengono a quei tempi, ma a uno molto più recente: l’Eocene (circa 54-38 milioni di anni fa). Fino ad oggi, solo le specie inferiori sono riuscite ad adattarsi, ma tutte mantengono le stesse caratteristiche dei loro antenati.


Cosa pensi di quello che hai imparato sull’equiseto? Se hai dei dubbi, lasciali nei commenti 🙂

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *